Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il linguaggio pubblicitario come costruttore di identità e di valori. Il caso delle pubblicità Barilla in Italia e negli Stati Uniti

Quando si parla di contesto, nella dimensione più ampia in cui un messaggio può essere inviato e ricostruito, ci si riferisce al contesto sociale, fatto di norme, convezioni e aspettative comunicative, linguistiche e comportamentali. Fintanto che un messaggio viene trasmesso all’interno di una società che conosce e condivide tali norme, non dovrebbero esserci problemi per una sua corretta ed esaustiva comprensione; ma quando uno stesso messaggio deve essere veicolato al di fuori della società che lo ha generato, tutto si complica poiché ogni società ha costruito le proprie regole e comportamenti sociali. La lingua, che è l’elemento più immediato e facilmente riconoscibile di una società, ne è in realtà solo un tassello.
Sebbene sia in atto un processo di crescente globalizzazione nelle economie sviluppate di tutto il mondo, l’allineamento culturale non segue lo stesso ritmo frenetico e incalzante.
Si è soliti credere che basta tradurre da un codice linguistico a un altro perché avvenga una comunicazione interculturale; in realtà quello che avviene è semplicemente uno scambio tra codici linguistici: ciò che Jakobson (1966) chiama traduzione interlinguistica. Quando siamo di fronte a società diverse, e quindi culture differenti, la traduzione interlinguistica non basta a garantire una comunicazione efficace e di successo; quello che serve è un adeguamento alle convenzioni, aspettative, consuetudini sociali e linguistiche della cultura target.
Esiste un terreno estremamente interessante per analizzare le numerose contraddizioni e opportunità della comunicazione interculturale della moderna società contemporanea ed è il campo della pubblicità. L’economia si fa internazionale, le così dette multinazionali occupano porzioni di mondo sempre più vaste e si dirigono a pubblici eterogenei e di culture diverse.
Mettendo insieme tutto quello detto finora, appare che la comunicazione pubblicitaria da parte delle aziende contemporanee si trovi di fronte a una sfida complessa: da una parte adempiere alla sua funzione principale, quella di comunicare uno stesso messaggio (ad esempio il lancio di un nuovo prodotto sul mercato o di nuove promozioni in arrivo), dall’altra, quello di veicolarlo con i mezzi e le modalità proprie di ogni cultura target. La comunicazione, quindi, sarà efficace solo se saprà, da un lato, essere coerente con i messaggi lanciati, dall’altro, se sarà in grado di rispettare e adeguarsi ai bisogni linguistici e culturali della società cui si rivolge.
Al giorno d’oggi, questa sfida è resa più complicata da una nuova tendenza: le aziende non devono saper comunicare e trasmettere un’informazione (come ad esempio le qualità tecniche di un prodotto o la convenienza di una promozione), ma devono essere in grado di parlare di sé, veicolare valori più profondi e sottili riguardo la marca e il mondo che le ruota attorno. Aplle quindi non si limita a vendere oggetti elettronici, ma innovazione (Think Different) ; Nokia non si promuove come l’azienda che costruisce telefonini, ma come quella che è in grado di far unire le persone (Connecting People); Benetton non vende vestiti ma un modo diverso di concepire la convivenza tra i popoli, sereno e pacifico (United Colors of Benetton).
Si capisce bene che i messaggi pubblicitari che le aziende sono chiamate a creare devono essere estremamente sofisticati e raffinati, nonché coerenti e specifici per ogni cultura target.
Ho deciso di analizzare il linguaggio pubblicitario perché mi permette di prendere in considerazione tutti gli aspetti sopracitati, le loro relazioni reciproche e i loro effetti su quelle società chiamate a decifrare tali messaggi. Il mio proposito con questo lavoro di tesi è dunque quello di studiare il modo in cui una grande multinazionale italiana, Barilla, ha creato il proprio discorso pubblicitario nell’era della globalizzazione, e come è stata capace di declinarlo secondo le esigenze linguistiche e culturali del target cui si rivolgeva. Mi sono basata sugli annunci stampa creati da Barilla per pubblicizzare il suo prodotto di punta, la pasta, in patria e negli Stati Uniti, cercando di capire come il linguaggio pubblicitario veniva costruito per veicolare determinati messaggi riguardo l’identità dell’azienda e i suoi valori, attraverso la struttura compositiva dell’annuncio, e quindi attraverso gli elementi iconici e verbali e la loro reciproca interrelazione.
Ho scelto di studiare il linguaggio di Barilla poiché è un’azienda che ha sempre dato larga importanza alla comunicazione, intendendo da subito che la buona comunicazione le avrebbe garantito un enorme successo. Mi è sembrato quindi opportuno capire per primo, cosa effettivamente Barilla promuoveva nelle sue campagne e secondo, quale tipo di discorso ha deciso di sviluppare per il mercato estero, americano nel dettaglio.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Lingua, società e comunicazione: questo il titolo del mio corso di Laurea magistrale e punto di partenza da cui ho sviluppato questo lavoro di tesi. Mi sono proposta di trovare un punto di unione fra i tre elementi sopracitati che li racchiudesse e mostrasse la loro inestricabile connessione e interrelazione. Comunicare è un bisogno e una priorità crescente nel mondo globalizzato contemporaneo; l’informazione e la sua trasmissione stanno alla base di ogni società così come della moderna economia. Ma la comunicazione è un sistema complesso, e diversi fattori ne determinano il suo successo o il suo fallimento; i manuali di linguistica sono pieni di teorie e modelli per una comunicazione corretta ed efficace (Austin, 1974; Chomsky, 1989; Grice, 1975; Jakobson, 1966; Saussure, 1916; Halliday, 1973; Searle, 1973) e tutti sono d’accordo nell’affermare che, in cui qualsiasi atto comunicativo, il contesto è una componente fondamentale per decifrare il significato dei messaggi scambiati. Quando si parla di contesto, nella dimensione più ampia in cui un messaggio può essere inviato e ricostruito, ci si riferisce al contesto sociale, fatto di norme, convezioni e aspettative comunicative, linguistiche e comportamentali. Fintanto che un messaggio viene trasmesso all’interno di una società che conosce e condivide tali norme, non dovrebbero esserci problemi per una sua corretta ed esaustiva comprensione; ma quando uno stesso messaggio deve essere veicolato al di fuori della società che lo ha generato, tutto si complica poiché ogni società ha costruito le proprie regole e comportamenti sociali. La lingua, che è l’elemento più immediato e facilmente riconoscibile di una società, ne è in realtà solo un tassello. Sebbene sia in atto un processo di crescente globalizzazione nelle economie sviluppate di tutto il mondo, l’allineamento culturale non segue lo stesso ritmo frenetico e incalzante. Si è soliti credere che basta tradurre da un codice linguistico a un altro perché avvenga una comunicazione interculturale; in realtà quello che avviene è semplicemente uno scambio tra codici linguistici: ciò che Jakobson (1966) chiama traduzione interlinguistica. Quando siamo di fronte a società diverse, e quindi culture differenti, la traduzione interlinguistica non basta a garantire una comunicazione efficace e di successo; quello che serve è un adeguamento alle convenzioni, aspettative, consuetudini sociali e linguistiche della cultura target. Esiste un terreno estremamente interessante per analizzare le numerose contraddizioni e opportunità della comunicazione interculturale della moderna società contemporanea ed è il

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Diana Tuorto Contatta »

Composta da 199 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12222 click dal 10/05/2011.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.