Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il rapporto di lavoro del calciatore professionista

Il mondo lavorativo conosce varie forme di lavoro subordinato considerate speciali per la particolare posizione del datore di lavoro e del lavoratore. Proprio a causa di questa peculiarità, tali rapporti richiedono una legislazione ad hoc. A tal proposito, il rapporto di lavoro del calciatore professionista si caratterizza dalla peculiarità che il datore di lavoro è una società sportiva e la prestazione del lavoro ha come oggetto una disciplina sportiva. Il rapporto speciale di lavoro intercorrente tra società sportive e sportivi professionisti è stato disciplinato per la prima volta in Italia con la legge sul professionismo sportivo, la legge n. 91 del 23 marzo 1981 che, proprio per la specialità dell’ordinamento sportivo, ha introdotto notevoli differenziazioni rispetto alla disciplina del rapporto di lavoro subordinato, garantendo innumerevoli diritti ai calciatori.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Il mondo lavorativo conosce varie forme di lavoro subordinato considerate speciali per la particolare posizione del datore di lavoro e del lavoratore. Proprio a causa di questa peculiarità, tali rapporti richiedono una legislazione ad hoc a tutela del lavoratore ritenuto, generalmente, contraente debole. A tal proposito, questa tesi si propone di analizzare il rapporto di lavoro del calciatore professionista, rapporto in cui il datore di lavoro è una società sportiva e la prestazione del lavoro ha come oggetto una disciplina sportiva. Il rapporto speciale di lavoro intercorrente tra società sportive e sportivi professionisti è stato disciplinato per la prima volta con la legge n. 91/1981 che, proprio per la peculiarità dell’ordinamento sportivo, ha introdotto notevoli differenziazioni rispetto alla disciplina del rapporto di lavoro subordinato, garantendo innumerevoli diritti ai calciatori. Con questo lavoro si analizzerà come il rapporto tra calciatore professionistico e una società calcistica, dal 1981, si sia evoluto in favore del lavoratore–calciatore attraverso l’abolizione del c.d. vincolo sportivo.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Emanuele Cippone Contatta »

Composta da 134 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1998 click dal 14/04/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.