Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Verifica dell'ipotesi di contagio tramite Gretl: una analisi empirica degli spillover tra mercati finanziari basata sui modelli Garch

La graduale integrazione delle politiche economiche attuate nei paesi industrializzati e la contestuale liberalizzazione dei movimenti dei capitali portano inevitabilmente a scaricare sul sistema finanziario una buona parte delle anomalie che in certe situazioni interessano i rapporti economici internazionali. Ad esempio si può pensare all’effetto sinergico generato dal naturale riposizionamento dei creditori comuni dopo uno shock negativo particolarmente importante su un certo mercato e dalla rilevanza del
contenuto informativo di tale evento per le successive analisi di rischio, ma in generale si può far riferimento a tutti quei meccanismi che, poiché provocano delle alterazioni nei legami di interdipendenza preesistenti, possono intaccare l’affidabilità delle previsioni fornite da un qualsiasi
modello econometrico costruito in precedenza.
I dati finanziari rappresentano comunque un campo di osservazione privilegiato per individuare empiricamente questo tipo di fenomeni macroeconomici, e poiché non considerano molte delle fluttuazioni dovute alle imperfezioni dei mercati, le volatilità dei rendimenti settimanali o mensili possono riuscire a sintetizzare, in un certo senso, anche lo stato delle fondamentali macroeconomiche.
Le caratteristiche distributive attribuite in letteratura ai rendimenti delle attività finanziarie hanno ispirato nel tempo numerose delle varianti comprese nella classe dei modelli ARCH, inizialmente introdotti da Engle (1982), e l’estrema parsimoniosità dei modelli GARCH, dovuti invece
a Bollerslev (1986), rende questo particolare tipo di specificazioni un ottimo punto di partenza per le analisi di una qualsiasi serie storica di dati di tal genere.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione. La graduale integrazione delle politiche economiche attuate nei paesi industrializzati e la contestuale liberalizzazione dei movimenti dei capitali portano inevitabilmente a scaricare sul sistema finanziario una buona parte delle anomalie che in certe situazioni interessano i rapporti economici internazionali. Ad esempio si può pensare all’effetto sinergico generato dal naturale riposizionamento dei creditori comuni dopo uno shock negativo particolarmente importante su un certo mercato e dalla rilevanza del contenuto informativo di tale evento per le successive analisi di rischio, ma in generale si può far riferimento a tutti quei meccanismi che, poichØ provocano delle alterazioni nei legami di interdipendenza preesistenti, possono intaccare l’affidabilità delle previsioni fornite da un qualsiasi modello econometrico costruito in precedenza. I dati finanziari rappresentano comunque un campo di osservazione privilegiato per individuare empiricamente questo tipo di fenomeni macroeconomici, e poichØ non considerano molte delle fluttuazioni dovute alle imperfezioni dei mercati, le volatilità dei rendimenti settimanali o mensili possono riuscire a sintetizzare, in un certo senso, anche lo stato delle fondamentali macroeconomiche. Le caratteristiche distributive attribuite in letteratura ai rendimenti delle attività finanziarie hanno ispirato nel tempo numerose delle varianti comprese nella classe dei modelli ARCH, inizialmente introdotti da Engle (1982), e l’estrema parsimoniosità dei modelli GARCH(1,1), dovuti invece a Bollerslev (1986), rende questo particolare tipo di specificazioni un ottimo punto di partenza per le analisi di una qualsiasi serie storica di dati di tal genere. Nel primo capitolo della presente dissertazione si è perciò deciso di riassumere brevemente le proprietà di quelli che tra i modelli della classe ARCH possono essere considerati i più interessanti dal punto di vista delle analisi finanziarie, e di delineare anche quelle tecniche per il trattamento dell’eteroschedasticità condizionata che sono appunto fondate sull’utilizzo di questo tipo di modelli. Nel secondo capitolo si introducono invece alcune delle diverse tematiche legate a tutti quei fenomeni che secondo la letteratura economica e finanziaria possono essere compresi nel termine “contagio”, prestando particolare attenzione soprattutto al

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Statistiche

Autore: Daniele Giacomini Contatta »

Composta da 131 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1030 click dal 29/03/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.