Skip to content

La regolamentazione dei finanziamenti pubblici e privati ai partiti politici

Informazioni tesi

  Autore: Valentina Battista
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Bari
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze delle pubbliche amministrazioni
  Relatore: Nicola Colonna
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 131

Il dibattito sulla necessità o meno del finanziamento pubblico ai partiti ha caratterizzato in misura sensibile la discussione concernente queste particolari ed importantissime associazioni.
“Nessuno può negare che questo finanziamento dei partiti sia sempre stato e seguiti ancora a manifestarsi come uno dei nodi più rilevanti e meno risolti della nostra democrazia”.
Nodo da un lato rilevante, in quanto afferente la cosiddetta “questione morale” ed i rapporti fra partiti fra partiti politici e società civile, dall’altra non risolto per carenza di volontà politica e per scarsa conoscenza della realtà .
“Questione morale” che “è da tempo all’attenzione dell’opinione pubblica, ma che negli ultimi tempi ha assunto una rilevanza così preminente da imporre la ricerca di soluzioni adeguate” .
Esortazione, questa, scritta nove anni dopo l’approvazione in Italia della prima legge sul finanziamento pubblico dei partiti .
Vista però la sua permanente attualità, si rinnova senz’altro il quesito dell’opportunità della scelta operata così frettolosamente dal legislatore, che in vero non pare abbia fatto pendere il piatto della bilancia a vantaggio dei fautori dell’intervento pubblico piuttosto che i suoi detrattori.
L’attualità della domanda si inferisce dalla considerazione che, oggi come allora, si deve avere riguardo al meccanismo di finanziamento dei partiti politici ed alla loro gestione per poter intervenire efficacemente, con incisivi mezzi e procedure di controllo, sorvegliando – nella tutela dell’autonomia e della democraticità contemplata per i partiti stessi – il rispetto rigoroso e costante di regole di correttezza e trasparenza.
In questa visione si inserisce il problema della sussistenza dei partiti, della loro vita.
Com’è facilmente intuibile, infatti, essi abbisognano di mezzi per sostenersi ed esplicare le proprie attività e funzioni tipiche.
Quali modalità di finanziamento sono da preferirsi? Quali erogatori? Quali i limiti? Quali i controlli?
Tutti questi interrogativi si sono riproposti nel tempo.
Per comprendere il quadro normativo che si è andato delineando in Italia, come negli altri Paesi che hanno adottato una disciplina normativa in tema di finanziamento pubblico dei partiti, si deve operare un breve excursus di natura però assai complessa.
Infatti, l’oggetto dell’attenzione deve porsi sia sull’evoluzione storica del problema, sia sulla natura giuridica del partito politico, sia sulle ragioni a vantaggio e contrarie al finanziamento pubblico, sia sulle concrete modalità per effettuarlo.
Per far ciò, è necessario delineare alcuni profili di riferimento qui rilevanti, per quanto concerne la natura e la disciplina dei partiti politici. Si deve poi avere riguardo al riconoscimento che di essi introduce la nostra Costituzione, analizzando quindi la natura ibrida che li caratterizza, quali associazioni soggette senz’altro al diritto privato, che peraltro svolgono alcune importantissime funzioni di natura pubblica.
Alla luce di tali elementi, si potranno valutare le necessità finanziarie dei partiti derivanti dal costo dell’attività politica e, quindi le motivazioni, presupposto dell’idea di prevedere un finanziamento a carico dello Stato.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
13 Capitolo I: Il finanziamento dei partiti politici dal dopoguerra al referendum del 1978. Come nella generalità delle democrazie occidentali, anche in Italia il processo di trasformazione del sistema politico, dopo la parentesi totalitaria, è stato marcato dalla mutazione dei partiti di integrazione di massa in catch- all parties 5 . Il fenomeno è strettamente correlato all’evoluzione della società pre-industriale dell’immediato dopoguerra verso il boom economico e l’attuale terziarizzazione, contrassegnata da una crescente disponibilità di beni al consumo 6 . Il carico conflittuale ed ideologico dei partiti che diedero vita alla Carta costituzionale si è stemperato con la progressiva omologazione tra le classi sociali, ben 5 gia utilizzata è rispettivamente proposta da Newmann, Toward a comparative study of political parties, in Modern political La terminoloparties. Approaches to comparative politics, Chicago, 1956, e Kircheimer, The transformation of westwrn European party system, in la Palombara – Weiner (a cura di), Political parties and political development, Princeton, 1966; di entrambi la trad. it. È in Sivini (a cura di), Sociologia dei partiti politici, Bologna, 1970. Melucci (in Sistema politico, partiti e movimenti sociali, Milano, 1982) applica le categorie introdotte dai due all’evoluzione del sistema politico italiano. 6 Cfr. Bevilacqua, Cinquant’anni di sviluppo. Uomini, lavoro, risorse, in AA.VV., Lezioni sull’Italia repubblicana, Roma, 1994. Una lucida ancorché atecnica testimonianza della transizione è in Pisolini, Il vuoto di potere in Italia, in Corriere della Sera, 1° febbraio 1975, ora in Scritti corsari, Milano, 1990.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

autofinanziamento dei partiti
campagna elettorale
contribuzione volontaria ai partiti politici
elezioni
elezioni europee
elezioni regionali
fianziamento privato ai partiti
finanziamento ai partiti
finanziamento diretto
finanziamento indiretto
finanziamento pubblico ai partiti
l. n.2/97
la casta
movimenti politici
partiti politici
progetto bertoldi
quantificazione dei fondi
referendum 1978
regime dei controlli
spesa politica
spese elettorali
tangentopoli

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi