Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Assorbimento di energia alle radiofrequenze indotto dai telefoni cellulari: il calcolo del sar mediante la fd-td

La grande diffusione della telefonia cellulare che si è verificata negli ultimi dieci anni ha stimolato lo sviluppo di studi orientati ad una maggiore conoscenza delle interazioni tra onde e.m. non ionizzanti e corpo umano.
Uno degli effetti determinati dall’esposizione del corpo umano alle radiazioni e.m. è l’assorbimento di energia, con conseguente aumento di temperatura corporea.
Lo scopo del presente lavoro è quantificare l’assorbimento di energia indotto da un telefono cellulare nella testa umana e verificare se esso è nei limiti prescritti dalle norme. Tale assorbimento è quantificato da un parametro, il SAR (Specific Absorption Ratio) ovvero il tasso di assorbimento specifico. Esso esprime l’energia assorbita per unità di massa e di tempo.
Il SAR è stato calcolato a diverse frequenze con diversi modelli di testa, per mezzo di una serie di simulazioni numeriche. Tali simulazioni numeriche sono svolte con il metodo della FDTD, particolarmente usato nelle simulazioni per scopi biomedici.
Nel capitolo 1 è esposta una breve trattazione sugli effetti dell’assorbimento di onde e.m. da parte di tessuti biologici, con riferimento alla norma CEI ENV 50166-2.
Nel capitolo 2 è esposto l’algoritmo FDTD, specie nelle problematiche concernenti le simulazioni svolte.
Nel capitolo 3 vengono presentati i risultati ottenuti nelle diverse simulazioni svolte, nonché i criteri e le scelte seguite nella stesura dei programmi di simulazione. Sono inoltre mostrati vari grafici, utili a comprendere i vari aspetti attinenti l’assorbimento di energia alle radiofrequenze.
Nel Capitolo 4 segue una breve discussione sui risultati ottenuti, cercando di giustificarli da un punto di vista fisico. Essi sono inoltre confrontati con i risultati di altre simulazioni analoghe apparse su riviste specializzate.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE La grande diffusione della telefonia cellulare che si è verificata negli ultimi dieci anni ha stimolato lo sviluppo di studi orientati ad una maggiore conoscenza delle interazioni tra onde e.m. non ionizzanti e corpo umano. Non è ancora ben chiaro quali siano le risposte biologiche ai segnali a radiofrequenza, né se esistano rischi per l’uomo, soprattutto a medio e lungo termine. Sicuramente uno degli effetti determinati dall’esposizione del corpo umano alle radiazioni e.m. è l’assorbimento di energia, con conseguente aumento di temperatura corporea. La ricerca medica sta verificando se esistano altri tipi di effetti, oltre quello termico, che possono indurre modificazioni varie nel corpo umano, specie per un’esposizione protratta nel tempo (effetti a medio e lungo termine). L’assorbimento di energia indotto dalle onde e.m. è regolato da varie norme, che ne stabiliscono i limiti. In Italia ed in Europa la normativa vigente è la CEI ENV 50166. Lo scopo del presente lavoro è quantificare l’assorbimento di energia indotto da un telefono cellulare nella testa umana e verificare se esso è nei limiti prescritti dalle norme. Tale assorbimento è quantificato da un parametro, il SAR (Specific Absorption Ratio) ovvero il tasso di assorbimento specifico. Esso esprime l’energia assorbita per unità di massa e di tempo. Il SAR è stato calcolato a diverse frequenze con diversi modelli di testa, per mezzo di una serie di simulazioni numeriche. Tali simulazioni numeriche

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Luca Ciasca Contatta »

Composta da 126 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2129 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.