Skip to content

I processi di integrazione nei mercati regolamentati

Informazioni tesi

  Autore: Serena Gaeta
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Salerno
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Amministrazione delle imprese
  Relatore: Angela Gallo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 86

La struttura dei mercati finanziari ha subito negli ultimi dieci anni profondi cambiamenti.
La creazione dell’area Euro, lo sviluppo di nuove tecnologie e l’avvio del processo di demutualizzazione sono stati sicuramente fattori che hanno favorito i processi integrativi dei mercati finanziari europei.
Il processo di demutualizzazione, in particolare, è stata una forte spinta per accelerare l’integrazione dei mercati che era stata avviata agli inizi degli anni Novanta.

I modelli organizzativi precedenti trovavano un fondamento logico in due diversi approcci all’attività di borsa: da un lato un approccio mutualistico, dall’altro un approccio continentale.
L’approccio mutualistico si basa fondamentalmente sull’aspetto relazionale degli scambi, la borsa viene vista come una cooperativa di intermediari. Questo tipo di concezione era propria dei mercati anglosassoni.
L’approccio continentale, invece, attribuisce alla borsa una funzione pubblica e in quanto tale si riteneva opportuno dovesse essere svolta da soggetti di natura pubblica. Questo concetto scaturisce dal fatto che lo scambio di valori mobiliari coinvolge direttamente il pubblico risparmio. Il riconoscimento del risparmio come bene da tutelare è un motivo sufficiente a giustificare la presenza diretta dello Stato nella gestione dei mercati mobiliari. La borsa viene quindi gestita in base a logiche e con le finalità tipiche della pubblica amministrazione.
Con il processo di demutuliazzazione è stata affermata quindi la natura imprenditoriale della gestione dei mercati, separando, almeno concettualmente, i soggetti che gestiscono i mercati da coloro che lo utilizzano.
Nel presente lavoro si è proceduto ad analizzare in che modo si è sviluppato il processo di integrazione nei mercati finanziari regolamentati europei, quali processi integrativi sono stati scelti e le modalità con cui sono state effettuate tali scelte.
Da questa analisi sono stati evidenziati i motivi che hanno favorito i processi di integrazione, cioè l’utilizzo di un’unica moneta europea e lo sviluppo e la condivisione di nuove tecnologie, la possibilità di sfruttare econome di scala e la diminuzione dei costi delle operazioni per i soggetti che utilizzano il mercato. Sono emersi anche i motivi per i quali alcuni processi integrativi non sono giunti a conclusione come ad esempio il progetto International Exchange (IX).

A causa dei problemi che sono sopraggiunti in seguito alla crisi finanziari che si è avuta negli ultimi due anni si è reso ancora più evidente la necessità di un organo di vigilanza a livello europeo.
Il Parlamento Europeo nella seduta del 20 settembre 2010 ha dato il via libera per l’istituzione di tre authority che dovranno vigilare su banche, assicurazioni e mercati finanziari.

Nel presente lavoro sono stati analizzati processi di integrazione falliti (IX), e le integrazione che invece sono giunte a buon fine come il progetto Euronext.
L’ultima integrazione riuscita, da un punto di vista temporale, è la creazione del London Stock Exchange Group, risultato della fusione tra Borsa Italiana e il London Stock Exchange.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 CAPITOLO 1 La struttura dei mercati finanziari 1.1 L'approccio Mutualistico e approccio Continentale Negli ultimi dieci anni la struttura del mercato mobiliare ha subito profondi cambiamenti. Tra gli elementi principali di innovazione vanno richiamati l’avvio dell’ Unione monetaria europea, l’ampliamento delle potenzialità operative dell’Information and Communication Technology (ICT), l’evoluzione del contesto normativo a livello internazionale. Con riferimento al primo punto possiamo affermare che l’introduzione della moneta unica costituisce un elemento che ha accelerato i processi di integrazione dei mercati nazionali, ciò anche dovuto all’eliminazione del rischio di cambio nell’area Ume. Le tecnologie, poi, rendono disponibili sistemi di negoziazione telematici che consentono agli operatori di effettuare direttamente scambi su mercati anche diversi da quelli nazionali di riferimento a condizioni altamente competitive rispetto a transazioni svolte su mercati domestici. Il quadro normativo, infine, fornisce la legittimazione istituzionale ai cambiamenti precedentemente accennati. La direttiva europea sui servizi di investimento (Ce 22/93) ha avuto infatti l’intensificazione dei processi di integrazione fra mercati finanziari. Le innovazioni che hanno interessato le Borse Valori europee hanno prima di tutto modificato il concetto stesso di borsa. Infatti gli interventi normativi, le novità tecnologiche e l’utilizzo di un’unica moneta hanno contribuito ad abbattere le barriere d’ingresso tra i vari mercati e a ridurre la segmentazione del mercato mobiliare europeo. Si è passati da un concetto di borsa alla quale si riconosceva natura privata ad un orientamento al profitto. I modelli organizzativi precedenti trovavano un fondamento logico in due diversi approcci all’attività di borsa: da un lato un approccio mutualistico, dall’altro un approccio continentale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

approccio mutualistico- continentale
borsa italiana
demutualizzazione
international exchange ix
londo stock exchange group
mercati regolamentati
processi di integrazione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi