Skip to content

La cultura come fattore determinante per il nuovo posizionamento di Brescia

Informazioni tesi

  Autore: Carlotta Righettini
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Brescia
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Storia dell'arte
  Relatore: Furio Reggente
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 161

In questo elaborato mi sono posta l’obiettivo di indagare lo stato culturale della città di Brescia e della sua estesa Provincia. Negli ultimi dieci anni circa è stato attuato dall’Amministrazione Comunale della città, e da diversi partner collaboratori, un piano per rafforzare e creare un’immagine di Brescia sotto il profilo culturale: si tratta di un progetto a lungo termine che vuole dare un valore aggiunto al territorio, al fine di poter posizionare Brescia come una città d’arte. Nell’elaborazione della tesi mi sono quindi chiesta se il posizionamento è realmente avvenuto, quali azioni sono state attuate e se queste possono ritenersi positive o meno. Ho analizzato i dati sui visitatori dei Musei Civici di Brescia e li ho messi a confronto con quelli sulle “grandi mostre”, esposizioni che rientrano nel progetto di posizionamento della città. Ogni paragrafo espone un tassello significativo della storia di questo posizionamento ed ho messo a confronto le teorie dell’economia dei beni culturali recenti con i reali sviluppi in campo culturale messi in atto per Brescia. Ho voluto concentrare l’attenzione principalmente sui Musei della città, sulle Gallerie d’Arte, sulle Associazioni di Artisti, sui Sistemi Museali della Provincia e sulle mostre temporanee. Ho aggiunto alla tesi i pareri, scaturiti dal mutamento della città, che sono sorti nei cittadini ed ho inoltre effettuato interviste all’Assessore alla cultura attualmente in carica, l’Avvocato Andrea Arcai, ed a quello precedente il Professore Paolo Corsini. Il comune denominatore di questi interventi è definibile con il sostantivo di cultura (il fattore determinante), poiché ogni progetto portava e porta in campo iniziative artistiche, aggiungendo così nuovi stimoli alle già presenti realtà museali del territorio. L’obiettivo che mi sono posta ed i risultati che ho potuto esporre mi hanno portato inoltre a sviluppare la proposta di un progetto culturale per la città, nato sulla base di considerazioni reali del mondo dell’arte. Ho scelto di trattare questo tema nella mia tesi perché ha avuto un grande eco nella realtà mediatica, sono stati contrapposti pareri spesso contrastanti e a volte si è creata confusione nei fruitori. Molto spesso infatti il nuovo posizionamento di Brescia è stato identificato con l’inizio delle mostre-evento, ma non è stato così infatti anche precedentemente sono stati attuati eventi più ridotti, ma che hanno avuto grande rilevanza nel panorama culturale cittadino. In letteratura si possono trovare vari studi sull’argomento delle grandi mostre ed ancora maggiori sono gli apporti che trattano della gestione delle aziende culturali. Minori sono invece gli studi sugli impatti economici che questi eventi hanno e per indagare l’ambito strettamente territoriale, oltre che formare una bibliografia specifica, ho cercato notizie ed informazioni in prima persona: mi sono recata al Centro Servizi Musei della Provincia di Brescia, che mi ha fornito il censimento dei musei presenti sul territorio aggiornato a febbraio 2010; alla Fondazione Brescia Musei, dove ho svolto lo stage curricolare, ho potuto reperire molti testi e studi sulle realtà culturali della città, oltre che comprendere in prima persona la gestione dei Musei Civici di Brescia e varie azioni riguardanti la promozione. Ho inoltre seguito la conferenza svoltasi a Brescia di Federculture nell’aprile 2010, reperendo dati fondamentali per l’elaborato. Le interviste sono state un ulteriore e fondamentale stimolo per aggiungere nuovi temi all’elaborato e confrontare le idee che avevo sviluppato con gli esperti nel campo.
La tesi è stata divisa in due parti: la prima parte è composta da sette capitoli, che seguono una logica sequenziale, nei quali ho voluto prendere in esame i casi specifici pensati e messi in pratica a Brescia. Nella seconda parte della tesi ho sviluppato la proposta di un progetto culturale per la città.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Capitolo 1 – Prima Parte 1. Il posizionamento di Brescia Ogni territorio può vantare caratteristiche che lo rendono unico rispetto ad altri luoghi. Simboli, contenuti, leggende, personaggi, valori che ne alimentano la fama: Giulietta e Romeo sono riconosciuti internazionalmente nella loro città, Verona, insieme alla storica Arena. Se penso a Cremona associo immediatamente la città a Stradivari ed alla liuteria, come Mantova alla storica famiglia dei Gonzaga. Quasi ogni città d’Italia ha avuto la fortuna di restare ben impressa nella memoria della sua gente ed anche di poter estendere la sua riconoscibilità ad un pubblico di turisti esteri. Un simbolo che diventa per la città un valore importante nell’invogliare alla sua visita: Pisa e la sua Torre, Padova e la Cappella della Scrovegni. Tra le città del Nord Italia, purtroppo, Brescia rimane senza una “leggenda” nella propria lunga storia. Non ha un’aura culturale ed artistica che la renda identificabile ed inoltre non è mai stata meta del Grand Tour. A mio parere un simbolo che potrebbe caratterizzare Brescia potrebbe essere il suo Castello. Già sede di due musei: il “Museo delle Armi Luigi Marzoli” e il “Museo del Risorgimento”; costruzione di valore storico, artistico ed architettonico. Un’area, quella del castello, che per Brescia ha rivestito durante la storia dell’unione d’Italia momenti di importanza nazionale. Purtroppo il Castello non è visibile dal centro città, ma rimane nascosto dalla vegetazione che lo circonda. Forse questa sua dislocazione non ha consentito di renderlo simbolo della città, sempre se si sia mai pensato a ciò. In termini tecnici i contenuti della città sono la marca che la connotano e costituiscono il presupposto per una politica di differenziazione sulle qualità reali del territorio e i valori psicologici ad esso assegnati dai fruitori, che comprendono sia i residenti che i turisti. La creazione della cosiddetta marca territoriale o brand deve fondarsi su caratteristiche distintive che riflettano la cultura del territorio, queste devono tenere conto della percezione che gli individui hanno del territorio, inoltre devono seguire un lungo termine di sviluppo e specialmente “uscire dal mucchio” della concorrenza. La marca è l’immagine, il simbolo del

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

brescia
candidatura unesco langobardorum
identità culturale
indagine culturale
musei
posizionamento
provincia di brescia
sistemi museali

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi