Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'industria della seta; il caso Borgo San Leucio: dal terzismo all'ipotesi di un marchio di qualità

La tesi affronta lo studio dell'industria serica con particolare riferimento all'area di San Leucio situata in prossimità di Caserta e che vanta una lunga tradizione.
Le aziende hanno saputo rinnovarsi ed affrontare le sfide del cambiamento legate soprattutto all'introduzione di nuove tecnologie. Oggi, queste aziende riescono a dar lavoro a circa 550 addetti con un fatturato che si aggira intorno ai 70 miliardi.
La tesi si sviluppa in cinque capitoli nei quali si affronta dapprima il settore tessile in Italia con particolare riferimento al comparto seta ed alla spiegazione del suo ciclo di lavorazione (capp. 1 e 2), mentre i restanti tre capitoli sono dedicati allo studio delle aziende leuciane; studio affrontato attraverso un contatto diretto con gli imprenditori ai quali è stato sottoposto loro un questionario di rilevazione. Il quinto capitolo è dedicato ad un'azienda in particolare che è stato studiata in maggior dettaglio, fornendo informazioni sia di carattere economico che tecniche.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 I. LA SETA: DAL BACO AL FILO 1.1. TRA STORIA E LEGGENDA Il filo d’oro. È questo uno dei modi per definire la seta, la fibra di lusso per eccellenza. La fibra che nel corso dei secoli ha vestito ricchi e potenti. Le sue caratteristiche merceologiche, che permettono di fabbricare tessuti leggeri e di grande bellezza, riescono a conferire un fascino del tutto particolare, valorizzando chi indossa abiti o anche più semplicemente scialli, sciarpe, cravatte realizzate con questo materiale. Con la seta si può realizzare un "meraviglioso tessuto, tiepido e leggero, morbido e fresco, soave, fine, dai riflessi cangianti che si presta bene al ricamo ed alle decorazioni" 1 . È la natura che ci ha fatto questo dono. Le larve di alcune specie di insetti, infatti, durante la loro trasformazione in crisalide e poi in farfalle, realizzano un involucro per la protezione. Detto involucro, chiamato bozzolo, costituisce la seta. Un prodotto di così alto valore, per un’origine così umile, la cui scoperta si perde nella leggenda. 1 Bulnois, L., La via della seta, Rusconi, Milano, 1993, p. 14.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Massimo Salvatore Contatta »

Composta da 142 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4018 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.