Skip to content

Amministrazione straordinaria e gruppi di società

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Palmieri
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Sabino Fortunato
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 118

Questa tesi ha lo scopo di far capire come l'istituto dell'amministrazione straordinaria può risolvere, o migliorare, la situazione di una o più grandi imprese che si trovino in crisi.
La crisi di una impresa, ancor di più se di grosse dimensioni, coinvolge tutta una serie di soggetti: in primo luogo l'imprenditore e i lavoratori, ma anche i fornitori, i clienti, lo Stato, l'intera comunità. Di fronte alla prospettiva del fallimento, che comporta l'estinzione dell'impresa e la dispersione del patrimonio produttivo e occupazionale, l'amministrazione straordinaria delle grandi imprese in crisi tenta, invece, il salvataggio delle imprese stesse tramite il recupero dell'equilibrio economico e produttivo.
Per comprendere meglio l'istituto in esame, che in questo lavoro è incentrato in particolare sul gruppo di imprese, si parte da un dettagliato studio della disciplina, con l'analisi del decreto legislativo 8 luglio 1999, n. 270 (legge Prodi) e del decreto legge 23 dicembre 2003, n.347, fino ad arrivare all'analisi di un caso concreto come quello del gruppo CIT S.p.a., per capire meglio come nella pratica viene adottata questa procedura concorsuale.
La disciplina si impegna a stabilire quali sono i requisiti e i presupposti che le imprese devono avere per poter essere ammesse alla procedura. L'art.1 del d. lgs. n. 270/1999 stabilisce che le imprese assoggettabili alla procedura devono essere insolventi, mentre l'art. 2 detta i requisiti dimensionali di cui l'impresa deve essere in possesso per poter essere ammessa. Secondo l'art. 27 l' obiettivo dell'amministrazione straordinaria è quello del recupero dell'equilibrio economico e produttivo, attraverso la predisposizione di un programma di risanamento che può seguire l'indirizzo della ristrutturazione o l'indirizzo della cessione dei complessi aziendali.
Contestualmente alla apertura della procedura nei confronti dell'impresa insolvente, il Tribunale si impegna a nominare l'organo predisposto alla gestione dell'impresa. Si tratta del commissario straordinario, che è la persona competente ad amministrare i beni dell'impresa e a predisporre uno dei programmi previsti dall'art. 27 del d. lgs. n. 270/1999 e darvi attuazione dopo l'autorizzazione ministeriale.
Rispetto all'amministrazione straordinaria della singola impresa, nel caso in cui siano ammesse a tale procedura concorsuale più imprese di un gruppo vi è l'opportunità della gestione unitaria.
Il gruppo CIT S.p.a. (Compagnia italiana del turismo) è una azienda italiana che operava nel settore del turismo, rappresentava lo specialista delle vacanze in Italia ed era considerata la prima rete di agenzie di viaggio. E' un gruppo di società articolato su quattro diverse aree di business, coordinate da una holding (Cit S.p.a.).
Purtroppo la crisi internazionale del turismo, un piano di investimenti troppo pretenzioso, una forte esposizione della proprietà verso Mediocredito Lombardo, conducono il gruppo sull'orlo del fallimento.
Così per evitare il fallimento di una delle più importanti società italiane, non solo in ambito del turismo, l'8 marzo del 2006 il Ministero dello sviluppo Economico ammette il gruppo CIT alla procedura di amministrazione straordinaria nominando un commissario straordinario.
Insieme alla cosiddetta “impresa madre”, la CIT S.p.a., vengono ammesse alla procedura anche altre imprese del gruppo per favorire la gestione unitaria dell'insolvenza, come previsto dal combinato disposto dagli artt. 80 e 81 del d. lgs. n. 270/1999.
Per far capire meglio quali vantaggi porta la gestione unitaria dell'insolvenza di un gruppo di imprese, il lavoro si occupa anche del caso in cui una impresa, dichiarata fallita prima dell'apertura dell'amministrazione straordinaria nei confronti di una impresa del gruppo al quale appartiene, possa essere attratta nella procedura in un secondo momento, mediante la conversione del fallimento in amministrazione straordinaria.
E' questo il caso della Italtour S.p.a., società controllata per l' 80% del suo capitale dalla CIT S.p.a. e operante nel ramo del tour operating del gruppo CIT, che era stata dichiarata fallita in un momento antecedente alla presentazione del programma di recupero predisposto.
Successivamente, su richiesta del commissario straordinario a cui era affidata la gestione del gruppo CIT è stata disposta la conversione del fallimento in amministrazione straordinaria; e sulla base dei presupposti stabiliti dagli art. 80 e 81 del d. lgs. n. 270/1999, il Tribunale ha emanato il provvedimento di conversione ai sensi dell'art. 81 del decreto.
Con l' analisi di un caso concreto ho ritenuto che il lavoro facesse capire meglio come l'amministrazione straordinaria non è utilizzata solo come escamotage per non far finire una impresa insolvente nelle braccia del fallimento, bensì viene utilizzato quando le prospettive di recupero dell'equilibrio economico sono concrete e il recupero della redditività è possibile.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 6 INTRODUZIONE Il mio elaborato è incentrato sugli sviluppi, pratici e legislativi, che hanno colpito l' istituto dell'amministrazione straordinaria dall'entrata in vigore del decreto legislativo 8 luglio 1999, n. 247 (Legge Prodi) e del decreto legge 23 dicembre 2003, n. 347 (poi convertito in “legge Marzano”) che ha portato ulteriori novità e cambiamenti. L'amministrazione straordinaria, consente alle imprese che si trovano in crisi di non cadere in fallimento e di attuare una procedura per il recupero dell'equilibrio economico e finanziario dell'impresa stessa. Ho cercato di sviluppare il tema sia dando una visione complessiva dell'istituto in questione, sia prendendo in considerazione un caso concreto (l'amministrazione straordinaria del gruppo Cit) per far capire meglio nella prassi come viene utilizzata la procedura. Nella prima parte, ho quindi preferito analizzare dettagliatamente le varie fasi del procedimento, elencando i requisiti e i presupposti secondo i quali le imprese sarebbero assoggettabili all'amministrazione straordinaria. Ho poi ritenuto indispensabile prendere in considerazione i vari organi della procedura e i rapporti che si instaurano dopo l'apertura del procedimento tra impresa e creditori. Nella seconda parte ho, invece, riportato il problema in un caso dettagliato, prendendo in considerazione l'ammissione all'amministrazione straordinaria del gruppo Cit (Compagnia Italiana del turismo) e delle varie imprese facenti parte del gruppo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

tesi amministrazione straordinaria
tesi amministrazione straordinaria società
tesi diritto commerciale
tesi fallimento
tesi legge prodi bis
tesi procedure concorsuali
piano di risanamento
amministrazione straordinaria
piano di recupero
commissario giudiziale
comitato creditori
tesi amministrazione
tesi commerciale
tesi palmieri
gruppi di società e amministrazione strardinaria
amministrazione straordinaria alitalia
amministrazione straordinaria caso cit
cit in amministrazione straordinaria
cit
commissario liquidatore
recupero equilibrio economico
stato di insolvenza

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi