Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il ruolo dello psicologo del lavoro come coach aziendale: modello di competenze e certificazione

La professione del coach negli ultimi anni si sta diffondendo rapidamente nelle aziende italiane, mentre in altri Paesi si è diffuso già venti anni fa. Questa differenza temporale è legata alla ridotta importanza data dalla maggior parte delle aziende italiane, che sono di piccole o medie dimensioni a questa professione, invece le grandi aziende hanno incluso questa professione nel loro organico già da qualche anno. Negli ultimi anni l’interesse delle piccole aziende per la figura del coach sta cambiando. Questo mutamento è legato al cambiamento delle necessità delle piccole aziende, le quali, come quelle grandi, hanno introdotto questa figura professionale per migliorare la propria competitività.
Questa tematica è stata oggetto della tesi per l’interesse emerso per questa professione. Lo Psicologo del Lavoro oltre ad occuparsi di formazione, di selezione del personale e progettazione di corsi di formazione, svolge in seguito ad un training formativo anche il ruolo del Coach, interno o anche esterno, per le aziende.
In quest' elaborato dopo aver spiegato l’origine del termine, le tipologie di Coaching, le competenze che dovrebbe possedere un coach per svolgere in maniera efficace il proprio lavoro e le Associazioni che certificano la serietà e validità professionale dei coaches, è stato realizzato un lavoro di ricerca allo scopo d’individuare la formazione universitaria dei Coaches italiani che hanno ricevuto la certificazione da un’Associazione importante a livello Mondiale, l’ICF.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Introduzione La professione del coach negli ultimi anni si sta diffondendo rapidamente nelle aziende italiane, mentre in altri Paesi si è diffuso già venti anni fa. Questa differenza temporale è legata alla ridotta importanza data dalla maggior parte delle aziende italiane, che sono di piccole o medie dimensioni a questa professione, invece le grandi aziende hanno incluso questa professione nel loro organico già da qualche anno. Negli ultimi anni l’interesse delle piccole aziende per la figura del coach sta cambiando. Questo mutamento è legato al cambiamento delle necessità delle piccole aziende, le quali, come quelle grandi, hanno introdotto questa figura professionale per migliorare la propria competitività. Questa tematica è stata oggetto della tesi per l’interesse emerso per questa professione. Lo Psicologo del Lavoro oltre ad occuparsi di formazione, di selezione del personale e progettazione di corsi di formazione, svolge in seguito ad un training formativo anche il ruolo del Coach, interno o anche esterno, per le aziende. In quest' elaborato dopo aver spiegato l’origine del termine, le tipologie di Coaching, le competenze che dovrebbe possedere un coach per svolgere in maniera efficace il proprio lavoro e le Associazioni che certificano la serietà e validità professionale dei coaches, è stato realizzato un lavoro di ricerca allo scopo d’individuare la formazione universitaria 4

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Psicologia

Autore: Simona Del Regno Contatta »

Composta da 88 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 972 click dal 05/04/2011.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.