Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La comunicazione aziendale: ''uno sguardo all'interno''

La comunicazione aziendale vista nei suoi aspetti interni ed esterni con riferimento ad un caso pratico aziendale.
L’obiettivo di questa tesi è stato quello di mettere in risalto la centralità che la comunicazione ha assunto negli ambiti economico-aziendali negli ultimi anni.
La centralità della comunicazione, come abbiamo visto, è attribuibile all’intercorrere di una pluralità di elementi che vanno dalla modifica dei processi produttivi, del modo di organizzare l’attività, di relazionarsi con i propri interlocutori fino all’innovazione degli strumenti impiegati per la comunicazione stessa.
Date queste trasformazioni in ambito commerciale anche l’impatto sociale e culturale ha un’estrema importanza: integrazione sociale, raccolta delle sollecitazioni provenienti dalla gente, dal territorio e dalle diverse comunità in tutte le diverse forme.
In questo modo si è avuta la possibilità di creare nuove forme di comunicazione che hanno e continuano a coinvolgere i singoli e le diverse organizzazioni, al punto che si possono trasformare anche le modalità d’incontro tra la domanda e l’offerta di beni e servizi: il modo di comunicare diventa la chiave di successo o d’insuccesso.
Le nuove tecnologie dell’informazione e delle comunicazioni rappresentano un tassello fondamentale per l’aumento della produttività e della velocità dei processi economici, tale da trasformarsi in un vero motore per lo sviluppo economico e sociale. E’ stato accelerato il passaggio dalle attività incentrate sulle risorse materiali tipiche dell’era industriale, a quelle basate su risorse immateriali tipiche dell’era dei servizi, si può dire che è stato accelerato il mondo in generale, visto che le trasformazioni avvenute e quelle ancora in atto non hanno interessato solo gli ambienti economico-commerciali, ma hanno avuto un notevole impatto anche sulla vita materiale, sociale e culturale di tutti noi.
Per questi motivi è doveroso affermare, come già fatto in precedenza che “non si può non comunicare”.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Non si può non comunicare. Qualcuno ha autorevolmente sostenuto che anche il silenzio, la solitudine, il non accorgersi della presenza di un estraneo o il fingere di non vederlo sono forme di comunicazione. Ciò è forse corretto, ma non implica certo che il comunicare sia sempre egualmente importante; esistono circostanze nelle quali la rilevanza del comunicare aumenta sensibilmente. Questo avviene, tra l’altro, quando si è impegnati in contesti ad alto tasso di interazione, in iniziative di mercato a carattere strategico; in breve, quando è elevato il numero sia delle persone coinvolte, sia delle alternative da prendere in esame. Tale stato di cose potrebbe essere spiegato sostenendo che l’informazione cresce al crescere dell’incertezza e dunque sollecita una maggiore esigenze del comunicare. Il mondo delle organizzazioni è entrato in un processo di “liberalizzazione” che, da un lato, ne semplifica ed appiattisce le complesse strutture, dall’altro, lo rende assai più aperto e sensibile alla variabilità esterna. Entrambe le circostanze hanno l’effetto di ridurre notevolmente le barriere interne e di amplificare le reti di interazione. In altre parole, l’allentarsi dell’apparato istituzionale e burocratico aumenta la ricchezza dell’informazione e la complessità dei circuiti comunicazionali. Ogni periodo storico è caratterizzato dall’ affermarsi nelle imprese della prevalenza di una funzione aziendale e della sua impronta culturale, rispetto alle altre che complessivamente rappresentano il mix delle competenze necessarie per gestire un’impresa. Così in Italia fino alla metà degli anni Sessanta è la produzione a dominare la scena delle imprese, con un orientamento prevalente verso la razionalizzazione dei processi, l’incremento dell’efficienza e la gestione della manodopera attraverso schemi rigidi di qualifiche. Le logiche commerciali si affermano nelle imprese e diventano dominanti successivamente alla crisi economica che, proprio alla metà degli anni Sessanta, mostra che la crescita dei mercati di sbocco non si mantiene

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Iolanda Fiorenza Contatta »

Composta da 87 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1584 click dal 30/06/2011.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.