Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le realtà portuali del Gargano

Il presente lavoro è suddiviso in due parti, nella prima parte ho considerato e studiato il sistema portuale italiano, cos'è un porto e come viene gestito focalizzandomi successivamente su un'analisi della Regione Puglia.
Nella seconda parte invece ho osservato e analizzato le realtà portuali del Gargano attuali e future con i nuovi progetti esistenti, in via di sviluppo e quelli ancora sulla carta, con un accurata galleria fotografica.
I porti oggetto dello studio di tesi sono:
Il porto di Vieste
Il porto di Rodi
Il porto di Peschici
il porto di Foce Varano

Mostra/Nascondi contenuto.
  1    PREMESSA  La nautica è per tradizione uno dei fiori all'occhiello del made in Italy. E’ un settore che da anni conosce una costante espansione, un fattore qualificante per il turismo, le località, la cantieristica, i servizi di supporto. Gli esperti assicurano che la sfida del turismo si gioca sulle reti di prodotti e sui sistemi integrati dei servizi. Il dibattito tra i principali soggetti impegnati sulla dotazione nautico - turistica del Paese fa incessantemente leva sulla necessità di disporre di un “Network” di marine e di scali turistici per garantire al diportista non tanto il possesso di un posto-barca bensì la possibilità di usufruire di servizi, approdi e posti-barca a rete, rendendo così fruibile turisticamente tutte le coste italiane. Il settore della nautica da diporto, fino a pochi anni fa era un affare per pochi privilegiati, invece ora si è aperto a spazi di consumo e di clientela sempre più ampi. La sfida in tempi di crisi, però, è quella di far ripartire il piccolo diporto, il più colpito dal crollo della domanda. Il fatturato complessivo del comparto (mettendo insieme cantieristica, accessori, motori, riparazioni, manutenzioni, rimessaggio) nel 2007 era pari a 6,2miliardi di euro, di cui quasi 5miliardi (l'80,3%) derivante da produzione nostrana. In seno a quest'ultima solo il 52,4% è rimasto nel mercato italiano, il resto è andato oltreconfine. Il contributo nazionale del settore al PIL risultava invece nel 2007 pari a 5,2miliardi di euro. In ogni caso, le barche per nababbi non passano mai di moda: in Italia, nel 2007, il mercato del lusso galleggiante era cresciuto del 23% rispetto all'anno prima e a livello planetario esso rappresenta oltre la metà della produzione. In Italia c'è una domanda invasa di turismo nautico, con in più una forte richiesta dall'estero. La nautica è sen’altro legata al funzionamento dei porti turistici, il luogo principale dove possono essere esercitate tali attività. La nautica e i porti turistici creano essenzialmente turismo.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Laura Cavallo Contatta »

Composta da 126 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 396 click dal 16/03/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.