Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Collezione Guggenheim a Vercelli

La mia tesi propone una analisi organizzativa socio-culturale di tutte, o della maggiorparte, delle decisioni che hanno portano alla realizzazione degli eventi riguardanti la collezione Guggenheim nella sede Arca della città di Vercelli.

Mostra/Nascondi contenuto.
30 1.3.1 LA CHIESA DI SAN MARCO, IL SERRAGLIO E LA NAVICELLA TECNOLOGICA E IL RESTAURO Nel 1212 venne donata “una casa, corte e orto” ai “poveri cattolici in Cristo” 29 ; questo è forse il primo nucleo di quella che in seguito sarebbe diventata la Chiesa Eremitana di San Marco in Vercelli. In realtà per le poche testimonianze si può ipotizzare che le origini del San Marco di Vercelli siano proprio legate alla presenza in città di un gruppo di poveri cattolici; infatti tre di loro, Vuarnario, Anrico e Ottone, il 7 febbraio 1212, a nome dei loro confratelli, accettarono da Nicola e Guglielmo, figli del dottor Bellino, la donazione di una casa murata e solitaria, con aia, corte e orto posta nella città di Vercelli appresso la barbacana ove risiedere, impegnandosi a conservare la propria fede all‟interno della Chiesa Cattolica. Nel 1246 doveva quindi già esistere un piccolo oratorio dedicato a San Marco. I frati forse desideravano costruire un edificio che per la sua ampiezza risultasse più adatto alle esigenze pastorali del momento ed in particolare alla predicazione. Seguirono molti altri acquisti. Venne poi il momento della posa della prima pietra il 19 agosto 1266. Dal primo piccolo oratorio si sarebbe costruita la Chiesa a partire dal 1266 per modificarla poi a partire dal 1344. Dalle fonti non emergono elementi che consentano di seguire la formazione attraverso i secoli della grande Chiesa. Il San Marco, per le sue dimensioni, può essere considerato similare a molte altre chiese mendicanti. La sua architettura è semplice ed essenziale per sottolineare la scelta della povertà degli ordini mendicanti. Poiché con la predicazione si rivolgevano a moltissime persone, dovevano quindi costruire edifici di grandi proporzioni, disponendo però di mezzi economici limitati, per cui ricorrevano all‟intervento finanziario dei fedeli o delle autorità locali. L‟edificazione della chiesa continuava nel tempo, come testimoniano diversi lasciti quattrocenteschi. Era il 29 agosto 1455 quando, con la solennità delle grandi feste liturgiche, il Vescovo di Vercelli, Ubertino, consacrò la chiesa, il chiostro ed il cimitero a lode di 29 Come da CompendioIstorico Diplomatico di F.Perucchetti; Istituto Tecnico Commerciale e per Geometri C.Cavour, La ex Chiesa di San Marco in Vercelli oggi, ieri, 700 anni fa. Studio storico, architettonico e topografico, Vercelli 1994.

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Arianna Ruggerone Contatta »

Composta da 158 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 440 click dal 24/02/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.