Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La creazione del valore nelle rinnovabili diversificate: alcune evidenze empiriche

I mercati energetici stanno ancora subendo pesanti riflessi della crisi internazionale originatasi nel 2008; una crisi che, innescata dal crollo del mercato dei sub prime, ha permesso di porre in risalto l’elevata esposizione di settori energetici tradizionali a congiunture di mercato che ad una prima analisi potrebbero apparire prive di correlazione.
La forte dipendenza da combustibili fossili ha condizionato fortemente la civiltà moderna; si pensi alle guerre degli anni ’90 e dei giorni nostri, alla crisi climatica e non da ultimo la crisi economica; se viste da vicino è possibile isolare quale causa unificatrice la dipendenza dai combustibili fossili al carbonio.
Esistono evidenze empiriche (si veda Fig. 1) che imputano agli idrocarburi un ruolo primario nel fenomeno del surriscaldamento globale, la cui loro negazione può esser ricondotta solamente a forti ragioni economiche contrastanti delle lobby del petrolio.
E’ inoltre interessante notare quante analogie esistano tra il settore finanziario e quello dei combustibili fossili, in entrambi è possibile riscontrare una inefficace regolamentazione e deboli sistemi di controllo permettendo così il susseguirsi di quotidiane speculazioni e di operazioni poco trasparenti.
Quanto accaduto tra il 2008 e 2009 può essere un’importante opportunità e stimolo per un ritorno all’economia reale, per la creazione di una nuova e più efficace regolamentazione e, in chiave ambientale, per un forte impulso allo sviluppo di energie alternative.

Mostra/Nascondi contenuto.
    V    Introduzione “Ciascuno ha diritto a un’opinione personale, ma non a fatti personali”. Senatore Pat Moynihan Un’opportunità per tutti I mercati energetici stanno ancora subendo pesanti riflessi della crisi internazionale originatasi nel 2008; una crisi che, innescata dal crollo del mercato dei sub prime, ha permesso di porre in risalto l’elevata esposizione di settori energetici tradizionali a congiunture di mercato che ad una prima analisi potrebbero apparire prive di correlazione. La forte dipendenza da combustibili fossili ha condizionato fortemente la civiltà moderna; si pensi alle guerre degli anni ’90 e dei giorni nostri, alla crisi climatica e non da ultimo la crisi economica; se viste da vicino è possibile isolare quale causa unificatrice la dipendenza dai combustibili fossili al carbonio. Esistono evidenze empiriche (si veda Fig. 1) che imputano agli idrocarburi un ruolo primario nel fenomeno del surriscaldamento globale, la cui loro negazione può esser ricondotta solamente a forti ragioni economiche contrastanti delle lobby del petrolio. E’ inoltre interessante notare quante analogie esistano tra il settore finanziario e quello dei combustibili fossili, in entrambi è possibile riscontrare una inefficace regolamentazione e deboli sistemi di controllo permettendo così il susseguirsi di quotidiane speculazioni e di operazioni poco trasparenti. Quanto accaduto tra il 2008 e 2009 può essere un’importante opportunità e stimolo per un ritorno all’economia reale, per la creazione di una nuova e più efficace

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Alberto Grasselli Contatta »

Composta da 170 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 752 click dal 22/03/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.