Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Indicazioni e limiti della chirurgia laparoscopica in oncologia

In questo lavoro sono esaminate le possibili applicazioni della chirurgia laparoscopica in ambito oncologico, valutando estesamente i vantaggi ed i limiti della metodica. Vengono esaminate le possibilità diagnostiche e terapeutiche della tecnica laparoscopica confrontandola con l'approccio tradizionale. Dal lavoro emergono notevoli possibilità di sviluppo di questo tipo di chirurgia, che dovrà essere sempre più estesamente impiegata in ambito oncologico.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE La chirurgia miniinvasiva nasce dalla necessità di ridurre il danno tissutale nell’esecuzione di interventi chirurgici mediante vie di accesso minime. In questo settore della moderna chirurgia rientrano la chirurgia laparoscopica, quella toracoscopica e la chirurgia videoendoscopica del tratto digerente (transanale, transesofagea, transgastrica). La chirurgia laparoscopica moderna esordisce come metodica operativa nel 1987 in Francia, con l’esecuzione della prima colecistectomia da parte di P. Mouret. Subito sono apparse chiare le sue potenzialità in campo diagnostico e terapeutico, con una rapida diffusione della metodica in tutta la comunità scientifica. L’uso di una microcamera, introdotta in cavità addominale attraverso una piccola incisione, consente un’accurata esplorazione degli organi addominali con definizione superiore rispetto all’analoga valutazione effettuata in corso di interventi a cielo aperto. Si riduce, inoltre, il trauma a carico della parete addominale, dei visceri e delle strutture vascolari, evitando complicanze nel decorso postoperatorio. Nel tempo, d’altra parte, si sono evidenziati alcuni limiti connessi con la metodica, quali la necessità di operare sotto una visione bidimensionale del campo operatorio e la mancanza della sensazione tattile, essendo ogni gesto del chirurgo mediato da strumenti. E’, inoltre, una pratica soggetta a curva di apprendimento, che espone il medico a possibili errori fino al conseguimento della sufficiente manualità necessaria all’esecuzione corretta del gesto operatorio.

Tesi di Laurea

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Decio Viscidi Contatta »

Composta da 51 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4939 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.