Skip to content

Le cave di Prun. Riscoprire un'identità "sottratta"

Informazioni tesi

  Autore: Alice Zeni
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Parma
  Facoltà: Architettura
  Corso: Architettura
  Relatore: Chiara Visentin
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 227

Si tratta di una tesi di ambito paesaggistico; essa, tramite un progetto di valorizzazione del terrotorio, mira a spostare l'attenzione sul patrimonio territoriale che abbiamo e che spesso l'uomo deturpa in nome dello sviluppo creando sempre più paesaggio antropizzato e lasciando sempre meno paesaggio naturalistico. L'oggetto del progetto sono delle cave di marmo (pietra di Prun) ubicate nella Valpolicella, dismesse dagli anni '50, che ora abbandonate si stagliano come profonde ferite nel fianco del monte. Dando loro voce, esse sono in grado di raccontare la storia che hanno vissuto, tramite la realizzazione di un ecomuseo, un percorso museale dove il contenuto e il contenitore si compenetrano...dove le cave stesse sono museo e "tesoro". Le cave si raccontano tramite un climax ascendente fino a giungere alla pura e semplice contemplazione dello spazio cavo in un percorso sensoriale di avvicinamento alla materia pietra.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
- 7 - INTRODUZIONE Il paesaggio è sempre stato nulla più che una sensazione, un’esperienza fuggevole sempre pronta a con- fondersi e intrecciarsi di volta in volta con il sentimento, con il gusto, con la funzionalità, con la cono- scenza. Per esistere il paesaggio deve costituirsi in immagine (della realtà); essa si compone come di- sposizione spaziale degli elementi ritenuti più significativi dal punto di vista morfologico-strutturale connaturati ad un definito campo concettuale che può andare dall’arte alla scienza; si può parlare di pae- saggio naturale ma anche di paesaggio urbano; di paesaggio spirituale, ma anche di paesaggio sociale. Gli studi estetici mettono in luce come nel procedere dalle figure bizantine a quelle dell’ epoca di Giotto, Masaccio, Giorgine, Carpaccio, Poussin si assista ad una progressiva trasformazione del paesaggio da elemento di sfondo a elemento di primo piano, studiato con la stessa accuratezza riservata alle figure umane; come con la progressiva antropizzazione dell’ ambiente naturale che caratterizza le diverse parti di un territorio, all’immagine di una selva popolata di animali, subentri quella di un paesaggio ricco di identità e significato, godibile anche esteticamente. Solo con il ‘900 si ha una riunificazione di tutti i fattori modificanti il paesaggio, anche di tipo psicologi- co, cha hanno contribuito a definire il concetto di paesaggio. Tra i contributi più interessanti di Paul Klee, ne ritroviamo alcuni sul paesaggio che egli affrontava sotto il profilo del rapporto energia-for- ma e guidato da un’ottica di un’unica legge che regolasse i fenomeni morfologici e i processi vitali. Molti sono i provvedimenti che nel corso degli anni sono stati adottati col fine di stabilire le aree di tutela e salva- guardia ambientale e territoriale; tali porzioni di territorio, però, si identificavano con ambiti particolari e specifici come il patrimonio architettonico, il patrimonio ecologico, la vita selvatica ed il suo ambiente naturale, partico- lari tipi di habitat naturali. Tale visione di tutela ha un carattere frammentario, che esclude tutto quel territorio che non ha una caratterizzazione propria oltre al suolo in sé. Sennonché, negli anni ’90 del V entesimo secolo, gli Stati Membri del Consiglio d’Europa, constatando che il paesaggio svolge importanti funzioni di interesse ge- nerale, sul piano culturale, ecologico, ambientale e sociale e costituisce una risorsa favorevole all’attività econo- mica, si riuniscono per realizzare quel documento che nasce col nome di Convenzione Europea del Paesaggio.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

allestimento
ambiente
antropizzare
camini di luce
cave
ecomuseo
marmo
museo
paesaggio
percorso
pietra
proiezioni
sensoriale
storia
territorio
valorizzazione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi