Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il sistema inter-americano di tutela dei diritti umani: il caso dei ''Bambini di strada''

L'elaborato intende dimostrare l’efficienza del sistema giudiziario inter-americano nella tutela dei diritti umani.
La prima parte è incentrata sugli strumenti utilizzati dal sistema Inter-americano per la tutela dei diritti umani e sulle strutture autonome create dall’OAS (Organization of the American States) che attivamente vigilano e lavorano per assicurare ad ogni individuo i suoi diritti fondamentali: la Commissione e la Corte Inter-Americana dei Diritti dell’Uomo con il loro relativo sviluppo, la loro struttura e principalmente le loro funzioni.
L’analisi di un caso costituisce la seconda parte del mio lavoro. Ho scelto il caso dei “bambini di strada” (Villagràn Morales et al. Case: The “Street Children” Case) per esemplificare il funzionamento e il ruolo della Commissione e della Corte. Si tratta del primo caso in cui è stata posta sotto accusa, in ambito internazionale, la brutalità della polizia sui bambini di strada guatemaltechi. In particolare il Guatemala è stato posto sotto accusa per non aver sanzionato la polizia quale perpetratrice di gravi violazioni contro i diritti umani a danni anche di minori.
La decisione sul caso Villagrán Morales et al. costituisce inoltre un precedente non solo per gli episodi di tortura e uccisioni di cui sono vittime i bambini di strada in Guatemala: è interessante considerare l’abbondanza di casi simili (casi di processo svolti non correttamente dagli Stati imputati) che da questo momento in poi sono stati sottoposti all’attenzione delle corti internazionali in tutto il mondo.
Ritengo sia fondamentale perseguire gli Stati nel caso essi non garantiscano a tutti i loro cittadini il diritto di accesso alla giustizia, ancor più quando le vittime sono gli elementi più deboli e indifesi e a volte nemmeno del tutto consapevoli dell’abuso: i bambini.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Il tema di questo elaborato è il sistema Inter-americano di tutela dei diritti umani. La prima parte è incentrata sugli strumenti utilizzati dal sistema Inter-americano per la tutela dei diritti umani e sulle strutture autonome create dall’OAS (Organization of the American States) che attivamente vigilano e lavorano per assicurare ad ogni individuo i suoi diritti fondamentali: la Commissione e la Corte Inter-Americana dei Diritti dell’Uomo con il loro relativo sviluppo, la loro struttura e principalmente le loro funzioni. L’analisi di un caso costituisce la seconda parte del mio lavoro. Ho scelto il caso dei “bambini di strada” (Villagràn Morales et al. Case: The “Street Children” Case) per esemplificare il funzionamento e il ruolo della Commissione e della Corte. Si tratta del primo caso in cui è stata posta sotto accusa, in ambito internazionale, la brutalità della polizia sui bambini di strada guatemaltechi. La decisione sul caso Villagrán Morales et al. costituisce inoltre un precedente non solo per gli episodi di tortura e uccisioni di cui sono vittime i bambini di strada in Guatemala: è interessante considerare l’abbondanza di casi simili (casi di processo svolti non correttamente dagli Stati imputati) che da questo momento in poi sono stati sottoposti all’attenzione delle corti internazionali in tutto il mondo. Ritengo sia fondamentale perseguire gli Stati nel caso essi non garantiscano a tutti i loro cittadini il diritto di accesso alla giustizia, ancor più quando le vittime sono gli elementi più deboli e indifesi e a volte nemmeno del tutto consapevoli dell’abuso: i bambini. Mi sono quindi posta l’obiettivo di dimostrare l’efficienza del sistema giudiziario inter- americano. 3

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Giulia Zanon Contatta »

Composta da 65 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 750 click dal 04/03/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.