Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Vita, miracoli e morte di Pantalon de' Bisognosi: Teatro e società in Carlo Goldoni

Mondo e Teatro, realtà e arte, da qui dobbiamo partire per comprendere e apprezzare l’opera e l’attività di un autore che fu sicuramente il borghese più tipico dei decenni attorno alla metà del XVIII secolo in Italia. Questi, i due termini inscindibili caratterizzanti la sua produzione, e possiamo dire la sua vita. Una vita, la sua, povera di eventi sui quali meriti di soffermarsi a prescindere dalla produzione teatrale, e che ha senso solo in rapporto al lento manifestarsi d’una prepotente, originaria vocazione ad essere scrittore di commedie. Il Mondo è davvero, per Goldoni, il primo “maestro”, necessario in ogni tempo alla vitalità della commedia… (Prefazione). Il suo teatro altro non vuol essere che trascrizione del contemporaneo, e di un contemporaneo nazionale; trascrizione critica (e non satirica, chiarirà ne Il Teatro comico, manifesto della sua ideologia poetica) di una realtà e di un ambiente, quello veneziano mediosettecentesco, del quale egli fa parte e del quale egli si fa interprete e ritrattista fedele

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Capitolo primo Pantalone, da “Uomo di mondo” a “Uomo prudente” Carlo Goldoni. Una vita per il Teatro Mondo e Teatro, realtà e arte, da qui dobbiamo partire per comprendere e apprezzare l‟opera e l‟attività di un autore che fu sicuramente il borghese più tipico dei decenni attorno alla metà del XVIII secolo in Italia. Questi, i due termini inscindibili caratterizzanti la sua produzione, e possiamo dire la sua vita. Una vita, la sua, povera di eventi sui quali meriti di soffermarsi a prescindere dalla produzione teatrale, e che ha senso solo in rapporto al lento manifestarsi d‟una prepotente, originaria vocazione ad essere scrittore di commedie. Il Mondo è davvero, per Goldoni, il primo “maestro”, necessario in ogni tempo alla vitalità della commedia… (Prefazione). Il suo teatro altro non vuol essere che trascrizione del contemporaneo, e di un contemporaneo nazionale; trascrizione critica (e non satirica, chiarirà ne Il Teatro comico, manifesto della sua ideologia poetica) di una realtà e di un ambiente, quello veneziano mediosettecentesco, del quale egli fa parte e del quale egli si fa interprete e ritrattista fedele. E i colori, gli strumenti necessari alla sua “rappresentazione” del Mondo gli sono offerti dal Teatro, l‟altro

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Francesco Gagliardi Contatta »

Composta da 277 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1295 click dal 22/03/2011.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.