Skip to content

La condizione umana in Hannah Arendt

Informazioni tesi

  Autore: Laura Ferrara
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze dell'Educazione
  Relatore: Antonio Gargano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 133

Il novecento è stata l’epoca nella quale ha fatto la sua comparsa, anche se tra non poche critiche e fraintendimenti, il “pensiero femminile”.
Se da un lato è singolare fare questa distinzione, dall’altro, mi sembra quanto meno necessaria; infatti, evitando qualsiasi, a mio modesto avviso, inutile rivendicazione femminista, è indiscutibile che prima di allora sembrerebbe che nessuna donna abbia mai “pensato” ;ma soprattutto, e questo mi sembra l’aspetto più importante e altrettanto indiscutibile, che il contributo portato dalle donne sia stato originale rispetto alla millenaria storia della filosofia occidentale. La novità principale di queste pensatrici è stata quella di mostrare con forza, o forse dovrei dire, “semplicemente” dimostrare, come si possa praticare la filosofia rimanendo ancorati ai problemi della Terra senza esasperate derive metafisiche o astratte spiegazioni logiche.
Motivo quest’ultimo, che ha reso possibile, più di ogni altro aspetto delle loro complesse speculazioni, l’esclusione, da parte di alcuni addetti ai lavori, di queste pensatrici dal ristretto cerchio dei filosofi.
Questa è la cifra che accomuna il pensiero delle quattro pensatrici più celebri del novecento: Hannah Arendt (1906-1975), Simone Weil (1909-1943) , Simone de Beauvoir (1908-1986) e Maria Zambrano (1904-1991) .
In questo mio lavoro cercherò di concentrare la mia attenzione su Hannah Arendt, la cui vita si intrecciò non soltanto con gli eventi più tragici della storia del novecento, ma anche con quelli che furono i pensatori più straordinari di questo secolo; soltanto per citarne alcuni, Martin Heidegger, Karl Jasper, Walter Benjamin e Gershon Scholem. I quali tutti, chi per un verso chi per un altro, rimasero “ammaliati” da questa donna, tanto da non poter fare a meno di interloquire, discutere ed anche litigare, fino alla fine dei suoi giorni con lei.
In particolare, mi soffermerò su uno dei suoi libri, “Vita Activa”, nel quale, a mio avviso, siccome si concentrano più o meno tutti i temi più cari alla pensatrice, si può riuscire ad avere un’idea più dettagliata del suo pensiero.
Un pensiero, quello della Arendt, la cui forza è descritta bene da un’altra donna, la poetessa Julia Kristeva, in un libro di quest’ultima su di lei.
« … Rimane l’energia della Arendt che non smette di raccontare come l’essenza di chi si è non può essere reificata da se stessi” .
Nietzsche aveva invocato una filosofia della vita da viversi pienamente: “Permetto agli uomini ben riusciti di filosofare sulla vita”; “bisogna voler vivere i grandi problemi con il corpo e con la mente” . Hannah Arendt è a modo suo, forse, l’unica filosofa del XX secolo a realizzare questa filosofia della vita in quanto filosofia specificatamente politica, vissuta con il suo “essere riuscita bene” come donna e come ebrea. La sua opera di politica ne è la prova, così come la meditazione sulla vita raccontata, o sul racconto indispensabile alla vita, al tempo stesso sua condizione e suo doppio: poiché (la Arendt, con Aristotele, ne è persuasa) esiste solo la vita politica, e poiché (la Arendt ne è convinta con Agostino) non esiste vita (bios) che nella rinascita narrativa» .
Questo “pathos” descritto dalla Kristeva sarà pienamente realizzato da questa stra-ordinaria pensatrice, che sarà accompagnata per tutto l’arco della sua vita da quel Demone di cui parlava Socrate.
Quel Demone da cui sono posseduti soltanto i veri filosofi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Il novecento è stata l’epoca nella quale ha fatto la sua comparsa, anche se tra non poche critiche e fraintendimenti, il “pensiero femminile”. Se da un lato è singolare fare questa distinzione, dall’altro, mi sembra quanto meno necessaria; infatti, evitando qualsiasi, a mio modesto avviso, inutile rivendicazione femminista, è indiscutibile che prima di allora sembrerebbe che nessuna donna abbia mai “pensato” 1 ; ma soprattutto, e questo mi sembra l’aspetto più importante e altret- tanto indiscutibile, che il contributo portato dalle donne sia stato originale rispetto alla millenaria storia della filosofia occidentale. La novità principale di queste pensatrici è stata quella di mostrare con forza, o forse dovrei dire, “semplicemente” dimostrare, come si possa praticare la filosofia rimanendo ancorati ai problemi della Terra senza esasperate derive metafisiche o astratte spiegazioni logiche. Motivo quest’ultimo, che ha reso possibile, più di ogni altro aspetto delle loro complesse speculazioni, l’esclusione, da parte di alcuni addetti ai lavori, di queste pensatrici dal ristretto cerchio dei filosofi. Questa è la cifra che accomuna il pensiero delle quattro pensatrici più celebri del novecento: Hannah Arendt (1906-1975), Simone Weil (1909-1943) 2 , Simone de Beauvoir (1908-1986) 3 e Maria Zambrano (1904-1991) 4 . 1 Lo stesso non si può dire riguardo alla poesia che le donne hanno praticato sin dagli albori di quest’arte, o della letteratura, dove pur non essendo altrettanto precoci, comunque, la comparsa del mondo femminile è di gran lunga precedente, alla loro presenza, nel campo della speculazione filosofica. Ed è singolare il fatto che il mondo femminile ha avuto, sia nell’epica che nella Tragedia classica, subito una dignità pari a quella del mondo maschile: si pensi alla grandezza di personaggi come, Elena, Clitennestra, Cassandra, Nausica, Penelope, nell’Iliade e nell’Odissea, o di figure, divenute veri e propri paradigmi della nostra cultura, come Antigone, Medea, o Elettra, scaturite dalla Tragedia greca. Un discorso a parte meriterebbero le cosìddette arti plastiche e la musica. 2 Filosofa, ebrea francese, il cui pensiero è sicuramente una speculazione a tratti religiosa, ma mai, specifica- tamente, metafisica.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

hannah arendt
la vita politica
martin heidegger
vita activa

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi