Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il management dell'infezione da Helicobacter pylori nella Medicina Generale

L'infezione da Helicobacter pylori è stata correlata a diverse patologie dell'apparato gastrointestinale superiore e non solo.
Questo lavoro, nella prima parte, descrive le varie caratteristiche genomiche del patogeno e quali tra queste sono state correlate ad un "outcome" più severo dell'infezione da H.p.; nei capitoli successivi sono illustrate le patologie H.p. correlate, gli strumenti utilizzati per la diagnosi di infezione e gli schemi terapeutici raccomandati dalle linee guida internazionali.
Il lavoro si conclude con un riferimento all'attività del Medico di Medicina Generale.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Nel XIX Sec. (1892) l’italiano Giulio Bizzozero individuò per la prima volta nella storia della medicina la presenza di batteri spiraliformi nello stomaco di cani e gatti ma, soltanto un secolo dopo, Marshall BJ e Warren JR (1984) descrissero, sulle pagine della rivista “Lancet”, la presenza di bacilli curvi nello stomaco di pazienti portatori di gastrite ed ulcera peptica (Premio Nobel per la Medicina nel 2005); tali batteri, inizialmente classificati sotto il genere Campylobacter, nel 1989 furono riconosciuti come non appartenenti a questo genere e classificati come appartenenti ad un nuovo genere che fu denominato Helicobacter. L’infezione da H.p. nell’uomo è associata a diverse condizioni patologiche principalmente di pertinenza gastrointestinale ma non solo; tra queste le principali sono: gastrite cronica, malattia da ulcera peptica, metaplasia intestinale e neoplasie gastriche (1) . A causa della stretta associazione della presenza di infezione da H.p. e cancro gastrico, nel 1994 il patogeno fu riconosciuto dall’ IARC (International Agency for Research on Cancer) come cancerogeno di I classe (2) . L’ infezione da Helicobacter pylori è una malattia endemica in tutto il mondo ed è attualmente considerata la più comune tra quelle batteriche; ne è affetto mediamente il 50% della popolazione mondiale ma la sua prevalenza non è uguale in tutte le zone del mondo: è maggiore nelle aree industrialmente poco sviluppate quali Asia, Africa e Sud- America (1) dove arriva a toccare punte dell’ 80-90%, mentre nei paesi più sviluppati è portatore dell’infezione mediamente il 20% della popolazione sotto i 40 anni e il 50% di quella sopra i 60 anni; negli ultimi anni, tuttavia, l’infezione da H.p. sta avendo un rapido calo nei Paesi Occidentali, che probabilmente è dovuto sia al successo delle terapie combinate antimicrobiche sia al miglioramento delle condizioni igienico-sanitarie (3) . Sfortunatamente, l’aumento delle resistenze antibiotiche sta iniziando a compromettere l’efficacia dei trattamenti farmacologici attualmente disponibili; purtroppo, nonostante

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Lara Morelli Contatta »

Composta da 58 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2511 click dal 02/03/2011.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.