Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'utilizzo della tecnologia RFID nella gestione dei magazzini: studio di un caso pratico

I sistemi RFID (Radio Frequency Identification), definiti dalla rivista Promotion Magazine [57] una `rivoluzione al pari della ruota', sono una tecnologia emergente, che permette l'identificazione di oggetti, animali e persone,
tramite una comunicazione senza fili, basata su onde radio.
In questi ultimi anni la ricerca di questi sistemi si sta evolvendo e in commercio si trovano applicazioni sempre più varie e interessanti: dall'identificazione degli animali, e l'identificazione di persone, sia tramite il nuovo passaporto elettronico, sia con l'uso di tesserini di riconoscimento, al controllo sull'accesso di veicoli a strade o parcheggi a pagamento, fino all'utilizzo per cronometrare gare sportive. Ma attualmente, l'ambito in cui questa tecnologia sta facendo passi da gigante è nella logistica industriale. Grazie ai sistemi RFID infatti, si possono ridurre le scorte in magazzino per rendere l'impresa più dinamica e flessibile di fronte ai repentini cambiamenti
dei mercati, e allo stesso tempo si possono migliorare sia la sicurezza sia la velocita dei processi informatici, rendendo pressochè istantanee e gratuite le operazioni di acquisizione e lettura di dati lungo tutta la filiera produttiva.
Questa tesi si pone l'obiettivo di studiare il funzionamento di questi sistemi, analizzarne le componenti e l'interazione che avviene fra queste, tenendo presente le loro possibili applicazioni e i relativi costi di produzione; ricercarne i pregi, ma evidenziarne anche i difetti, cercando possibili soluzioni a questi. Infine l'elaborato, grazie allo studio di un caso pratico svolto presso l'azienda `Borgoscuro', con sede in provincia di Treviso, analizzerà le procedure necessarie alla gestione di magazzino, proponendo all'impresa l'adozione di un sistema RFID, dopo uno studio sui vantaggi e svantaggi che questo può portare a fronte dell'attuale gestione manuale.
In particolar modo il primo capitolo trattera una veloce introduzione ai sistemi RFID, presentando un excursus storico e un elenco delle loro componenti principali.
Nel secondo capitolo verrà analizzato nel dettaglio il funzionamento di questi sistemi, in particolare si studieranno i transponder (o TAG), componente primaria che permette la memorizzazione e l'invio di dati, e di questa si elencheranno le categorie e le tecniche di produzione; in secondo luogo sarà esplicato il metodo di invio del segnale tramite le antenne, altra componente fondamentale. Si analizzeranno poi i metodi di invio del segnale tra le
componenti, esaminando le possibili codi che dei dati e l'utilizzo di tecniche speciali per evitare malfunzionamenti o perdite del segnale stesso. Infine verranno elencate alcune possibili applicazioni della tecnologia in esame.
Nel terzo capitolo si affronteranno i problemi che possono verificarsi utilizzando i sistemi RFID. In particolare ci si soffermerà sulle possibili intercettazioni o modifiche del segnale da parte di attori esterni al sistema, e sull'utilizzo di tecniche speciali per crittografare i dati, ed evitare attacchi volti al danneggiamento della comunicazione. Verrà poi analizzata la possibile violazione della privacy, sia delle persone, sia delle imprese, e quindi la tutela offerta dalla normativa italiana su questi temi.
Nel quarto e ultimo capitolo, verrà analizzato un caso pratico di gestione di un magazzino. Si individueranno, in via teorica, i ruoli da occupare e le mansioni da svolgere per ogni componente del personale, attribuendo ai vari attori aziendali le loro responsabilità e il loro compito nel funzionamento di questa emergente tecnologia. Infine si confronterà l'attuale gestione manuale del magazzino con la possibile adozione dei sistemi RFID.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione I sistemi RFID (Radio Frequency Identication), deniti dalla rivista Pro- motion Magazine [57] una ‘rivoluzione al pari della ruota’, sono una tecno- logia emergente, che permette l’identicazione di oggetti, animali e persone, tramite una comunicazione senza li, basata su onde radio. In questi ultimi anni la ricerca di questi sistemi si sta evolvendo e in commer- cio si trovano applicazioni sempre pi u varie e interessanti: dall’identicazione degli animali, e l’identicazione di persone, sia tramite il nuovo passaporto elettronico, sia con l’uso di tesserini di riconoscimento, al controllo sull’ac- cesso di veicoli a strade o parcheggi a pagamento, no all’utilizzo per crono- metrare gare sportive. Ma attualmente, l’ambito in cui questa tecnologia sta facendo passi da gigante e la logistica industriale. Grazie ai sistemi RFID infatti, si possono ridurre le scorte in magazzino per rendere l’impresa pi u dinamica e essibile di fronte ai repentini cambiamenti dei mercati, e allo stesso tempo si possono migliorare sia la sicurezza sia la velocit a dei processi informatici, rendendo pressoch e istantanee e gratuite le operazioni di acquisizione e lettura di dati lungo tutta la liera produttiva. Questa tesi si pone l’obiettivo di studiare il funzionamento di questi sistemi, analizzarne le componenti e l’interazione che avviene fra queste, tenendo pre- sente le loro possibili applicazioni e i relativi costi di produzione; ricercarne i pregi, ma evidenziarne anche i difetti, cercando possibili soluzioni a questi. Inne l’elaborato, grazie allo studio di un caso pratico svolto presso l’azien- da ‘Borgoscuro’, con sede in provincia di Treviso, analizzer a le procedure necessarie alla gestione di magazzino, proponendo all’impresa l’adozione di un sistema RFID, dopo uno studio sui vantaggi e svantaggi che questo pu o portare a fronte dell’attuale gestione manuale. In particolar modo il primo capitolo tratter a una veloce introduzione ai siste- mi RFID, presentando un excursus storico e un elenco delle loro componenti principali. Nel secondo capitolo verr a analizzato nel dettaglio il funzionamento di que- sti sistemi, in particolare si studieranno i transponder (o TAG), componente primaria che permette la memorizzazione e l’invio di dati, e di questa si i

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Olimpia Maschio Contatta »

Composta da 81 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1170 click dal 06/04/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.