Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Creazione di PTK_GFP/LUC, vettore di trasfezione per la manipolazione genetica di Plasmodium berghei e per lo studio della risposta immunitaria murina.

La malaria è la più importante parassitosi e la seconda malattia al mondo per morbidità e mortalità dopo la tubercolosi, con 500 milioni di nuovi casi clinici e 2,1 milioni di morti all'anno. Il 40% della popolazione mondiale, circa 2 miliardi e 400 milioni di persone, è esposto al rischio malaria. Le aree più colpite sono soprattutto le regioni tropicali e sub-tropicali del pianeta. In Africa Sud sahariana, America Latina ed Asia, dove l'ecologia è permissiva per lo sviluppo delle specie locali di Anopheles vettrici, questa malattia infettiva risulta endemica e rappresenta un importantissimo problema sanitario nonché un enorme ostacolo allo sviluppo socio-economico delle popolazioni interessate.
Lo sviluppo della resistenza ai comuni farmaci antimalarici ed i loro costi elevati, la capacità di Plasmodium di eludere il sistema immunitario dell'ospite attraverso l'espressione di geni stadio specifici e la suscettibilità delle zanzare Anopheles nei confronti del parassita, rendono indispensabile l'avvio di nuove strategie. Lo sviluppo di vaccini antimalarici, di farmaci a basso costo e l'ingegnerizzazione del vettore, rappresentano ora, gli obiettivi maggiormente perseguiti.

Mostra/Nascondi contenuto.
8 1.1.4 IL VETTORE I parassiti vengono trasmessi da zanzare femmine del genere Anopheles (figura 3), insetti appartenenti alla sottofamiglia Anopelinae. Si conoscono circa 340 specie appartenenti a questo genere e delle quaranta in grado di trasmettere la malattia, Anopheles gambiae risulta essere quella maggiormente coinvolta. Figura 3: Femmina di A. gambiae durante un pasto di sangue [5] Le zanzare femmine sono insetti ematofaghi che, oltre a fungere da vettori passivi, ospitano parte del ciclo vitale del parassita e quindi si comportano da vettori biologici attivi. Esse prediligono il clima caldo-umido delle aree tropicali e sub-tropicali [2]. Le elevate temperature di queste regioni permettono la sopravvivenza dell'insetto e, allo stesso tempo, consentono a Plasmodium di completare il suo ciclo vitale all'interno della zanzara 2 . 2 Il ciclo sporogonico del parassita è temperatura-dipendente: se le Anopheles si mantengono a temperature relativamente basse (per esempio inferiori ai 22-23°C), la durata del ciclo stesso si allunga di molto superando la longevità media del vettore.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Elisa Gaggioli Contatta »

Composta da 87 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 511 click dal 18/02/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.