Skip to content

Centri di permanenza temporanea e tutela dei diritti umani tra diritto e prassi

Informazioni tesi

  Autore: Verena Tonelli
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Istituzioni e politiche dei diritti umani e della pace
  Relatore: Giuseppe Mosconi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 183

L'elaborato, dal titolo "Centri di permanenza temporanea a diritti umani tra diritto e prassi", rappresenta un tentativo di evidenziare i limiti del concetto di universalità dei diritti umani, attraverso l'analisi della normativa italiana in materia di immigrazione e del sistema di trattenimento degli stranieri irregolari all'interno dei Centri di permanenza temporanea e assistenza (CPTA). L'ipotesi di questo lavoro è, infatti, che i CPTA costituiscano un elemento di contraddizione, all'interno delle democrazie occidentali, tra la proclamazione dei diritti fondamentali riconosciuti ad ogni uomo in quanto tale e l'esistenza di un doppio regime giuridico che differenzia fra cittadini di uno Stato e non cittadini anche nel godimento di quei diritti che, a partire dalla Dichiarazione Universale di Diritti dell'Uomo del 1948, dovrebbero spettare a tutti gli uomini indipendentemente dal legame con un determinato ordinamento giuridico.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE La storia delle migrazioni è la storia che da secoli descrive lo spostamento di milioni di uomini, donne e bambini che lasciano il proprio Paese d'origine alla ricerca di un’occasione di vita migliore. L'esperienza migratoria è fatta di tanti momenti: c'è il momento della partenza, quello del viaggio, infine il momento dell'arrivo, l'unico aspetto della vita del migrante con cui la società di accoglienza si trova a confrontarsi. Troppo spesso, nel sentire comune, i momenti che hanno preceduto l’arrivo vengono dimenticati o relegati ad un piano secondario. Così si dimenticano i mesi, a volte gli anni, passati a preparare il viaggio, gli sforzi economici che spesso tutta la famiglia deve fare per permettere anche a uno solo di affrontarlo, la partenza dalla propria terra in cui si lasciano familiari e amici e il lungo percorso che porta fino al punto di destinazione. Da qui, la scelta di parlare, all’interno di questo lavoro, di migranti, piuttosto che di immigrati, termine, quest’ultimo, che racchiude in sØ il punto di vista della società di accoglienza. Attualmente i migranti che ogni anno si spostano all'interno di uno spazio globale rappresentano circa il 3% della popolazione mondiale e tra il 10-15% circa è costituito da migranti irregolari 1 . I motivi che spingono a lasciare il proprio Paese sono diversi e spesso sovrapposti: le persone si spostano per povertà, miseria, guerre e carestie, spesso fuggono da persecuzioni, molte volte migrare non è una scelta volontaria, ma l'unica opzione possibile per sopravvivere. Accanto a questi fattori oggettivi, si moltiplicano anche le scelte individuali, i tentativi da parte dei singoli di dare nuove forme alle proprie vite. Al di là dei motivi che spingono a spostarsi, le migrazioni sono oggi strutturali all’assetto mondiale e in continua crescita. 1 Secondo i dati dell’OIM, l’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni, attualmente il numero dei migranti è intorno ai 192 milioni, con una crescita annuale del 2.9% circa. International Organization for Migration, World Migration 2005: Costs and Benefits of International Migration, www.iom.int

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

centri di permanenza temporanea
detenzione amministrativa
diritti umani
diritto alla libertà
espulsione
immigrazione
legge bossi fini
legge turco-napolitano
normativa italiana sull'immigrazione
pacchetto sicurezza
richiedenti asilo
violenza e abusi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi