Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'opacità della coscienza; psicologia e filosofia dell'introspezione

Nell'ambito interdisciplinare delle neuroscienze e della psicologia cognitiva, un lavoro di approfondimento sulla coscienza umana e sul percorso che l'ha portata ad essere- dal dominio assoluto dell'umano su di essa-una delle frontiere piu' lontane dell'indagine sulla cognizione umana. Da Cartesio a Carruthers, un percorso che illustra come attualmente, l'uomo sia meno artefice del proprio destino di quanto si potesse pensare.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE “Conosci te stesso”. Fin dai tempi dell’ordine impartito dall’oracolo di Delfi, l’uomo ha cercato di soddisfare questo imperativo, creando concetti e teorie in grado di rispondere agli interrogativi sulla nostra identità: introspezione, soggettività, coscienza e auto-coscienza, volontà, parole che ci appaiono oggi familiari, pienamente dominabili, ma che in realtà sono più che mai opache e sfuggenti. La realtà spesso è più complessa di quanto possa sembrare, soprattutto quando concerne l’essere umano e la sua domanda perenne: che cosa sono io? Noi esseri umani, noi animali pensanti, noi unione di mente e corpo; sinergia perfetta di macchina fisica e pilota mentale, espressione più evoluta dell’industria naturale, prodotto di un’evoluzione biologica che ingannevolmente sembra condurre per forza di cose, all’essere umano. Noi così misteriosi, malgrado, nel corso della sua storia, l’uomo abbia portato avanti una spontanea riflessione filosofica e speculativa su se stesso, riflessione che nei secoli ha dato forma alla cultura e alla società in cui viviamo, nonché alle convinzioni che la contraddistinguono, come ad esempio la percezione fondamentale di un controllo completo sulle nostre azioni. Tale analisi è continuata anche negli ultimi cento anni, prendendo via via le distanze dalla speculazione a priori per dare spazio e importanza alla prova sperimentale, conducendo a scoperte che in un passato non troppo remoto, sarebbero apparse impossibili. Questa tesi magistrale nasce dal desiderio di terminare il mio ciclo di studi con una riflessione, l’ennesima, sull’uomo, e in

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Chiara Lorio Contatta »

Composta da 97 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4233 click dal 14/04/2011.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.