Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'azione delle Nazioni Unite nella crisi del Darfur

A partire dal febbraio del 2003, da quando in pratica si sono intensificati gli scontri tra le forze governative e i gruppi ribelli del Darfur, numerose organizzazioni internazionali hanno cercato di portare l’attenzione dell’opinione pubblica internazionale e soprattutto delle Nazioni Unite sulla crisi in corso per ottenere dei provvedimenti miranti a far cessare gli scontri e le gravi violazioni dei diritti umani.
La tesi illustra l'intervento della Commissione Speciale delle Nazioni Unite.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Capitolo 1 Il conflitto civile in Darfur 1. Sfondo storico e sociale Il Sudan è il paese più vasto dell’Africa con un territorio che occupa circa 2,5 km²; confina a nord con l’Egitto, ad est è bagnato dalle acque del Mar Rosso e confina con l’Etiopia ed Eritrea, a sud i confini sono segnati da Uganda, Kenya e Repubblica Democratica del Congo, la parte occidentale è toccata dalle terre del Ciad e della Libia. Il dato statistico sulla popolazione tutt’oggi residente in Sudan è di circa 39 milioni di abitanti, distribuiti tra città (1/3) e campagne (2/3), e un’esigua minoranza che risulta nomade. 1 Il paese è religiosamente diviso in due aree: quelle settentrionale è a maggioranza islamica mentre nella parte meridionale il cristianesimo e le religioni tradizionali animiste hanno un peso particolarmente rilevante. Il Sudan è una repubblica.La forma politica caratterizzante il più grande stato africano, è un sistema federale basato su numerosi livelli amministrativi con 26 Stati (Wilayaat) suddivisi in circa 120 comunità (Mahaliyaat). All’interno del movimento di decolonizzazione avvenuto nel continente africano tra la fine della seconda guerra mondiale e la seconda metà degli anni ’60, il Sudan conquista la sua indipendenza dall’egemonia britannica il 1° Gennaio 1956. Da quel momento il paese ha visto avvicendarsi al potere regimi militari e giunte democratiche. 2 1 Rapporto Commissione Internazionale d’Inchiesta, gennaio 2005,§ 40 2 Charles Omondi, Turning point in Sudan peace talks, Daily Nation, Kenya 2004.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Maria Vittoria Di Giovanni Contatta »

Composta da 56 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 982 click dal 15/03/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.