Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il razzismo e lo straniero

“Il razzismo e lo straniero” prova ad affrontare alcuni aspetti divenuti essenziali e caratteristici della modernità, ovvero si interroga su che cosa possa rappresentare lo straniero che incontriamo tutti i giorni.
E’ un individuo di cui dobbiamo avere paura o ci fa paura proprio perché non lo conosciamo e non intendiamo conoscere la sua storia? Questo percorso rappresenta per me una tappa importante perché, forse per la prima volta, affronto un tema complesso di cui mi sento partecipe attiva e che in futuro vorrei continuare ad approfondire. Le tante domande che emergono nel corso di questa tesi non sempre trovano una risposta perché il rischio è sempre quello di cadere nelle reti della ovvietà e nella tanto temuta banalità.
La necessità che si avverte attualmente è la riacquisizione di alcuni valori molto spesso perduti o lasciati in secondo piano nella vita degli individui. Il mio percorso cerca di comprendere gli aspetti dell’altro come diverso da me e propone una sua integrazione, più o meno pacifica e dignitosa, all’interno di questa società.
La Shoah ha rappresentato e rappresenta una “barbarie” da cui non si può prescindere. Ciò che può ancora stupire (e che resta da spiegare) è la tranquilla coscienza con cui gli europei procedevano al massacro degli ebrei: nazisti e fascisti si sentivano chiamati ad assolvere un compito “sacro”, sentendosi completamente liberi di fare quello che volevano, anche solo per puro divertimento. Tutto ciò ha portato a quello che oggi viene chiamato genocidio o sterminio di intere civiltà: per dirla con le parole di Hannah Arendt “ (…) il totalitarismo ha reso la nostra umanità superflua”.
L’Europa, tuttora, non ha ancora capito che la sua forza è radicata nelle differenze e solamente abbandonando i miti nazionalistici sarà possibile far nascere un continente nuovo, intriso di spirito critico contro la solida e radicata dogmaticità.
La parola “razzismo” viene applicata a un numero indefinito di situazioni ed assume una funzione vaga che oscilla tra i molteplici significati di esclusione, rigetto, ostilità, odio e paura fobica. Ma quando esso non risulta più evidente e riconoscibile si pone il problema di quali siano i criteri per identificare le sue diverse forme.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione “Il razzismo e lo straniero” prova ad affrontare alcuni aspetti divenuti essenziali e caratteristici della modernità, ovvero si interroga su che cosa possa rappresentare lo straniero che incontriamo tutti i giorni. E’ un individuo di cui dobbiamo avere paura o ci fa paura proprio perché non lo conosciamo e non intendiamo conoscere la sua storia? Questo percorso rappresenta per me una tappa importante perché, forse per la prima volta, affronto un tema complesso di cui mi sento partecipe attiva e che in futuro vorrei continuare ad approfondire. Le tante domande che emergono nel corso di questa tesi non sempre trovano una risposta perché il rischio è sempre quello di cadere nelle reti della ovvietà e nella tanto temuta banalità. La necessità che si avverte attualmente è la riacquisizione di alcuni valori molto spesso perduti o lasciati in secondo piano nella vita degli individui. Il mio percorso cerca di comprendere gli aspetti dell’altro come diverso da me e propone una sua integrazione, più o meno pacifica e dignitosa, all’interno di questa società. La Shoah ha rappresentato e rappresenta una “barbarie” da cui non si può prescindere. Ciò che può ancora stupire (e che resta da spiegare) è la tranquilla coscienza con cui gli europei procedevano al massacro degli ebrei: nazisti e fascisti si sentivano chiamati ad assolvere un compito “sacro”, sentendosi completamente liberi di fare quello che volevano, anche solo per puro divertimento. Tutto ciò ha portato a quello che oggi

Diploma di Laurea

Facoltà: Filosofia

Autore: Elena Panetta Contatta »

Composta da 98 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7885 click dal 05/04/2011.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.