Skip to content

L'integrazione tra circuiti creditizi e mobiliari e la crisi finanziaria

Informazioni tesi

  Autore: Davide Gacci
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze economiche
  Relatore: Enzo Scannell
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 77

La funzione principale del sistema finanziario è quella di trasferire risorse finanziarie tra soggetti in surplus e soggetti in deficit minimizzando i costi di transazione.
Ciò può essere realizzato tramite i circuiti creditizi, se la transazione tra datore e prenditore di fondi avviene indirettamente tramite l’intermediazione di una banca, o tramite i circuiti mobiliari, se la transazione tra datore e prenditore di fondi avviene direttamente, tramite un rapporto contrattuale tra di essi in un mercato finanziario. Mentre i circuiti mobiliari permettono l’incontro tra domanda ed offerta di risorse finanziarie, la banca, tramite la sua attività di intermediazione, svolge un ruolo di collegamento tra soggetti che hanno preferenze finanziare differenti, effettuando dei servizi di trasformazione (della liquidità, delle scadenze, del rischio). Collegata ad essi, e necessaria per la loro presenza, è la natura dei depositi a vista di costituire un mezzo di pagamento: alla funzione creditizia delle banche si salda così una funzione monetaria. Sono queste caratteristiche che, secondo la tradizionale teoria degli intermediari finanziari, spiegano la cosiddetta specialità delle banche, uniche istituzioni private in grado di creare moneta. Questa architettura di sistema finanziario, declinata nelle due configurazioni di sistema bank-oriented e market-oriented a seconda della prevalenza dell’uno o dell’altro circuito finanziario, è quella che si è consolidata nella maggior parte dei paesi e nella teoria.

Tuttavia negli Stati Uniti, nell’arco di circa un trentennio, la nascita e il radicamento di vari intermediari non bancari, che su più fronti entrarono in competizione diretta con le banche, hanno fatto sì che i circuiti mobiliari si sovrapponessero in buona parte a quelli creditizi anche in quelle funzioni ‘speciali’ tradizionalmente riservate alle banche. La reazione di queste ultime, in difficoltà per le crescenti pressioni competitive e per la perdita di rilevanza della propria intermediazione creditizia, consistette nello sviluppo di un nuovo modo di fare banca (di cui il modello originate-to-distribute è l’elemento principale), grazie al quale le banche hanno rivoluzionato i propri processi creditizi, ri-orientandoli verso i circuiti mobiliari allo scopo di abbracciarne la crescita.
Il prodotto della nascita e del consolidamento di nuovi intermediari, della diffusione
del modello originate-to-distribute e dell’evoluzione delle forze di mercato è stato lo sviluppo di un sistema finanziario nuovo, caratterizzato dall’integrazione reciproca tra circuiti creditizi e mobiliari: un sistema finanziario integrato.
Nel sistema finanziario integrato i processi di intermediazione finanziaria sono svolti disgiuntamente da più intermediari creditizi e mobiliari, collegati nella formazione di una filiera produttiva del credito, e i servizi di trasformazione vengono effettuati congiuntamente dai circuiti creditizi e mobiliari, collegati nella gestione dei rischi originati nella filiera produttiva stessa. Si tratta di un sistema che, rispetto ai tradizionali modelli bank- e market-oriented, è caratterizzato da una maggiore velocità e dinamicità operativa, da un’accentuata specializzazione degli attori e, in generale, da una superiore capacità produttiva di servizi finanziari. Allo stesso tempo, è un sistema fragile, perché, rispettivamente, è più orientato verso il breve periodo, ha una struttura più complessa, articolata, ed interconnessa e, in generale, ha una maggiore capacità generativa di rischi di credito e di mercato.
La maggiore velocità ed efficienza produttiva del sistema finanziario integrato contribuirono all’alimentazione della fase espansiva di inizio e metà anni 2000, così come la sua maggiore fragilità e capacità generativa di rischi contribuirono all’inasprimento della crisi finanziaria del 2007-2008.

L’obiettivo dell’elaborato è duplice: 1) illustrare i profondi cambiamenti avvenuti nel sistema finanziario americano negli ultimi trenta anni (l’ascesa dei circuiti mobiliari, lo sviluppo della tecnica della cartolarizzazione, la creazione di un sistema bancario ombra), ponendo così le basi per comprendere la natura della crisi del 2007-2008; 2) documentare gli eventi, le cause, le caratteristiche dell’epicentro, dei meccanismi di propagazione e degli strumenti di contenimento della crisi del 2007-2008, in un’analisi focalizzata sul contesto statunitense e volta a cogliere la capacità esplicativa della crisi da parte del fenomeno dell’integrazione tra circuiti finanziari.

Le fonti bibliografiche utilizzate sono tratte dalla letteratura economica americana. Autori i cui lavori sono stati determinanti nella stesura dell’elaborato sono Acharya et al. (2009), Adrian et al. (2010), Gorton (2008), Poszar et al. (2010), Shin (2008).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione La funzione principale del sistema finanziario è quella di trasferire risorse finanziarie tra soggetti in surplus e soggetti in deficit minimizzando i costi di transazione. Ciò può essere realizzato tramite i circuiti creditizi, se la transazione tra datore e prenditore di fondi avviene indirettamente tramite l‟intermediazione di una banca, o tramite i circuiti mobiliari, se la transazione tra datore e prenditore di fondi avviene direttamente, tramite un rapporto contrattuale tra di essi in un mercato finanziario. Mentre i circuiti mobiliari permettono l‟incontro tra domanda ed offerta di risorse finanziarie, la banca, tramite la sua attività di intermediazione, svolge un ruolo di collegamento tra soggetti che hanno preferenze finanziare differenti, effettuando dei servizi di trasformazione (della liquidità, delle scadenze, del rischio). Collegata ad essi, e necessaria per la loro presenza, è la natura dei depositi a vista di costituire un mezzo di pagamento: alla funzione creditizia delle banche si salda così una funzione monetaria. Sono queste caratteristiche che, secondo la tradizionale teoria degli intermediari finanziari, spiegano la cosiddetta specialità delle banche, uniche istituzioni private in grado di creare moneta. Questa architettura di sistema finanziario, declinata nelle due configurazioni di sistema bank-oriented e market- oriented a seconda della prevalenza dell‟uno o dell‟altro circuito finanziario, è quella che si è consolidata nella maggior parte dei paesi e nella teoria. Tuttavia negli Stati Uniti, nell‟arco di circa un trentennio, la nascita e il radicamento di vari intermediari non bancari, che su più fronti entrarono in competizione diretta con le banche, hanno fatto sì che i circuiti mobiliari si sovrapponessero in buona parte a quelli creditizi anche in quelle funzioni „speciali‟ tradizionalmente riservate alle banche. La reazione di queste ultime, in difficoltà per le crescenti pressioni competitive e per la perdita di rilevanza della propria intermediazione creditizia, consistette nello sviluppo di un nuovo modo di fare banca (di cui il modello originate-to-distribute è l‟elemento principale), grazie al quale le banche hanno rivoluzionato i propri processi creditizi, ri-orientandoli verso i circuiti mobiliari allo scopo di abbracciarne la crescita.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi