Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Fedeltà e abbandono in un'organizzazione per il sostegno a distanza

L’associazione per il sostegno a distanza è un intermediario filantropico che deve bilanciare i propri impegni di medio e lungo periodo con le risorse provenienti dai donatori che confermano l’adesione iniziale mediante un ulteriore versamento, ripetuto periodicamente per vincolo etico ma risolubile nella prassi anche senza preavviso.
In presenza di un grande numero di donatori e di un lungo arco temporale, la tesi assume che la conoscenza statistica consenta di sistematizzare la conoscenza relazionale, tipica di un’organizzazione nonprofit, divenendo quindi uno degli strumenti utilizzabili per garantire la continuità nel tempo del sostegno ai beneficiari.
E’ studiato il caso A.P.I.Bi.M.I. Onlus, un’Associazione di Rovereto (Trento) attiva dall’anno 1988 e sostenuta da 3.400 donatori. Con tecniche di data-mining si indagano:
1. i fattori statisticamente determinanti nella continuità di donazione da parte dei suoi sostenitori;
2. l’incertezza dei flussi di donazione attesi. Si analizzano due metodi di gestione del rischio di abbandono: la gestione proattiva che coinvolge tutto l’universo dei donatori attivi, e la gestione reattiva che interviene quando si riscontra l’improvvisa cessazione del sostegno;
3. la bontà di un modello di “churn prediction” per stimare gli abbandoni attesi nell’immediato futuro.
Dopo una preliminare descrizione dei dati presenti nell’archivio storico, il caso è sviluppato in tempo reale contemporaneamente alle rilevazioni contabili dell’Associazione nell’anno 2006.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 CAPITOLO I introduzione IL CONTESTO DI RIFERIMENTO Argomenti del capitolo Il sostegno a distanza: definizioni, sinonimi, caratteristiche I soggetti coinvolti: donatori, beneficiari, associazioni Sulla continuità del sostegno attivo nel tempo: la tesi di studio La statistica quale ausilio della continuità Reputazione e concorrenza tra associazioni Misurabilità della gestione quantitativa e qualitativa ♦ Il sostegno a distanza è un atto di solidarietà che consiste nell’impegno morale a inviare, tramite referenti responsabili, un contributo economico stabile, continuativo e del cui uso il donatore riceverà riscontro, rivolto a minori, adulti, famiglie, comunità ben identificate, in condizioni di necessità e in ogni parte del mondo, per offrire la possibilità di migliorare le proprie condizioni di vita nell’ambiente sociale e culturale in cui vivono. Da: ” Carta dei principi per il sostegno a distanza” Comitato promotore del secondo Forum nazionale, Roma, novembre 2000 ♦ Per adozione a distanza s’intende una forma di solidarietà sociale mirata a stabilire un padrinato affettivo tra un minore in stato di bisogno ed un donatore. Tale rapporto s’instaura ed è mantenuto tramite l’intermediazione di Organismi Associativi che svolgono opera di sensibilizzazione dell’opinione pubblica, di raccolta di fondi e loro invio ai beneficiari in forma diretta o tramite organizzazioni straniere. Il rapporto di adozione a distanza non produce alcun effetto giuridico di parentela tra l’adottante a distanza e il minore sostenuto. Il donatore offre il suo sostegno economico ad un minore di cui conoscerà lo stato civile e le condizioni di vita e con il quale, tramite i volontari responsabili in loco dei vari progetti, stabilirà una relazione di conoscenza epistolare. Il sostegno economico offerto dal donatore sarà inserito, per opera dei volontari degli enti promotori che operano in loco, in un progetto di sviluppo integrale e servirà dunque, non solo a permettere la sopravvivenza del minore, ma anche a favorire la promozione umana e sociale della comunità. Da:”Proposta di disegno di legge per la regolamentazione dell’adozione a distanza a favore dei minori” VOSVIM – Volontariato per lo sviluppo di Vita e Missione, Roma, aprile 1999 ♦ Per solidarietà a distanza si intende l’erogazione di contributi di denaro finalizzato all’assistenza, in ogni forma (economica, sociale, culturale, sanitaria), dei fanciulli in situazioni di disagio che vivono nei Paesi in via di sviluppo. Da: “Proposta di disegno di legge sulle adozioni a distanza” Movimento Shalom , San Miniato, maggio 1999

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Gianpaolo Rosani Contatta »

Composta da 126 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 508 click dal 13/04/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.