Skip to content

Tra custodia ed educazione: funzione pedagogica della giustizia e ruolo della Polizia Penitenziaria in ambito minorile

Informazioni tesi

  Autore: Maria Ciotola
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università Telematica Pegaso
  Facoltà: Scienze dell'Educazione
  Corso: Scienze dell'educazione e della formazione
  Relatore: Gianluca Guida
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 88

La scelta di preparare la tesi su questo argomento, ossia la funzione pedagogica della giustizia e il ruolo della polizia penitenziaria in ambito minorile, è nata dall’interesse per l’evoluzione che ha subito l’idea di carcere: da luogo di reclusione e sradicamento dalla società civile, a un carcere che può diventare ambiente educativo di apprendimento, nel cui interno ci sono operatori capaci di utilizzare metodologie mutuate dalle scienze umanistiche, per ampliare le comunicazioni e le possibilità di confronto, in modo che, colui che lascerà il carcere, avrà la possibilità di reinserirsi positivamente nella società.
Ho focalizzato l’attenzione prima di tutto sulla persona con la quale gli operatori penitenziari minorili dovranno relazionarsi: l’adolescente. Nel primo capitolo, ho analizzato le caratteristiche di questa delicata fase della vita e le tappe che conducono alla realizzazione del sé. Ho affrontato il tema del rapporto con la scuola, il gruppo dei pari e le dinamiche relazionali che si attivano al suo interno, il rapporto con i genitori citando anche i diversi stili educativi adottati. Infine, ho analizzato il difficile rapporto con l’autorità. Nel secondo capitolo ho trattato il tema della devianza, illustrando le varie teorie sull’argomento, partendo dalla Scuola Classica fino ad arrivare ai nostri giorni, e citando anche il pensiero di Vittorino Andreoli. Sono poi passata all’analisi dei meccanismi di difesa, così come interpretati da Bandura e da Matza e Sykes; essi parlano di “tecniche di neutralizzazione”. Infine, riflettendo su come possiamo aiutare i giovani, ho sottolineato quanto sia importante la presenza dell’adulto, allo scopo di promuovere la crescita serena del minore, per renderlo più indipendente e più responsabile nell’affrontare le varie esperienze della vita.
Il terzo capitolo è dedicato alla funzione pedagogica della giustizia. Ho analizzato l’evoluzione del concetto di pena. Citando la Legge 354/75, ho parlato del trattamento penitenziario, quindi dell’individualizzazione, intesa come la necessità di adattare la pena alla specifica personalità del detenuto, e della risocializzazione, ossia il positivo reinserimento nella società libera del minore ristretto una volta che questi abbia lasciato il carcere. Un ruolo fondamentale nel trattamento penitenziario è svolto dall’equipe tecnica. Il quarto capitolo è centrato sul ruolo della Polizia Penitenziaria, da semplice “custode”, ad un operatore che, come stabilito dalla L.395/90, fa parte dell’equipe trattamentale e, pertanto, deve possedere competenze specifiche.
L’ultimo capitolo è dedicato all’IPM di Nisida, alla conoscenza delle attività formative che vi si svolgono, le attività scolastiche, il cineforum, e i tanti laboratori con valenza di formazione professionale che portano alla creazione di originali manufatti, nonché le attività teatrali e musicali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
42 Capitolo terzo La funzione educativa della giustizia 3.1 La concezione del carcere e della pena Il concetto di sistema penitenziario fa riferimento agli “apparati organizzativi che hanno la finalità, all‟interno del più complessivo sistema penale, di provvedere alla esecuzione delle pene (in generale limitatamente a quelle preventive o limitative della libertà) inflitte dai tribunali”. 35 Nella storia del carcere si assiste al passaggio da un‟organizzazione punitiva, che rappresentava il luogo in cui scontare una pena, con una finalità volta all‟isolamento del soggetto, ad un‟altra organizzazione con scopi prevalentemente rieducativi, che manifesta la preoccupazione di quale soggetto rientrerà nella società una volta che la pena abbia avuto termine. La parola pena deriva dal latino “poena” e significa castigo e quindi una punizione conseguente ad un errore commesso che offende o la società, o la tribù, o la divinità. In tempi remoti, la pena era privata, non esisteva quella pubblica: era il privato che aveva subito il torto/danno che si rifaceva sul reo offensore (“la legge del taglione” o “la legge del contrappasso”). Successivamente, intorno al 400 – 500 d.C. la pena diventò pubblica ed era decisa dall‟autorità costituita; il carcere (dal latino “carcer” costringere, tener chiuso) era un posto dove i rei erano confinati in attesa di giudizio, ed era costituito dai luoghi più svariati: recinti, cave, cisterne. Uno sguardo particolare merita il sistema punitivo romano che distingueva tra pene a carattere privato (pene private previste per i trasgressori di norme dettate nel prevalente interesse individuale e consistevano per lo più in una somma di denaro che doveva essere versata all‟offeso come risarcimento del danno subito) e pene a carattere pubblico ( per i trasgressori di norme dettate nel 35 Daga L, Sistemi penitenziari, in Immagini dal carcere, Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, Roma, 1994

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

adolescenza
carcere
devianza
educatore in carcere
giustizia minorile
nisida
polizia penitenziaria
rieducazione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi