Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Fenomeni dell’urbanesimo nell’antico Egitto

Nell’Antico Egitto si possono, bene o male, distinguere due tipi di insediamenti urbani. Insediamenti permanenti, che, nel corso della loro storia, hanno goduto di un’occupazione continua, e insediamenti pianificati, che venivano costruiti per volere del sovrano per assolvere a una determinata funzione. Una volta terminato il compito per cui erano state costruite queste città, gli abitanti potevano anche decidere di abbandonarle.Dal punto di vista archeologico, gli insediamenti del primo tipo hanno restituito soprattutto edifici di carattere monumentale. Risulta quasi impossibile ricostruire l’antica planimetria urbana degli insediamenti di questo tipo, dato che hanno subito continui rinnovamenti con l’abbattimento di vecchi edifici per far posto a quelli nuovi.Per quanto riguarda gli insediamenti pianificati, la planimetria urbana antica è più facilmente ricostruibile. Essi non hanno subito rifacimenti successivi e dopo l’abbandono da parte degli abitanti sono rimasti praticamente inalterati. Gli insediamenti pianificati presentavano tutti delle caratteristiche in comune.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Inquadramento geografico L’Egitto è la terra della bassa valle del Nilo che va da Aswan a Sud fino al Delta del Nilo a Nord. Con il Nilo che scorre da Sud a Nord, l’Egitto è solitamente diviso in: 1)Alto Egitto: la parte meridionale del paese, da Aswan ad Asyut. 2)Medio Egitto: la regione che va da Asyut al Fayum (zona originariamente paludosa sulla riva Ovest del Nilo, a Sud del Delta). 3)Basso Egitto: la parte settentrionale del paese, dal Fayum alla foce del Delta. Lungo il corso del Nilo, sia ad Est che ad Ovest, c’è la piana di inondazione che veniva annualmente raggiunta dalle acque del fiume durante la stagione della piena (Akhet). In tempi antichi l’agricoltura era possibile solo nella parte della valle inondata dal fiume. Ad Ovest della piana di inondazione vi è il Deserto Occidentale, un ambiente secco e arido caratterizzato dalla presenza di cinque grandi oasi: Siwa, Bahariya, Farafra, Dakhla e Kharga. Nel Deserto Occidentale nubiano, più a Sud,

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Cleto Carbonara Contatta »

Composta da 82 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 358 click dal 14/04/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.