Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il circo co(s)mico di Ciprì e Maresco

Una ricostruzione storico - critica della cinematografia di Ciprì e Maresco, dagli esordi fino ai lungometraggi, passando per la televisione ed il teatro, dalla metà degli anni '80 fino al 2002.

Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO UNO. Prima del cinema. 1.1. Rosebud Palermo, primi anni Ottanta: nelle strade della città imperversa la seconda guerra di mafia che porterà, dopo decine di morti, al controllo del territorio da parte delle famiglie dei Corleonesi, alla metà del decennio. Il 3 settembre del 1982 viene ucciso, insieme alla moglie, il generale Dalla Chiesa, divenuto prefetto della città, dopo aver ottenuto risultati importanti nella lotta, senza quartiere, contro le Brigate Rosse; le poche speranze di un cambiamento di rotta, nella lotta alla criminalità organizzata, subiscono un duro colpo. Il paese sta attraversando un periodo molto difficile: gli "anni di piombo", iniziati con la strage di Piazza Fontana, a Milano, nel 1969 e proseguiti per tutti gli anni Settanta, nel resto d'Italia, sono dietro l'angolo; e anche se già sembrano così lontani, portano con sé gli ultimi inevitabili strascichi, politici e sociali, anche nel decennio successivo. Dalla Chiesa non è, purtroppo, l'unico della lista ad essere stato ammazzato per mano della mafia in quegli anni: basti ricordare, per tutti, la morte del magistrato Rocco Chinnici, del commissario Boris Giuliano, o ancora dei politici Pio La Torre e Piersanti Mattarella, il primo segretario regionale del P.C.I. e il secondo presidente della regione siciliana. La Sicilia è ancora un feudo della Democrazia Cristiana, e in quel periodo i nomi che contano sono quelli di Vito Ciancimino e Salvo Lima, “fedelissimi” di Giulio Andreotti, il vero e proprio punto di riferimento per il serbatoio di voti democristiani nell'isola. In quel lasso di tempo proseguirà l'abusivismo edilizio, dopo la scandalosa speculazione delle costruzioni nei decenni precedenti; e che porterà ad un enorme aumento della corruzione morale, prima ancora che politica o finanziaria. Gli esponenti della classe dirigente hanno saldamente le mani sulla città, o 18

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Alessandro Ferrara Contatta »

Composta da 138 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1647 click dal 16/03/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.