Skip to content

Il patrimonio di archeologia industriale di Schio. Confronti internazionali e proposte di valorizzazione turistica

Informazioni tesi

Traduttore: Ilaria Poggia
  Tipo: Traduzione
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Trento
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Mediazione Linguistica e Comunicazione letteraria
  Relatore: Elena Dai Prà
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 162

Questo documento è una traduzione dall'originale:

"El patrimonio de arqueología industrial de Schio. Comparaciones internacionales y propuestas de valoración turística"

Lo scopo di questo elaborato è incentivare lo sviluppo del turismo culturale a Schio, famoso polo industriale dell’Alto Vicentino, utilizzando i numerosi lasciti di archeologia industriale. La città di Schio è stata paragonata ad altre realtà italiane, britanniche e spagnole, nelle quali si sia affermata in passato l’industria tessile e che oggi siano state correttamente recuperate per venire sfruttate dal punto di vista turistico-culturale.
Il patrimonio archeologico-industriale di Schio può essere maggiormente valorizzato rispetto a quanto accada oggi, attraverso il recupero e il mantenimento delle strutture in disuso e la creazione e diffusione di nuovi itinerari turistici che illustrino ai visitatori cos’è stato il fenomeno della Rivoluzione industriale nella provincia di Vicenza, i cambiamenti che questa ha portato nella vita quotidiana e nel modo di vivere della popolazione, in che modo Schio si sia guadagnata l’epiteto “Manchester d’Italia” e l’eredità che gli industriali del passato hanno lasciato ai piccoli e medi impresari di oggi: uno spiccato senso imprenditoriale.
La presente tesi di laurea si articola in quattro capitoli. Il primo di questi introduce il lettore alla disciplina dell’archeologia industriale, illustrando alcune importanti nozioni, il modus operandi dell’archeologo industriale, i dibattiti e le conferenze più importanti tenutesi in Italia.
Il secondo capitolo è dedicato alla storia dell'industria a Schio e fornisce indicazioni sugli avvenimenti che hanno caratterizzato i singoli siti industriali presenti entro i confini comunali della città sia come luoghi di produzione (e infrastrutture a questi collegate) che come aree dismesse. Si analizza poi criticamente la situazione attuale: gli interventi che, nonostante l’urgenza, non sono ancora stati attuati, i restauri in corso e quelli che sono ancora in progetto, il tipo di proprietà delle strutture, gli scopi del loro riutilizzo, il mantenimento delle forme sette-ottocentesche.
Nel terzo capitolo si illustrano alcune realtà dell’industria tessile che possono rappresentare esempi positivi di recupero dei beni di archeologia industriale per Schio: il primo è la città di Manchester, motore della Rivoluzione industriale nel XVIII secolo e oggi centro dinamico, nel quale si ambientano perfettamente sia i residenti che i turisti grazie ad una generale rinascita dei sobborghi che furono industriali. Il secondo caso è il villaggio industriale spagnolo di Colonia Güell, sorto grazie all’industriale Eusebi Güell a circa 20 km a Nord-Ovest di Barcellona, che oggi propone interessanti percorsi turistici adatti a visitatori di tutte le età. Si illustrano poi alcuni esempi italiani: la città di Prato, nel cui centro storico le fabbriche dismesse hanno lasciato posto a una serie di infrastrutture di stampo prevalentemente socio-culturale; la colonia industriale di San Leucio (CE), fondata da Ferdinando IV di Borbone per la produzione di panni di seta pregiati e noti ancor oggi in tutto il mondo, il cui palazzo del Belvedere è stato ristrutturato e trasformato in museo grazie ai finanziamenti dell’Unione Europea; infine, il Villaggio Crespi d’Adda (BG), fondato dalla famiglia Crespi che qui aveva aperto un cotonificio e divenuto patrimonio dell’umanità UNESCO nel 1995.
L’ultimo capitolo torna nuovamente su Schio e intende offrire alcune idee per la valorizzazione turistica della città. Si prendono in esame gli itinerari proposti da studiosi e membri di associazioni culturali locali a partire dai primi anni ’90 fino ad illustrare i percorsi che vengono offerti oggi per la visita ai siti di archeologia industriale. Poiché la maggioranza di questi itinerari sconfina nei Comuni limitrofi, si è pensato di ideare un nuovo percorso che non oltrepassi i confini comunali e attraverso il quale i turisti riescano a percepire i cambiamenti che i vari siti hanno sperimentato nel corso del tempo. Si propone poi la creazione di un museo dell’industria tessile all’interno della suggestiva Fabbrica Alta, che potrebbe integrare l’offerta culturale che oggi si concretizza nello Spazio Espositivo Lanificio Conte. Per concludere, si analizzano i modelli proposti nel terzo capitolo e ciò che di questi esempi si può riproporre anche nella città di Schio allo scopo di accrescerne l’offerta turistica.
A conclusione dell'elaborato sono stati riassunti i suggerimenti e le idee per la valorizzazione turistica di Schio, in seguito all'osservazione sia delle strutture e dell’utilizzo odierno delle stesse che degli esempi con cui Schio è stata comparata.
Negli ultimi vent’anni molti insegnanti, esperti e cultori dell’archeologia industriale hanno contribuito alla diffusione di conoscenze sugli impianti presenti a Schio. Tuttavia, si ritiene che si possa fare ancora molto sotto il profilo della promozione turistica, per rendere questo patrimonio fruibile da tutti, esperti e non.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
9 Introduzione: Lo scopo di questo elaborato è quello di incentivare lo sviluppo del turi- smo culturale a Schio, famoso polo dell‟industria Alto Vicentina, utilizzando i numerosi lasciti di archeologia industriale di cui dispone. Si è ritenuto opportuno paragonare la città di Schio con altre realtà, italiane, britanniche e spagnole, nelle quali si sia affermata in passato l‟industria tessile e che oggi siano state corretta- mente recuperate per venire sfruttate dal punto di vista turistico e/o culturale. Punto di partenza di questa ricerca è la convinzione che il patrimonio ar- cheologico-industriale di Schio possa essere valorizzato in misura maggiore ri- spetto a quanto accada oggi. Ciò sarebbe possibile attraverso il recupero e il man- tenimento delle strutture oggi in disuso e la creazione e diffusione di nuovi itinera- ri turistici che illustrino ai visitatori i beni di cui dispone la città. I turisti potrebbe- ro così capire cos‟è stato il fenomeno della Rivoluzione industriale nella provincia di Vicenza, i cambiamenti che questa ha portato nella vita quotidiana e nel modo di vivere della popolazione, in che modo Schio si sia guadagnata l‟epiteto “Man- chester d‟Italia” e l‟eredità che gli industriali del passato hanno lasciato ai piccoli e medi impresari di oggi: uno spiccato senso imprenditoriale. La presente tesi di laurea si articola in quattro capitoli. Il primo di questi mira a introdurre il lettore alla disciplina dell‟archeologia industriale, illustrando alcune importanti nozioni, il modus operandi dell‟archeologo industriale e i dibat- titi sorti tra gli esperti del settore nel corso di varie conferenze; vengono poi citate quelle più importanti tenutesi in Italia. Il secondo capitolo è interamente dedicato alla storia dell'industria a Schio e fornisce indicazioni sugli avvenimenti che hanno caratterizzato i singoli siti in- dustriali presenti entro i confini comunali della città sia come luoghi di produzio- ne (e infrastrutture a questi collegate) che come aree dismesse. A conclusione del capitolo viene analizzata criticamente la situazione attuale: gli interventi che, no- nostante l‟urgenza, non sono ancora stati attuati, i restauri in corso e quelli che so- no ancora in progetto. Viene inoltre analizzato il tipo di proprietà delle strutture, gli scopi per cui sono (o saranno) riutilizzate, il mantenimento delle forme origi- narie sette-ottocentesche.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

archeologia industriale
colonia guell
crespi d'adda
itinerari turistici
manchester
prato
san leucio
schio

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi