Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I soggetti "mancanti" della società. La diversità come valore e principio nella prospettiva interculturale

Disabilità ed immigrazione fenomeni analizzati attraverso l'ottica dell'integrazione e dell'inclusione

Mostra/Nascondi contenuto.
3 1. IL FENOMENO MIGRATORIO Il treno degli emigranti 1 Non è grossa, non è pesante la valigia dell'emigrante... C'è un po' di terra del mio villaggio per non restare solo in viaggio... un vestito, un pane, un frutto, e questo è tutto. Ma il cuore no, non l'ho portato: nella valigia non c'è entrato. Troppa pena aveva a partire, oltre il mare non vuol venire. Lui resta, fedele come un cane, nella terra che non mi dà pane: un piccolo campo, proprio lassù... ma il treno corre: non si vede più. La migrazione è un fenomeno antico quanto l‟umanità, infatti, Massey, nel 1998, ha definito l‟umanità come «una specie migratoria». Il professor Antonio Golini, docente di Demografia alla Sapienza di Roma, ha affermato che: «le migrazioni hanno assicurato all‟umanità una delle caratteristiche che la rendono unica, o quasi, fra le specie viventi, e cioè di essersi diffusa su tutta la terra e di sopravvivere da così lungo tempo. Se gli esseri umani non si fossero spostati e mescolati fra di loro, probabilmente si sarebbero evoluti in specie diverse». Per comprendere meglio tale fenomeno, ed in generale qualsiasi fenomeno, è necessario iniziare dalla conoscenza delle definizioni e della terminologia specifica, fornire delle indicazioni storiche e analizzarne le cause e le tipologie. 1 G.Rodari, “I cinque libri”, Torino, Einaudi, 1995, p. 124

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Chiara Biraghi Contatta »

Composta da 136 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5465 click dal 08/03/2011.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.