Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Progettazione, realizzazione e collaudo di un estrusore a caldo per una stampante 3D con la tecnica del Fused Deposition Modelling

Il lavoro è focalizzato sulla progettazione, assemblaggio e collaudo di un nuovo e diverso sistema di deposizione di materiale per un sistema desktop di prototipazione rapida, conosciuto come [email protected], in uso nei laboratori del Dipartimento di meccanica e gestionale del POLITECNICO di BARI. La macchina in oggetto fa parte di un progetto di ampio respiro internazionale a cui partecipano università e privati con lo scopo di diffondere la prototipazione rapida, tecnologia di nicchia anche a causa degli elevati costi, e farla diventare disponibile e utilizzabile da un più elevato numero di soggetti.
Allo stato attuale la macchina in oggetto non è paragonabile in termini di prestazioni ai sistemi professionali disponibili sul mercato ma il relativo basso costo (circa 2000 euro) permette una diffusione della tecnologia dal basso e consente a tutti di poter apportare migliorie tecniche e sperimentare nuovi materiali di costruzione. Un corposo sito web,forum e blog permettono la condivisione delle conoscenze e la divulgazione delle migliorie tecniche contribuendo allo sviluppo del progetto. La caratteristica importante della [email protected], che la contraddistingue dagli altri sistemi professionali e la possibilità di utilizzare diversi materiali per la deposizione, dai siliconi e resine epossidiche al cioccolato e formaggio. Questa caratteristica rispetta a pieno l'idea dei progettisti che consiste nel creare un sistema a basso costo per un uso domestico, flessibile e che possa essere utilizzato per produrre un appendiabiti o decorare una torta.
Con questo lavoro si cerca di dare contributo al progetto sviluppando una nuova testa di estrusione per depositare materiale termoplastico (ABS). La tecnologia utilizzata è la Fused Deposition Modelling (FDM) brevettata dall'azienda americana STRATASYS che ne detiene il brevetto. Il DIMEG possiede ed utilizza con profitto un modello della STRATASYS , la FDM3000 il cui funzionamento è stato studiato per raccogliere idee ed è stata utilizzata per costruire la nuova testa utensile. La differenza sostanziale rispetto al sistema in uso è essenzialmente nell'esigenza di fondere il materiale che ha comportato la progettazione di un sistema per il controllo della temperatura e la definizione di scelte opportune per implementare un sistema caldo su una macchina non progettata per questo tipo di utilizzo.

L' esigenza di progettare un nuovo sistema di deposizione è nata dall'aver constato ladifficoltà di costruire anche forme semplici con materiali che non siano il silicone.
Questo è essenzialmente dovuto al fatto che il materiale idoneo a questo tipo di operazione deve essere caratterizzato da una viscosità tale sia da mantenere le forze di estrusione entro le potenzialità dei motori passo-passo montati sulla macchina sia da mantenere la forma all'uscita dall'ugello in modo tale da non compromettere la precisione del pezzo. Questedue caratteristiche sono ovviamente discordanti e il solo materiale che ha permesso una costruzione soddisfacente è stato il silicone. A causa di questi risultati, ottenuti su un precedente lavoro di tesi, si è deciso di cambiare il sistema di deposizione e cercare di capire se è possibile implementare con profitto la tecnologia FDM sulla [email protected]
Il primo passo è stata la definizione del sistema,in modo tale da capire come intervenire e cosa occorreva. Successivamente si è passati a definire i materiali occorrenti e a definire l'assemblato , poi si è proceduto alla scelta dei fornitori e quindi all'effettuazione dell' ordine.
Al ricevimento dei materiali poi, si è passati all'assemblaggio e al collaudo dell'utensile che ha permesso di identificare gli elementi positivi e quelli negativi che hanno indicato la direzione da prendere.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Il lavoro è focalizzato sulla progettazione,assemblaggio e collaudo di un nuovo e diverso sistema di deposizione di materiale per un sistema desktop di prototipazione rapida, conosciuto come [email protected], in uso nei laboratori del Dipartimento di meccanica e gestionale del POLITECNICO di BARI. La macchina in oggetto fa parte di un progetto di ampio respiro internazionale a cui partecipano università e privati con lo scopo di diffondere la prototipazione rapida, tecnologia di nicchia anche a causa degli elevati costi, e farla diventare disponibile e utilizzabile da un più elevato numero di soggetti. Allo stato attuale la macchina in oggetto non è paragonabile in termini di prestazioni ai sistemi professionali disponibili sul mercato ma il relativo basso costo (circa 2000 euro) permette una diffusione della tecnologia dal basso e consente a tutti di poter apportare migliorie tecniche e sperimentare nuovi materiali di costruzione. Un corposo sito web, forum e blog permettono la condivisione delle conoscenze e la divulgazione delle migliorie tecniche contribuendo allo sviluppo del progetto. La caratteristica importante della [email protected], che la contraddistingue dagli altri sistemi professionali e la possibilità di utilizzare diversi materiali per la deposizione, dai siliconi e resine epossidiche al cioccolato e formaggio. Questa caratteristica rispetta a pieno l‟idea dei progettisti che consiste nel creare un sistema a basso costo per un uso domestico, flessibile e che possa essere utilizzato per produrre un appendiabiti o decorare una torta. Con questo lavoro si cerca di dare contributo al progetto sviluppando una nuova testa di estrusione per depositare materiale termoplastico (ABS). La tecnologia utilizzata è la Fused Deposition Modelling (FDM) brevettata dall‟azienda americana STRATASYS che ne detiene il brevetto. Il DIMEG possiede ed utilizza con profitto un modello della STRATASYS , la FDM3000 il cui funzionamento è stato studiato per raccogliere idee ed è stata utilizzata per costruire la nuova testa utensile. La differenza sostanziale rispetto al sistema in uso è essenzialmente nell‟esigenza di fondere il materiale che ha comportato la progettazione di un sistema per il controllo della temperatura e la definizione di scelte opportune per implementare un sistema caldo su una macchina non progettata per questo tipo di utilizzo.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Ingegneria

Autore: Arcangelo Di Mundo Contatta »

Composta da 134 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1996 click dal 18/04/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.