Skip to content

Capri nella pubblicistica turistica

Informazioni tesi

  Autore: Federica Cerrotta
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2009-10
  Università: università degli studi Suor Orsola Benincasa, Napoli
  Facoltà: Lettere
  Corso: Conservazione dei Beni Culturali
  Relatore: Leonardo Di Mauro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 81

Il mio elaborato nasce dalla volontà di esaminare la storia del turismo a Capri e quella della sua pubblicistica nel corso degli anni. Ascoltando le storie dei nonni, ho potuto immaginare una Capri agli inizi del Novecento, e, con un po’ di fantasia, “tuffandomi” nelle immagini delle vecchie cartoline e foto di famiglia, ho sentito crescere l’amore per le tradizioni e per la storia del posto dove vivo.
Con questo elaborato, ho voluto mostrare un materiale che negli anni ha contribuito ad avviare il processo di pubblicizzazione dell’Isola di Capri; la mia ricerca ha avuto ragione di esistere solo grazie all’amore e alla caparbietà di chi negli anni ha collezionato e conservato con cura molto di questo materiale: etichette per valigia, manifesti turistici e di albergo. Ho potuto constatare, purtroppo, che alberghi ed enti per il turismo hanno conservato poco, se non nulla, del materiale riguardante la pubblicistica, sottraendo così un importante tassello alla storia di Capri. Essa, ovviamente, si è avvalsa molto, come tutte le località turistiche, di quel materiale che potrebbe essere considerato da molti effimero, ma che in realtà è molto interessante da studiare. Ho analizzato la storia di Capri dalle sue origini fino ad oggi.Partendo dal Grand Tour e dagli effetti culturali ed artistici di questo fenomeno sulla popolazione europea e napoletana, ho analizzato il modo di viaggiare, la mentalità del viaggiatore e il materiale effimero con cui, in alcuni casi, si accompagnava.
E’ nell’Ottocento che Capri entra a far parte delle mete del Grand Tour, dal quale era rimasta esclusa a lungo, anche per la difficoltà di raggiungere l’isola. Durante “il viaggio in Italia”, il turista si fermava alla visita di Napoli, di Pompei ed Ercolano. Dal 1826, in poi, la fortuna di Capri prenderà l’avvio da un’importante scoperta, o meglio riscoperta: la Grotta Azzurra. Questo avvenimento sarà raccontato da poeti, letterati e vari artisti del tempo e contribuirà notevolmente ad aumentare la fortuna turistica di Capri fino ad i giorni nostri.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
7 Capitolo I La storia di un mito e di una meta 1.1 Cenni storici Capri fu abitata fin dall’Età del Bronzo 1 e sono vari i reperti e le testimonianze rinvenuti in varie zone, in particolare quelli della Grotta delle Felci, una delle più importanti stazioni della preistoria italiana. Chiusa questa fase, intorno al VII secolo a.C., Capri entra a far parte della colonizzazione dei Greci e i suoi primi abitatori furono i Teleboi 2 , provenienti dalle coste dell’Arcadia e delle isole greche dello Jonio. Successiva alla colonizzazione greca, ricordiamo quella romana, durante i regni di Augusto e Tiberio, che provocò notevoli trasformazioni sul territorio, lasciandoci poche testimonianze della presenza greca anteriore. Una tra tutte è la scala impropriamente detta “Fenicia”, che è in realtà greca, perché presenta nella parte alta i gradini intagliati nella roccia, come usavano i greci nelle isole rocciose dell’Egeo. Nel 29 a.C. Ottaviano, non ancora Augusto, innamoratosi dell’Isola, decise di farne un suo dominio privato. La profondità del mare e le alte rupi fecero scegliere, poi, all’imperatore Tiberio, in cerca di pace e solitudine, Capri come meta del suo esilio. L’imperatore dispose la costruzione di dodici ville, ognuna delle quali dedicata a una divinità e nella più 1 S. Borà “Piccola guida storica di Capri”, 1995, op. cit.,p.7. 2 S. Borà “Piccola guida storica di Capri”,1995, op. cit.,p.8.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

capri
collezionismo
grand tour
manifesti turistici
pubblicistica
pubblicistica turistica

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi