Skip to content

La lingua di Dio. Anselmo e Gödel alla prova.

Informazioni tesi

  Autore: Valentina Tarsitano
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi della Calabria
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: teorie della prassi comunicativa e cognitiva
  Relatore: Alfredo Givigliano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 143

La nostra trattazione si interroga su Kurt Gödel e su come costui si approcciò alla prova dell’esistenza di Dio.Tale studioso non si limitò ad apportare nuovi tasselli nel grande ed incompleto mosaico della conoscenza logico – matematica, in particolare, e della conoscenza epistemica, in generale; ma apportò un’effettiva rivoluzione, unica nel suo genere, che solo una mente massimamente impegnata nella ricerca, come quella di Gödel, poteva conquistare.Ci inoltreremo nei fili della contorta matassa, per alcuni versi, che è la vita di tale studioso scoprendo che una figura così semplice e complessa simultaneamente non poteva che rivestire le spoglie di un genio.Il nostro excursus dovrà innanzitutto fronteggiare quelle che potrebbero apparire, in un secondo momento, difficoltà cognitive e, per poter far fronte a ciò, dovremmo percorrere un sentiero particolare.In virtù di tutto ciò la prima cosa che faremo sarà interrogarci circa il rapporto tra matematica e filosofia: cercheremo di chiarire se vi è un effettivo relazionarsi delle due discipline e qualora vi fosse, indagare quale tipo di rapporto vi è.Inoltre, ci sospingeremo in quello che può essere considerato un baratro buio dilagante tutt’ora: matematica e filosofia, si tratta di un rapporto controverso?Noteremo, a tal punto, che, probabilmente, è proprio la domanda da noi congetturata a muovere studiosi come Wang e Weyl che nelle loro opere, rispettivamente From Mathematics to Philosophy e Philosophy of Mathematics and Natural Science, indagano proprio ciò apportando significativi contributi per la nostra trattazione. Ci avvarremo anche dell’ausilio dei testi di Cellucci e dell’opera di Mangione – Bozzi così da poter gettare delle solide basi per il nostro excursus.Dopo il profilarsi di tale indagine che ricoprirà il ruolo, per noi, di punto di riferimento, andremo a focalizzare la nostra attenzione su Kurt Gödel.Indagheremo, quindi, sulla sua vita in quanto essa stessa strettamente connessa agli sviluppi della sua ricerca.
In merito a ciò ci affideremo ai tre volumi delle Opere e, per avere un quadro ancora più ricco e per riuscire a cogliere meglio la singolare figura di questo studioso, ricorreremo agli scritti di Dawson, Casti e De Pauli, e Berto certi del fatto che ci hanno consegnato, seppur ogni studioso in modo differente, una introduzione interessante e a noi utile, sia per quanto concerne la personale vita di Gödel, sia per il modo di tale studioso di approcciarsi allo studio, sia come avviamento per la nostra conoscenza circa l’effettivo e singolare, di volta in volta, studio dei suoi contributi.A tal punto non possiamo non parlare dell’opera di Nagel e Newman in concomitanza con la trattazione degli studi di Hilbert, in modo da evidenziare il percorso e il peso effettivo delle scoperte di Gödel e del significativo apporto che stravolse il precedente procedere della logica stessa e avviando quella che possiamo definire “rivoluzione gödeliana”. Introdurremo, quindi, i suoi maggiori contributi sul campo della ricerca e dell’applicazione facendo riferimento ai suoi saggi e ponendoli in concomitanza con alcuni risultati di Tarski riportati negli stessi anni.
Solo dopo aver ben spianato il nostro percorso introdurremo una trattazione che si mostrerà meno inconsueta di quanto, ad un primo sguardo, possa sembrare: la tematica di Dio e la prova logica della sua esistenza.Perché un matematico dovrebbe trattare una tematica che sembra così distante da ciò che ogni giorno generalmente, si pensa, che tratti?La logica può accostarsi alla teologia?Perché un logico dovrebbe avvicinarsi a tematiche come l’esistenza di Dio?Noteremo, fin da principio, che Gödel non fu l’unico “matematico” ad interrogarsi circa il concetto di Dio: infatti cercheremo di mostrare che l’oggetto Dio venne indagato da non pochi studiosi, siano stati filosofi o matematici, appunto, siano stati credenti o atei.A tal punto accoglieremo come scialuppe le opere di Timossi e di Henrich, che ci forniscono un utile excursus non solo tematico ma soprattutto storico dei maggiori autori che presero in considerazione l’esistenza di Dio e la sua dimostrabilità.Tratteremo tale tematica da diversi punti di vista cercando di cogliere cosa apportano pensatori differenti posti di fronte a quella che ci appare una tematica universale.Ciò che a tal punto ci appare di notevole rilevanza è il rapporto, da noi posto come di contrappunto, tra Anselmo D’Aosta e Gödel.Investigheremo, dunque, se si tratta davvero di un rapporto di contrappunto, e, nel fare ciò, ci addentreremo direttamente nelle rispettive opere concernenti l’argomento ontologico: il Proslogion e l’Ontologisches Bewies.Infine apporteremo il punto di vista di Peirce così da rendere il nostro mosaico, finalmente, completo in quanto coglieremo quel coniugarsi tra sintassi e semantica da noi ricercato.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
null ABSTRACT nullnullnull null nullnull nullnull nullnullnull nullnull nullnull nullnull nullnullnullnullnull nullnullnullnull nullnull nullnullnull nullnull null nullnullnull null önullnull nullnullnull nullnull nullnull nullnullnullnullnull nullnullnull nullnull nullnull nullnullnullnullnull nullnull nullnull nullnullnullnullnull nullnull nullnull nullnull nullnull nullnullnullnullnullnull nullnull nullnullnullnullnullnull nullnull nullnull nullnullnullnullnullnullnull nullnullnull nullnull nullnull nullnullnullnullnullnull nullnull nullnull null nullnull nullnull nullnullnull nullnullnull null önullnull nullnullnullnull null nullnull nullnullnullnullnullnull nullnullnullnull nullnull nullnullnullnull nullnullnull nullnull nullnullnull nullnull nullnullnull nullnull nullnullnullnull nullnull nullnull nullnullnullnull nullnullnull nullnull nullnull nullnullnullnull nullnullnullnull nullnull nullnull nullnullnullnullnull nullnull nullnullnullnull nullnull nullnullnullnullnullnullnull nullnull nullnull nullnullnullnullnull nullnull nullnullnullnullnullnullnull nullnullnullnullnullnullnull önullnullnull nullnullnull nullnull nullnullnull nullnullnullnullnull null nullnullnullnull nullnullnullnull nullnullnull nullnull nullnull nullnullnullnull nullnull null nullnullnullnull nullnullnull nullnullnull nullnullnull nullnull nullnullnullnull nullnullnull nullnullnullnullnull nullnull nullnullnull nullnull nullnullnull nullnullnullnullnullnullnull nullnullnull nullnullnull nullnullnull nullnull nullnull nullnullnullnull nullnull nullnull nullnullnullnullnull nullnull nullnull nullnullnullnullnull nullnullnull nullnull nullnullnullnullnullnullnullnullnullnullnull nullnullnull nullnull nullnullnullnullnullnull nullnull nullnull nullnull nullnull nullnullnullnullnull null nullnullnullnullnullnullnull nullnullnullnull nullnullnull nullnullnullnull nullnull nullnullnullnullnullnull nullnull nullnull nullnull null nullnullnullnullnullnullnull nullnullnullnullnullnullnull nullnull nullnullnull nullnull nullnull nullnullnull nullnullnull nullnull nullnullnull nullnull nullnullnullnull nullnull nullnullnull nullnullnullnullnull nullnullnullnullnull nullnullnull nullnullnull null nullnull null nullnullnull nullnull nullnullnull nullnullnullnull From Mathematics to Philosophy null Philosophy of Mathematics and Natural Sciencenull nullnullnull nullnullnull nullnull nullnullnullnullnullnullnull nullnullnullnull nullnullnull nullnull nullnullnullnullnullnull nullnull nullnullnull nullnull nullnull nullnull nullnullnull nullnullnull nullnullnull nullnullnullnullnull nullnull nullnullnullnull null nullnullnullnull nullnullnull nullnullnull nullnullnullnull nullnullnullnullnull null nullnullnullnull nullnullnullnullnull nullnull nullnullnull nullnullnull nullnull nullnullnullnullnull nullnullnull nullnullnull null önullnull null nullnull nullnullnull nullnullnull nullnullnull nullnullnullnull nullnull nullnull nullnullnullnull nullnullnullnullnull nullnull nullnullnull nullnullnull’nullnull nullnullnull nullnull nullnull nullnullnull nullnull nullnullnull nullnullnullnullnull nullnullnull nullnullnullnullnull nullnull nullnull nullnullnullnullnullnull nullnullnullnullnullnullnull nullnullnull null önullnullnull nullnullnull nullnull nullnullnull nullnull nullnullnullnullnull nullnull nullnullnullnull nullnull nullnullnull nullnullnull nullnull nullnullnull nullnullnull nullnullnull null nullnullnull ’null nullnullnull nullnull nullnullnullnullnull nullnullnullnull nullnull nullnullnullnullnull nullnull nullnull null önullnull nullnullnullnullnullnull nullnull nullnull nullnullnullnullnullnull nullnull nullnullnull nullnullnullnull nullnullnull nullnullnull’null nullnullnullnullnullnull nullnullnullnullnull nullnullnullnullnullnullnull nullnullnullnull nullnull nullnull null önullnull nullnullnull nullnullnullnull nullnullnull nullnullnull nullnull nullnullnull nullnullnullnullnull null nullnullnullnull nullnullnullnullnullnull nullnull nullnullnullnullnull nullnull nullnull nullnull nullnull nullnullnull null nullnullnull nullnull nullnullnullnull nullnullnullnullnull null nullnull nullnullnull nullnull nullnull nullnullnullnull nullnullnull null nullnullnullnullnullnullnull nullnullnull nullnull nullnullnull nullnullnull nullnullnull nullnullnullnull nullnull nullnullnull nullnullnullnullnullnull nullnull nullnull nullnullnull nullnullnull nullnullnullnullnull

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

anselmo
cantor
cartesio
coerenza
completezza
dio
esistenza
filosofia
gödel
godelizzazione
hilbert
incompletezza
linguaggio
matematica
nagel e newman
ontologia
ontoteologia
peirce e abduzione
prova logica
semantica
sintassi
sistema
tarski
teologia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi