Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Politiche pubbliche per l'innovazione in contesti locali con diversi gradi di sviluppo

Il presente lavoro ha come obiettivo principale il tentativo di fornire una panoramica descrittiva delle politiche pubbliche per l’innovazione a livello locale in Paesi con diversi gradi di sviluppo. Partendo dall’analisi critica della letteratura, sia rispetto alle determinanti e alle caratteristiche del processo innovativo, sia per quanto riguarda la rationale che sta alla base dell’intervento pubblico, verranno passati in rassegna i principali strumenti di intervento, da quelli più tradizionali, a quelli con un’impronta più “sistemica”, ossia che tengono conto delle interazioni tra i soggetti che partecipano al processo innovativo. Il lavoro ruota intorno all’analisi dei casi di studio, che verrà effettuata nel quarto capitolo, in seguito ad un’ampia rassegna critica della letteratura e all’analisi di dati primari. In quest’ultimo capitolo verranno trattati alcuni sistemi locali di innovazione, ritenuti di particolare interesse, al fine di analizzare le politiche adottate e individuare possibili alternative e implicazioni ulteriori. I casi di studio scelti per l’analisi sono tre, di cui due in Brasile (il cluster della frutta di Santa Catarina e il cluster metalmeccanico di Espirito Santo) e uno in Cile (il cluster del salmone delle Regione dei Laghi).Nell’ultima parte del quarto capitolo verrà inserita l’esperienza di due provincie, Hsin-Chu (Taiwan) e Gauteng (Sud Africa), che in misura e con esiti differenti, hanno adottato una serie di politiche per lo sviluppo locale mirate alla promozione di settori knowledge-intensive, soprattutto elettronica avanzata e ICT. Questi interventi, prendendo spunto dal successo della Silicon Valley (USA), si sono concretizzati nella creazione di parchi scientifico-tecnologici che agiscono da incubatori, al fine di creare un ambiente favorevole al trasferimento di conoscenze e tecnologie e allo sviluppo di imprese innovative. In questa parte verranno fornite delle considerazioni preliminari e, attraverso una breve descrizione di queste esperienze, si vuole mostrare che le politiche per l’innovazione nei contesti emergenti hanno riguardato, in alcuni casi, settori ad altra tecnologia, oltre che settori più tradizionali come nei casi precedenti.

Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO 1 L’INNOVAZIONE NELLA TEORIA ECONOMICA Abstract In questo capitolo verranno presi in analisi i principali approcci teorici che hanno esaminato il processo innovativo delle imprese. E’ ampiamente riconosciuto che l’innovazione è la più importante fonte di crescita e sviluppo economico. I contributi sullo studio dell’innovazione e delle politiche necessarie al suo sostegno sono innumerevoli, sebbene sia facile riscontrare una certa ambiguità nella definizione e concettualizzazione della stessa attività innovativa. Nelle pagine successive verranno analizzate le due scuole principali che si confrontano nell’analisi delle caratteristiche, determinanti e conseguenze dell’innovazione, quella mainstream e quella evolutivo - sistemica. 1.1 )L’approccio neoclassico dei fallimenti del mercato I contributi teorici che hanno esercitato maggiore influenza nell’ambito della scuola neoclassica sono quello di Nelson (1959) e quello di Arrow (1962a). Il primo indaga in particolare il settore della ricerca di base, mentre Arrow analizza la creazione di conoscenza da parte delle imprese nel contesto neoclassico. Per entrambi, l’unità di analisi è il singolo soggetto economico, che si rapporta alla altre componenti del sistema attraverso la competizione, quindi attraverso il meccanismo dei prezzi. La teoria neoclassica dell’impresa è una teoria di equilibrio dei mercati, che considera l’attore economico come una scatola nera, la cui organizzazione interna e le forme di apprendimento sono ampiamente ignorate. I soggetti economici sono dotati di razionalità sostanziale, hanno accesso allo stesso insieme di informazioni e alla stessa tecnologia e non incorrono in costi aggiuntivi di apprendimento quando adottano nuove tecniche produttive (Malerba, Cusmano 2001). In questi modelli la tecnologia è 14

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Marilena Moscatiello Contatta »

Composta da 184 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2645 click dal 16/03/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.