Skip to content

La Collezione dei modelli di fiori ed altri organi vegetali dell’Università di Bologna - Le cere anatomiche di Giovan Battista Manfredini conservate presso il Gabinetto Ostetrico dell’Università di Modena

Informazioni tesi

  Autore: Annalisa Maurizzi
  Tipo: Tesi di Master
Master in Master in Catalogazione Informatica per la Valorizzazione dei Beni Culturali
Anno: 2011
Docente/Relatore: Elena Corradini
Istituito da: Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 84

Grazie all’utilizzo della scheda PST – Patrimonio Scientifico e Tecnologico, dal 2005 individuata come lo standard nazionale per la catalogazione dei ‘beni e gli strumenti di interesse per la storia della scienza e della tecnica’ , è stato possibile catalogare due nuclei distinti di oggetti, entrambi appartenenti al vastissimo patrimonio culturale di cui i Musei universitari della nostra Regione sono custodi ma che, a causa della mancanza di fondi, non è ancora possibile valorizzare e tutelare al meglio.
Con beni e strumenti di interesse per la storia della scienza e della tecnica si intende un vastissimo campo di indagine che include strumenti di ogni tipo: astronomici, medico chirurgici, di chimica e fisica, industriali, strumenti per la telecomunicazione, orologi, macchine da calcolo, ecc...
La tipologia di beni presi in considerazione in questa campagna di catalogazione è riconducibile alla modellistica scientifica del XVIII e XIX secolo, due casi ben distinti e distanziati da un arco cronologico di circa un secolo. Da un lato, un nucleo di cere ostetriche realizzate dallo scultore bolognese Giovan Battista Manfredini e dai suoi collaboratori tra il 1773 e il 1776 e ad oggi conservate presso i Musei Anatomici dell’Università di Modena, e dall’altro, un nucleo di 85 modelli di fiori ed altri organi vegetali prodotti dalla Manifattura Robert Brendel e acquistati dall’Università di Bologna nel 1880. Di questo nucleo, recuperato dai depositi del Museo Botanico, nel 2008 ho stilato una mappatura nell’intento di rimettere ordine ai numerosi frammenti di fiori che, a causa del tempo e dei numerosi traumi subiti, si erano smontati, danneggiati e in alcuni casi dispersi. Il nucleo bolognese dei modelli di fiori è del tutto inedito e non esiste una bibliografia specifica sull’argomento. Grazie all’esperienza formativa di questo Master, e alla collaborazione del Museo Botanico, è nata l’idea di iniziare una campagna di catalogazione dell’intero nucleo Brendel per poi, nel migliore dei casi, sottoporli ai necessari interventi di restauro ed esporli nella collezione permanente del Museo stesso.
Nel complesso, tale intervento di studio e catalogazione offre l’opportunità di conoscere, tutelare e valorizzare, una piccola parte del vastissimo patrimonio scientifico-storico-culturale conservato nei Musei Universitari delle nostre città, che costituiscono, nella loro operosa interdisciplinarietà, una vera e propria rete di conoscenze integrate.

Modelli anatomici in cera e modelli di fiori in cartapesta, modelli didattici, cioè utilizzati e concepiti a scopo didattico-scientifico e così definiti secondo la tradizione degli studi storico-scientifici. Ad oggi questa tipologia di beni non viene più utilizzata come supporto alla didattica ed oltre ad essere considerata oggetto di interesse storico, culturale e scientifico, lo è diventata dal punto di vista artistico in quanto riconducibile all’attività di artisti affermati, come nel caso delle cere anatomiche, e di artigiani, come nel caso dei modelli di fiori.
Il mio lavoro di ricerca e di catalogazione risponde alla necessità di documentare questo prezioso patrimonio, inteso come testimonianza della nostra tradizione didattico-scientifica e di come l’arte possa esprimersi anche al servizio della scienza diventando risorsa indispensabile per l’insegnamento della stessa.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Grazie all’utilizzo della scheda PST – Patrimonio Scientifico e Tecnologico, dal 2005 individuata come lo standard nazionale per la catalogazione dei ‘beni e gli strumenti di interesse per la storia della scienza e della tecnica’ 1 , è stato possibile catalogare due nuclei distinti di oggetti, entrambi appartenenti al vastissimo patrimonio culturale di cui i Musei universitari della nostra Regione sono custodi ma che, a causa della mancanza di fondi, non è ancora possibile valorizzare e tutelare al meglio. 2 Con beni e strumenti di interesse per la storia della scienza e della tecnica si intende un vastissimo campo di indagine che include strumenti di ogni tipo: astronomici, medico chirurgici, di chimica e fisica, industriali, strumenti per la telecomunicazione, orologi, macchine da calcolo, ecc... La tipologia di beni presi in considerazione in questa campagna di catalogazione è riconducibile alla modellistica scientifica del XVIII e XIX secolo, due casi ben distinti e distanziati da un arco cronologico di circa un secolo. Da un lato, un nucleo di cere ostetriche realizzate dallo scultore bolognese Giovan Battista Manfredini e dai suoi collaboratori tra il 1773 e il 1776 e ad oggi conservate presso i Musei Anatomici dell’Università di Modena, e dall’altro, un nucleo di 85 modelli di fiori ed altri organi vegetali prodotti dalla Manifattura Robert Brendel e acquistati dall’Università di Bologna nel 1880. Di questo nucleo, recuperato dai depositi del Museo Botanico, nel 2008 ho stilato una mappatura nell’intento di rimettere ordine ai numerosi frammenti di fiori che, a causa del tempo e dei numerosi traumi subiti, si erano smontati, danneggiati e in alcuni casi dispersi. Il nucleo bolognese dei modelli di fiori è del tutto inedito e non esiste una bibliografia specifica sull’argomento. Grazie all’esperienza formativa di questo Master, e alla collaborazione del Museo Botanico, è nata l’idea di iniziare una campagna di catalogazione dell’intero nucleo Brendel per poi, nel migliore dei casi, sottoporli ai necessari interventi di restauro ed esporli nella collezione permanente del Museo stesso. Nel complesso, tale intervento di studio e catalogazione offre l’opportunità di conoscere, tutelare e valorizzare, una piccola parte del vastissimo patrimonio scientifico-storico-culturale conservato nei Musei Universitari delle nostre città, che costituiscono, nella loro operosa interdisciplinarietà, una vera e propria rete di conoscenze integrate. Modelli anatomici in cera e modelli di fiori in cartapesta, modelli didattici, cioè utilizzati e concepiti a scopo didattico-scientifico e così definiti secondo la tradizione degli studi storico- 1 l’art. 11 del Codice dei beni Culturali e del paesaggio (D.L. vo 42/2004) include tra le categorie di beni oggetto di specifiche disposizioni di tutela. 2 Stanzani A., Giudici C., 2001.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

anatomia
antonio scarpa
bologna
botanical model
carlo mondini
cere anatomiche
ceroplastica
collezioni universitarie
coniugi manzolini
g. antonio galli
g. battista manfredini
iccd
luigi calza
modelli anatomici
modena
musei anatomici
museo botanico
ostetricia
pst
robert brendel
università

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi