Skip to content

L'integrazione: elemento di congiunzione nel reticolo organizzativo

Informazioni tesi

  Autore: Angela Maria Grasso
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Verona
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Progettazione e attuazione di interventi di Servizi Sociali
  Relatore: Giorgio Gosetti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 162

Il termine “integrazione” si collega a quello di “integrare” che sta a significare “aggiungere ciò che manca” ad un “intero” , ad un “intatto” nella sua espressione di unità. Il tutto richiama dunque alla unitarietà delle cose, dei soggetti, dei sistemi, delle realtà.
Di tale concetto possiamo cogliere due connotazioni: da un lato parliamo di integrazione come processo e risultato che vede le persone coinvolte attivamente e consapevolmente nella vita della comunità di appartenenza, perseguita attraverso il rafforzamento delle capacità di progettare ed interagire per poter concretizzare i propri obiettivi di vita; dall’altro intendiamo l’integrazione come una forma stabile di cooperazione fra servizi diversi con lo scopo di raggiungere obiettivi comuni.
Le continue trasformazioni sociali rendono sempre più evidenti la necessità di un intervento integrato in quanto i singoli servizi talvolta non riescono a rispondere in maniera adeguata ai nuovi bisogni emergenti. Questo comporta l’esigenza da parte dei servizi di trovare momenti di condivisione dell’analisi dei bisogni delle persone, della individuazione degli obiettivi, della formulazione di strategie di intervento, della conduzione in forma associata di azioni incisive e della valutazione di impatto.
L’integrazione non deve essere collocata solo all’interno dei servizi sociali e sanitari ma anche all’interno delle politiche sociali, sanitarie, del lavoro, dell’istruzione, in un disegno organico di intervento a favore della globalità della persona, della famiglia e della comunità.
È possibile quindi individuare delle dimensioni all’interno delle quali è possibile produrre integrazione:
- istituzionale: inerente l’integrazione delle politiche di intervento fra istituzioni diverse (Comuni ed ASL), attraverso accordi di programma, protocolli di intesa, e altri strumenti per definire un accordo interistituzionale che contempla la condivisione di un aspetto politico;
- organizzativa: riguarda l’integrazione dei servizi nei loro aspetti organizzativi, sia all’interno dell’organizzazione che fra diverse organizzazioni, producendo quindi una continuità tipica dei processi organizzativi;
- gestionale:relativa all’integrazione delle risorse (economiche, umane..), che vengono associate e gestite congiuntamente per potenziare la capacità di programmazione e azione di due o più organizzazioni, o di unità organizzative interne ad una organizzazione;
- operativa:riguarda lo svolgimento delle attività e in particolare l’individuazione di soluzioni operative che consentano di tenere assieme diversità di risorse impiegate e fasi operative;
- professionale:riguarda specificatamente l’integrazione di aspetti professionali, sia al lavoro concreto svolto nelle organizzazioni sia rispetto alla formazione degli operatori acquisita prima di entrare in servizio o in forma continua sul lavoro.

L’integrazione può andare in due direzioni: verticale, quando riguarda livelli diversi di governo (Unione Europea, Stato, Regioni, Provincia e Comuni) e di responsabilità dentro un’organizzazione; orizzontale quanto attiene a relazioni fra soggetti, unità organizzative poste sullo stesso livello.Tali concetti verranno approfonditi anche nel corso dell’elaborato.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Tanto si discute in questi ultimi anni di integrazione sociosanitaria nonostante questo tema si sia affacciato alla ribalta ormai da un decennio. Le motivazioni di tale discussione possono essere riportati ad alcune criticità abbastanza evidenti che ancora impediscono la realizzazione della integrazione sociosanitaria in un’epoca in cui appare non solo fondamentale ma addirittura inevitabile considerata la “globalizzazione” dei sistemi .Le criticità sono di diversa natura ma principalmente possiamo ricondurle alle seguenti: la semantica e i significati, i processi e i percorsi dell’integrazione, le consapevolezze e i coinvolgimenti dei diversi soggetti e attori dell’integrazione, la storia con i suoi tempi che rappresentano il vissuto degli stessi soggetti. Se l’integrazione sociosanitaria può nascere dalla necessità di diversi soggetti istituzionali di razionalizzare ed unificare le risorse, raccoglie senz’altro il desiderio degli operatori del settore di non sentirsi più parziali, in solitudine, spesso impotenti rispetto a bisogni della persona che non sono né semplici, né lineari, ma sempre più spesso complessi e fuggevoli, bisogni sui quali diviene necessario intervenire in termini di sistema interdisciplinare, coordinato e collaborante, anche in modo critico. Non basta infatti la multiprofessionalità e la multidisciplinarieta, più punti di vista, più strategie, più idee,ma è essenziale che la sommatoria di questi diversi elementi ed entità sia accompagnata da una loro integrazione nell’azione per accogliere ed offrire soluzioni capaci di accompagnare e supportare la crescita di salute e benessere delle persone. Nello specifico l’elaborato è strutturato in due parti:la prima di carattere teorico contenente i primi tre capitoli, l’altra di carattere descrittivo, comprendente i restanti due. Il primo capitolo è stato dedicato alla definizione di integrazione, alle sue diverse forme e come tale concetto viene richiamato sia nell’ambito 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

integrazione
pianificazione
piano di zona
reticolo organizzativo
valutazione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi