Skip to content

L’arte di dire il falso. Per una definizione cognitiva della menzogna.

Informazioni tesi

  Autore: Giovanni Battista Chiappe
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Francesca Ervas
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 52

Che cosa è una menzogna? Perché e come mentiamo? È una capacità esclusiva degli esseri umani, dotati di linguaggio, oppure questa abilità è riscontrabile anche nel mondo animale, seppur in maniera minore? Il presente lavoro cerca di rispondere a queste domande, a partire da una definizione della menzogna fino a giungere a una comparazione con le tipologie d’inganno tipiche dei primati non-umani. L’obiettivo sarà capire se c’è una linea di continuità tra l’inganno dei nostri parenti prossimi, in linea filogenetica e come questa capacità si possa basare sul riconoscimento reciproco delle intenzioni. Nell’essere umano, grazie al linguaggio essa avrebbe subito un’ evoluzione che poggia anche sul piano della comunicazione verbale. Il filo conduttore della nostra tesi sarà chiarire i limiti delle concezioni classiche della menzogna, in particolare la teoria del filosofo analitico inglese Paul Herbert Grice. A partire dalla prospettiva teorica neo-griceana nota come “teoria della pertinenza” proporremo un definizione alternativa di menzogna, capace di distinguerla dai fenomeni pragmatici della metafora e dell’ironia.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
11 CAPITOLO PRIMO 1.1 La menzogna: un naturale inganno strategico Sin dall‟origine del mondo come lo conosciamo, la lotta per la sopravvivenza 1 ha aguzzato l‟ingegno degli esseri viventi animali e vegetali dando luogo a vere e proprie strategie per la prosecuzione della vita sia dal punto di vista ontogenetico del fenotipo, sia da quello dello sviluppo filogenetico in modo che fosse garantita la sopravvivenza 2 della specie. Ciò è stato possibile mettendo in atto i più diversificati tentativi di dare scacco matto a un eventuale predatore e assicurarsi così la salvezza oppure riuscendo a trarre in inganno la preda, permettendone in fine la cattura: come afferma il noto antropologo Volker Sommer ciò è reso possibile dal ruolo che attribuisce al fenomeno della comunicazione «la funzione naturale della comunicazione in sostanza non risiede affatto nel trasmettere un‟informazione veritiera» 3 in quanto i segnali d‟inganno e di dissimulazione sono fattori di vitale importanza. Il mimetismo e il camuffamento sono diventate delle tattiche adattive preziose per assicurarsi la possibilità di fuggire al predatore o di attirare a sé la preda, basti pensare alla mutazione del pigmento della pelle dei camaleonti o la somiglianza della mantide religiosa a uno stelo d‟erba, piuttosto che la capacità delle piante carnivore di attrarre nelle proprie “fauci” gli insetti che si trovino nelle vicinanze, tramite l‟emanazione di alcune secrezioni che colpiscono il sistema olfattivo delle incaute prede che ne vengono a contatto. La specie umana non è esente da questo “gioco” 4 fatale e pur avendo, come vedremo, delle comunanze col resto del regno animale, le strategie d‟inganno degli esseri umani hanno subito un‟evoluzione particolare per merito di una facoltà che pur non rendendola speciale, rispetto a gli altri esseri viventi, ne costituisce assai probabilmente il tratto peculiare che la contraddistingue: il linguaggio. Questa è l‟abilità che più di altre rende l‟essere umano capace di ordire delle categorie d‟inganno sofisticate e nel corso di questo elaborato prenderemo in considerazione, nella fattispecie, l‟analisi del fenomeno ingannatorio della menzogna, che rappresenta l‟esempio più emblematico del come la comunicazione umana possa rendere conto della capacità di fare il possibile per riuscire a modificare il comportamento, gli stati 1 Cfr. L. Anolli, Mentire: anche gli animali lo fanno, Il Mulino, Bologna 2003. 2 Cfr. R. Dawkins, The Selfish Gene, Oxford University Press, Oxford 1976; trad. it. Il gene egoista, Arnoldo Mondadori, Milano 1989. 3 V. Sommer, Lob der Lüge. Täuschhung und Selbstbetrug bei Tier und Mensch, Verlag, München 1992; trad. it. Elogio della menzogna. Per una storia naturale dell’inganno, Bollati Boringhieri, Torino 1999, p. 65 4 Cfr. L. Anolli, Mentire: anche gli animali lo fanno, cit. .

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi