Skip to content

Studio sul comportamento di stratificati in PRFV Vinilestere Atlac 580

Informazioni tesi

  Autore: Salvino Cucuzza
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Catania
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria meccanica
  Relatore: Gianluca Cicala
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 230

L’obiettivo primario del presente lavoro di tesi sperimentale, è stato verificare la resistenza chimica di tre tipologie di stratificati (spessori 2,1 mm. – 4,2 mm. – 6,5 mm.) realizzati in PRFV a base di Resina Vinilestere del tipo Atlac 580/05, largamente utilizzati nel campo dei rivestimenti anticorrosivi, sottoposti all’azione di fluidi aggressivi, usualmente presenti in parti d’impianto del settore chimico-petrolchimico, come vasche, pozzetti, serbatoi, pompe, colonne, scambiatori.
Lo studio è stato articolato sottoponendo le campionature ai fluidi d’interesse, monitorando dopo l’esposizione, le variazioni delle caratteristiche meccaniche causate dall’esposizione ai fluidi stessi.
La scelta della Vinilestere Atlac 580/05, è una soluzione tecnica adottata molto spesso nel campo dei rivestimenti anticorrosivi, e uno dei motivi che portano al largo utilizzo di tale resina, è dovuto alla facilità di applicazione a tecnologia manuale, che avviene reticolando la resina a temperatura ambiente.
Nel presente studio, si è voluto anche indagare, sulle caratteristiche di stratificati post-reticolati, al fine di eseguire un confronto sulle qualità degli stessi, rispetto a quelli reticolati alla temperatura ambiente.
La post reticolazione è un metodo largamente usato, per abbassare il valore residuo di stirene nella resina, che riduce il contenuto fino a valori inferiori allo 0,1%.
Tale trattamento migliora le caratteristiche meccaniche-chimiche e fisiche dei manufatti, e deve essere condotto secondo le specifiche tecniche fornite dal produttore, riscaldando il composito con aria calda, per un tempo variabile tra 3-6 ore, a una temperatura di 90-100°C; temperature inferiori a quelle citate, sono inefficaci, e inoltre tra polimerizzazione e post polimerizzazione, devono passare almeno 24 ore.
La conoscenza approfondita delle proprietà di uno stratificato in PRFV Atlac 580/05, implica aver maggior consapevolezza nel prendere decisioni durante la fase progettuale, che dovrà essere un compromesso tra affidabilità e costi; infatti, molto spesso, nelle varie fasi di formulazione di un rivestimento anticorrosivo, idoneo per un determinato servizio dell’apparecchiatura, si utilizzano dei coefficienti di sicurezza che non tengono conto della variazione delle proprietà meccaniche, quando il composito è sollecitato chimicamente da fluidi corrosivi, perché vi è mancanza di dati teorici e/o sperimentali, a causa delle molteplici tipologie di compositi realizzabili.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
15 Capitolo 1 I POLIMERI 1.1 Introduzione Il grande interesse verso lo studio e ricerca dei materiali polimerici, ha inizio nel secolo scorso, da quando nel 1839 con Goodyear, s’iniziò a lavorare su tali materiali; da allora sono stati fatti passi enormi, dal punto vista della ricerca e della produzione. In ragione di ciò, pionieri del macromolecolare come J.W. Hyatt (1868, celluloide), L.H. Baekeland (1905, bakelite), G.Natta (1952, polipropilene isotattico), hanno dato un enorme contributo, che poi è risultato di fondamentale importanza per far nascere quella che può essere considerata una delle scoperte più importanti dei tempi moderni: la sintesi dei polimeri e quindi la produzione degli stessi [7]. Il grande interesse che ha sviluppato lo studio dei polimeri, nasce fondamentalmente dalle qualità come materiali che essi hanno. Da un punto di vista prettamente chimico, i polimeri, detti colloidi nel secolo scorso, non avevano facile maneggevolezza perché poco insolubili, erano difficilmente purificabili, ed inoltre presentavano degli effetti abbastanza oscuri e non riproducibili in laboratorio, quando si volevano studiare con i metodi noti in quel periodo (vedi determinazione del peso molecolare). Viceversa, da un punto di vista ingegneristico, essi invece presentavano delle proprietà/caratteristiche eccellenti, tali da poterli definire appunto “materiali”. Tali proprietà erano una buona leggerezza, accompagnata da rilevanti qualità meccaniche, quali una buona resistenza e un’alta resilienza. Ma la proprietà più importante era assolutamente la plasticità, ossia la facilità con la quale si potevano modellare e sagomare tali materiali, mantenendo la forma in un tempo indefinito.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

atlac 580
chimico-petrolchimico
coefficiente di sicurezza
comportamento
compositi
dma
fibra di vetro
fluidi corrosivi
modello previsionale
modulo elastico a flessione
modulo elastico a trazione
polimeri
post trattamento
prfv
resina poliestere
resina vinilestere
reticolazione
rivestimenti anticorrosivi
stratificati
studio
temperatura
termoindurenti
transizione vetrosa
trazione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi