Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Format televisivi: aspetti tecnici e semiotici. Analisi del game show

L’elaborato è volto ad individuare tutti gli aspetti dei format televisivi, dal punto di vista tecnico e semiotico. Per raggiungere questo obiettivo, innanzitutto è stato spiegato il significato del termine “format” in base alle condizioni di mutevolezza e di rigidità. Inoltre, analizzando i punti di forza dei format televisivi è emersa l’importanza del concetto di attesa e di suspense, ripreso direttamente dal cinema di Hitchcock. Al fine di chiarire in modo preciso tutto ciò che riguarda i tre tipi principali di format (dating show, game show e reality show), sono stati presi in considerazione due programmi-esempio per ognuno di essi.
Per il dating show sono stati considerati “Il gioco delle coppie” e “Stranamore”,due programmi in cui si nota come gli elementi dello studio televisivo possono caratterizzare la trasmissione, attirare il pubblico e generare suspense.
Per il game show sono stati considerati “L’Eredità” e “Affari tuoi”, al fine di dimostrare le diversità tra i concorrenti che partecipano al gioco e gli elementi che guidano i due programmi: cultura da un lato, destino e fortuna dall’altro.
Anche per i reality show sono stati considerati due programmi che prevedono concorrenti diversi; si tratta del “Grande Fratello”, i cui concorrenti sono giovani alla ricerca del trampolino di lancio nello spettacolo e “L’isola dei Famosi”, i cui concorrenti, sono vip rimasti lontani dai riflettori per qualche tempo.
Nella seconda parte del lavoro è stata effettuata un’analisi dettagliata del game show come genere intramontabile. Dopo una breve storia dei quiz della neo-televisione e della paleo-televisione e i conseguenti effetti sulla società, sono analizzate le differenze tra i game show del presente e quelli del passato in virtù dei nuovi linguaggi e l’inserimento del “gioco” in programmi diversi da quiz.
Il lavoro si chiude con l’analisi di un game show molto seguito negli ultimi anni: “Chi vuol essere Milionario”. Si tratta di un programma in cui giocano un ruolo molto importante i suoni, lo studio e i colori analizzati in base alle teorie di Goethe e Kandinskij. Da questa analisi è emerso quanto l’atmosfera dello studio televisivo influisca sul concorrente e coinvolga il pubblico da casa nella spirale della comunicazione non verbale.

Mostra/Nascondi contenuto.
- 1 - INTRODUZIONE. L’elaborato è volto ad individuare tutti gli aspetti dei format televisivi sia dal punto di vista tecnico che semiotico. Un’analisi particolare viene svolta per i Game Show e per il quiz più famoso degli ultimi anni: “Chi vuol essere Milionario” condotto da Gerry Scotti. STRUTTURA DEL LAVORO. Il presente lavoro è suddiviso in due parti. Nella prima parte viene fornito un quadro generale sui format televisivi sia dal punto di vista tecnico che non. Vengono analizzati i tre tipi di format che occupano la maggior parte del palinsesto televisivo: “dating show”, “game show” e “reality show”. Al fine di chiarire in modo preciso tutto ciò che riguarda i format sopra citati, sono stati presi in considerazione due programmi/esempio per ognuno di essi; “Il Gioco delle Coppie” e “Stranamore” per il dating, “Affari tuoi” e “L’Eredità” per il game, “Il Grande Fratello” e “L’Isola dei Famosi” per il reality. Nella seconda parte del lavoro è proposta un’analisi dettagliata circa il Game Show, attraverso una breve ricostruzione della storia dei quiz

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Franca Pietropaolo Contatta »

Composta da 42 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3221 click dal 22/03/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.