Skip to content

Abet Laminati S.p.A. 1957-2009: Dall'Italia al mondo. Cinquant'anni di ricerca ed internazionalizzazione

Informazioni tesi

  Autore: Jacopo Tonucci
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Urbino
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Fabio Musso
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 91

Soggetto dell’elaborato è l’azienda produttrice di laminato plastico ad alta pressione (HPL) Abet Laminati S.p.A. con sede a Bra (CN).
La scelta di questo specifico case study è conseguente alla mia personale esperienza (stage) presso l’headquarter Nord Americano di Abet Laminati. All’interno della tesi ho effettuato una attenta disamina delle peculiarità che caratterizzano questa azienda e la rendono unica, focalizzandomi sulle antesignane dinamiche di approccio al mercato nazionale ed internazionale di Abet Laminati.
Per analizzare a fondo le diverse tematiche aziendali, il testo è stato suddiviso in quattro capitoli: nel primo capitolo viene illustrato lo sviluppo del laminato plastico, elemento principe della produzione di Abet Laminati. Nel secondo capitolo il discorso si focalizza sulla “protagonista” della tesi, l’Abet Laminati S.p.A., in particolare, sulla sua evoluzione e sulla nascita e relativa espansione di ABET INC. U.S.A.. Nel terzo capitolo vengono esaminati gli aspetti riguardanti il marketing management e le strategie di MKTG Internazionale tra Italia, Europa ed U.S.A.. Nel quarto ed ultimo capitolo viene descritta la realtà corrente di Abet, ponendo l’accento sulla spiccata environmental consciousness di quest’ultima.

Metodologia seguita:

La tesi è stata strutturata in capitoli, paragrafi e sottoparagrafi che immediatamente rendono riconoscibile la struttura argomentativa e il percorso logico seguito. Inizialmente ho individuato l’argomento; successivamente ho iniziato a raccogliere il materiale riguardante l’azienda recandomi in sede a Bra (CN) e catalogando il materiale tecnico ed informativo statunitense già in mio possesso; In questa fase ho creato mappe concettuali prendendo appunti e delineando la bibliografia dove ho riportato tutti gli articoli, i libri, i rapporti di ricerca, le documentazioni tecniche e i siti internet consultati. Dopo aver messo a fuoco una “domanda di ricerca”, ho provveduto alla stesura di un indice provvisorio comprendente: l’introduzione, due/tre capitoli intermedi, la conclusione e la bibliografia. Il tutto è stato realizzato con il costante supporto di testi specifici contenenti argomentazioni mirate al fine di una corretta base teorica. Una volta elaborata la “tesi provvisoria”, ho provveduto alla correzione di quest’ultima aggiungendo inoltre elementi visivi come tabelle e grafici a supporto dei contenuti scritti.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3   CAPITOLO 1 EVOLUZIONE DEL MATERIALE PLASTICO Il laminato e la naturalizzazione del sintetico 1.1. Introduzione: L’invenzione e l’evoluzione delle materie plastiche   Trovo doveroso iniziare il mio elaborato facendo un piccolo excursus riguardante l’invenzione e lo sviluppo delle materie plastiche, essendo quest’ultime elemento “vitale” per Abet Laminati. Parlando di materie plastiche, ci si riferisce oggi a quei materiali sintetici, detti “polimerici”, prodotti a partire principalmente dal petrolio che associano prestazioni innovative ad un’immagine decisamente moderna. Le sostanze “plastiche” sono in realtà materiali antichi, è difficile dare un’esatta collocazione cronologica alla scoperta delle materie plastiche; esse percorrono con continuità la storia che và dalla lavorazione dell’argilla, alla rivoluzione neolitica, alla cera dell’epoca romana e la lacca cinese (XI sec.), fino ai giorni nostri. Molti materiali plastici furono inventati con l’avvento industriale, caratterizzando lo scenario materico dal dopoguerra in poi. La storia moderna dei materiali polimerici, iniziò ad evolversi sul finire del XVIII secolo quando, per impulso della Rivoluzione Industriale, si iniziarono a impiegare sistematicamente sostanze plastiche per produrre manufatti o parti di essi come manopole, scocche e giunture. Nel secolo scorso, molte furono le sostanze plastiche che vennero impiegate sia artigianalmente, sia industrialmente nella produzione di diversi oggetti, ad esempio: vasellame, componenti per apparecchi di radiotrasmissione e suppellettili. L’industrializzazione portò ad intensificare il prelievo dall’ambiente di sostanze polimeriche naturali che, inizialmente impiegate tal quali previe lavorazioni di “formatura”, furono poi modificate sia in modo fisico, sia con l’ausilio di sostanze chimiche aprendo la strada alla ricerca sui materiali sintetici. Lo sviluppo delle materie plastiche ebbe una vera e propria impennata in seguito ai progressi della chimica nella prima metà del XX secolo. Attraverso articolati processi chimici, si avviò la produzione dei polimeri sintetici che rappresentano, allo stato naturale, la quasi totalità della produzione di materie plastiche. Le vere e proprie materie plastiche, hanno un evoluzione più recente: nel 1909, il chimico belga Leo Baekeland inventò e brevettò la bakelite 1 (resina fenolica), prima resina totalmente sintetica.                                                               1 La bakelite è il prodotto della reazione tra il fenolo e la formaldeide 

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

abet laminati milano
laminati plastici
usa laminati

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi