Skip to content

La riforma degli assetti della contrattazione collettiva

Informazioni tesi

  Autore: Gabriele Cartasegna
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2009-10
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Antonella Occhino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 147

La riforma degli assetti della contrattazione collettiva. Dalle origini del contratto collettivo di lavoro all'evoluzione delle relazioni industriali in Italia, fino all'accordo Ciampi del 1993 e all'accordo Sacconi - Brunetta del 22 gennaio 2009.L’Accordo quadro del 22 gennaio 2009 e le successive intese interconfederali segnano indubbiamente un passaggio storico verso un nuovo assetto della contrattazione collettiva in Italia, ma non ancora definitivo. Del resto abbiamo avuto modo di sottolinearne a più riprese il carattere peculiare di “apertura”, e i rinvii a pattuizioni successive sono ancora troppo numerosi per consentirci un’analisi completa. Chi ha parlato di una “regolamentazione in fieri” ha reso perfettamente l’idea. E’ verosimile che il vero banco di prova della tenuta del nuovo sistema delineato sia la sua applicazione pratica nell’ambito delle prossime tornate di rinnovi contrattuali, magari accompagnate dalla auspicata riforma degli ammortizzatori sociali. Tuttavia è già possibile una valutazione d’insieme. La contrattazione collettiva, già a partire dalla carta fondativa delle sue regole, può fare di più che limitarsi a collegare quote retributive alla produttività. Quest'ultima è una scelta opportuna anche perché concretizza e rende palese un interesse comune a favorire la crescita della produttività, ma la crescita della produttività richiede molte altre misure di sostegno, dentro e fuori i luoghi di lavoro.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
10 CAPITOLO PRIMO IL CONTRATTO COLLETTIVO 1. Il contratto collettivo: funzione normativa, funzione obbligatoria e funzione gestionale. Il contratto collettivo può considerarsi il principale strumento dell’azione sindacale. E’ il contratto stipulato dai sindacati (nazionali o confederali) dei datori di lavoro e dei lavoratori, o dal singolo datore con i rappresentanti dei lavoratori, allo scopo di predeterminare congiuntamente la disciplina dei rapporti individuali di lavoro e di instaurare rapporti obbligatori reciproci. Il contratto collettivo, dunque, esercita una duplice funzione, di carattere normativo e obbligatorio, alla quale recentemente si è affiancata una funzione cd. “gestionale”. 1 a) Funzione normativa: è quella originaria, connaturata all’esistenza stessa di questo istituto, e consiste nella determinazione del contenuto dei futuri contratti individuali di lavoro. Risponde all’esigenza di stabilire minimi di trattamento economico e normativo per evitare che i singoli siano indotti ad accettare condizioni contrattuali vessatorie, imposte dalla controparte, a motivo della loro posizione di inferiorità socio-economica. In un primo momento, la parte normativa del contratto collettivo si limitava a regolare la misura della retribuzione (si parlava, infatti, di “concordato di tariffa”), e solo in seguito ha iniziato a disciplinare aspetti sempre più numerosi e particolareggiati come le 1 RUSCIANO, La metamorfosi del contratto collettivo, in Riv. trim. dir. proc. civ., 2009, 01, 29

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

articolo 18
berlusconi
biagi
brunetta
ccnl
ciampi
confederale
contratto aziendale
contratto collettivo
d'antona
diritto del lavoro
diritto sindacale
riforma
sacconi
sciopero
serrata
sindacato
statuto dei lavoratori

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi