Skip to content

Società, Comitati, Fondazione: la macchina organizzativa del Carnevale di Viareggio

Informazioni tesi

  Autore: Luca Malocu
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze della politica
  Relatore: Alessandro Volpi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 206

Il Carnevale di Viareggio nacque nel 1873 su iniziativa di un gruppo di giovani rampolli della Lucca-bene che si trovavano sulla costa a trascorrere il periodo invernale. Costoro, insieme ad alcuni viareggini benestanti, organizzarono dei festeggiamenti carnevaleschi nelle vie del centro cittadino in occasione del martedì Grasso e della domenica precedente. Lo spirito del Carnevale abbandonò così il chiuso delle sfarzose abitazioni private e dei saloni da ballo per diffondersi tra tutta la cittadinanza, senza più alcuna distinzione di ceto, e divenire un patrimonio comune. Intanto le carrozze, addobbate da fiori, statue e caricature satiriche, lasciarono presto il posto ai più complessi e mastodontici carri di cartapesta, costruiti inizialmente dalle maestranze dei fiorenti cantieri navali cittadini e poi da veri e propri professionisti. Questi sono i carristi, spesso chiamati "maghi della cartapesta", che coniugano le abilità manuali del fabbro e del falegname, con conoscenze ingegneristiche e, soprattutto, con spiccate doti artistiche e culturali proprie della pittura, della scultura e del teatro. Da un lato, dunque, il Carnevale di Viareggio divenne un importante fenomeno sociale e culturale, dall'altro un fondamentale motivo di richiamo turistico che consentiva (e consente) una certa destagionalizzazione dei flussi turistici, altrimenti concentrati prevalentemente nel periodo estivo. Nel corso del primo secolo di vita della manifestazione ad organizzare i festeggiamenti carnevaleschi furono alcune Società prima ed alcuni Comitati poi. Questi erano enti di varia natura, composizione e denominazione. Una maggiore stabilità alla guida della manifestazione cittadina si ebbe a partire dal 1972, quando ente garante unico del Comitato Carnevale divenne il Comune di Viareggio. Dal 1987 l'organizzazione del Carnevale passò ad un nuovo ente: la Fondazione Carnevale di Viareggio. Le edizioni predisposte da tale ente, il suo funzionamento, gli obiettivi perseguiti e i risultati raggiunti sono al centro dell'analisi svolta. Basti qui sottolineare come la creazione di tale ente fosse motivata da un lato dalla necessità di separare le sorti del Carnevale dalle contingenze politiche locali, e dall'altro dall'opportunità di creare un soggetto giuridico in grado di gestire i cospicui fondi che dalla metà degli anni '80 provenivano alla manifestazione cittadina grazie all'istituzione di una Lotteria nazionale legata al nome del Carnevale e destinati, almeno nelle intenzioni, alla costruzione di un nuovo complesso architettonico per la realizzazione dei carri allegorici. "Slegare" le sorti del Carnevale dalla quotidianità della politica locale è un obiettivo che, dall'analisi svolta, non risulta raggiunto. Nè nel primo periodo di vita dell'ente (dal 1987 al 1997), caratterizzato dal succedersi di più Presidenti, nè durante la lunga Presidenza di Elio Tofanelli (dal 1998 al 2008). Occorre, inoltre, sottolineare come la costruzione della Cittadella fu realizzata solo diversi anni dopo l'istituzione dell'ente (fu inaugurata nel dicembre del 2001) e con fondi di diversa provenienza: non grazie agli introiti provenienti dalla Lotteria (che peraltro negli anni si sono draticamente ridotti fino a scomparire del tutto), bensì tramite un'operazione finanziaria basata sull'emissione di BOC (Buoni Ordinari Comunali). Analizzando gli anni in cui il Carnevale è stato organizzato dalla Fondazione, sono emersi alcuni punti di forza della manifestazione ed alcuni motivi di debolezza o, meglio, la necessità di risolvere alcuni nodi problematici in vista di una gestione più professionale del Carnevale stesso e di un suo rinnovato slancio verso il futuro. Tra i primi si possono annoverare la sentita partecipazione della cittadinanza alla manifestazione, il valore culturale della stessa (recentemente inserita all'interno del "Codice dei Beni culturali") e la straordinaria creatività e capacità realizzativa dei costruttori viareggini. Tra i punti di maggiore criticità, invece, vanno menzionati i rapporti tra la politica locale e la Fondazione, tra quest'ultima ed i carristi e, infine, una gestione economica rivelatasi non sempre efficiente. Sono questi gli aspetti principali sui quali la nuova gestione della Fondazione, in carica dall'agosto del 2008 e presieduta da Nanni Maglione, dovrebbe intervenire. Così come dovrebbe perseguire alcune azioni strategiche quali, ad esempio, la valorizzazione del Carnevale quale fenomeno artistico e culturale di rilevanza nazionale ed internazionale, e quale risorsa turistica da promuovere tramite nuove forme di collaborazione tra i soggetti coinvolti che consentano di superare le varie contrapposizioni che sono emerse nel corso degli anni.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Premessa Il Carnevale di Viareggio è un fenomeno di notevole importanza da un punto di vista culturale, artistico, sociale, ma anche economico. Il primo capitolo del presente lavoro è volto ad inquadrare in maniera specifica l'oggetto dell'analisi, ovvero gli aspetti organizzativi della manifestazione e le problematiche a ciò connesse. Nel secondo paragrafo saranno invece evidenziati i significati e le funzioni del Carnevale da una prospettiva più generale. Se, infatti, il Carnevale di Viareggio si connota come un fenomeno "moderno" e strettamente connesso, per quanto riguarda i suoi sviluppi, al nascente mercato turistico cittadino, è altrettanto vero che la sua origine è quella antica di festa popolare legata da un lato al mondo contadino ed ai suoi riti, e dall'altro alla liturgia cristiana. Il secondo capitolo ripercorre, attraverso un breve excursus storico, le tappe principali che hanno portato la manifestazione cittadina ad essere ciò che essa è oggi: dall'origine spontanea per volontà di giovani benestanti (viareggini e lucchesi), alla sua diffusione negli

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

allegorici
avanzini
burlamacco
carnevale
carri
cittadella
comitato
corso mascherato
culturale
darsena
folklore
fondazione
galli
lotteria
maglione
marco polo
martedì grasso
passeggiata
rioni
società
tofanelli
turismo
versilia
viareggio

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi