Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il broker marittimo

È in particolare nell'attività di noleggio che il broker svolge gran parte del suo lavoro, diventando figura chiave per la negoziazione facilitando così la conclusione del contratto, grazie alle sue profonde conoscenze del mercato dei noli e delle caratteristiche tecniche delle varie tipologie navali.
Questa tesi tratta proprio la figura del broker marittimo ed è divisa in quattro parti:

1- Storia ed evoluzione della figura del broker
2- Le aree di operatività del broker (chartering e sale and purchase broker)
3- Aspetti giuridici e normativi del broker
4- La contrattualistica

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Cap. 1 Storia ed evoluzione della figura del broker 1.1 La professione di mediatore marittimo «Lo shipbroker, in italiano mediatore marittimo, è colui che media fra i venditori, o gli acquirenti di merci, e gli armatori di navi per raggiungere un accordo per il trasporto della merce dall‟area di produzione a quella di lavorazione/consumo 1 .» La merce in considerazione è prevalentemente alla rinfusa 2 ed è destinata a navi tramp, ovvero che vanno dove è richiesto il loro servizio, percorrendo di tanto in tanto anche dei lunghi tratti di ballast, cioè a stive vuote, per caricare la merce. Ed è in particolare nell‟attività di noleggio che il broker svolge gran parte del suo lavoro, diventando figura chiave per la negoziazione facilitando così la conclusione del contratto, grazie alle sue profonde conoscenze del mercato dei noli e delle caratteristiche tecniche delle varie tipologie navali. Tuttavia egli riveste anche un ruolo critico nelle attività di compravendita della nave 3 . 1 «Così esordiscono U.Costa, E. De Paolis, E. Palmesino, Nel Il Mediatore Marittimo, Bozzi Editore, Genova, 2004, pag.9» 2 Le rinfuse possono essere o solide o liquide; per quanto riguarda le prime si possono citare i minerali di ferro, il carbone, il grano e rinfuse minori come minerali non ferrosi, argille, salgemma, ferro-leghe e altre rinfuse siderurgiche; le rinfuse liquide invece comprendono soprattutto petrolio greggio e relativi prodotti derivati, ma rivestono anche importanza i prodotti chimici, gli oli minerali e vegetali e il vino. 3 V. cap. 2.7

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Marcello Guaragno Contatta »

Composta da 68 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2696 click dal 16/02/2011.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.