Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La lotta alla corruzione nel diritto internazionale

L’attenzione al fenomeno della corruzione è cresciuta enormemente negli ultimi decenni, attirando l’interesse e le preoccupazioni di un gran numero di soggetti non solo a livello locale, ma anche internazionale. Questo anche perché, grazie alla globalizzazione, allo sviluppo dei mezzi di comunicazione e ai sempre più frequenti scambi commerciali e spostamenti di individui a livello internazionale, la corruzione ha avuto modo di spostarsi dal piano esclusivamente nazionale, a quello globale.
In risposta a questo cambiamento i diversi soggetti del panorama internazionale, Stati, Organizzazioni governative e società civile, si sono attivati per cercare di contrastare il crescente fenomeno, tentando di trovare metodi e rimedi per prevenire e combattere la corruzione.
Obiettivo di questo lavoro è quello di capire, analizzando innanzitutto quali strumenti ufficiali esistono per contrastare la corruzione a livello nazionale e internazionale, quale ruolo abbia la società civile in questa lotta, con quali mezzi cerchi di influenzare il diritto internazionale in materia e fino a che punto questo obiettivo venga raggiunto.
Per fare questo tratteremo innanzitutto la tematica in generale, cercando di capire che cosa significhi corruzione, quali fattori la generino e come venga intesa dai diversi ordinamenti giuridici nazionali. Detto questo analizzeremo la legificazione a livello internazionale, quali organi ufficiali abbiano lavorato in tale direzione e con quali esiti. Per arrivare ad esaminare il comportamento della società civile e capire attraverso quali organizzazioni e quali mezzi si espliciti. Infine cercheremo di capire quali risultati concreti abbiano ottenuto le azioni, sia governative, sia non governative, e in particolare quale sia il ruolo della società civile in questa lotta, ossia quali effetti e quanto peso abbia all’interno del diritto internazionale.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 Introduzione Affrontare il tema della corruzione significa affrontare un problema di portata ormai globale e con risvolti e implicazioni sempre più spesso transnazionali e legati ad un elevato numero di discipline, quali economia, sociologia, politica e non per ultimo il diritto. Oggi più che mai, appare evidente che la lotta alla corruzione sia una delle più grandi sfide mondiali, che comporta conseguenze per lo sviluppo dell’intero pianeta e il coinvolgimento di un sempre maggior numero di soggetti, governativi e non, provenienti da tutti i settori e da tutte le fasce della società. Uno studio della Banca Mondiale 1 afferma che già nel 2004 la corruzione rappresentava un’industria mondiale pari a 1 trilione di dollari e sottolinea che il calcolo dell’ammontare delle transazioni commerciali corrotte, comprende solo una parte dei costi complessivi della corruzione, la quale rappresenta anche uno dei maggiori ostacoli nel ridurre la povertà dei paesi con economie emergenti e per lo sviluppo sociale ed economico a livello globale. L’enorme portata del fenomeno è dovuta al suo carattere invasivo e alla sua ampia diffusione. Questo comportamento affligge, infatti, qualsiasi paese del mondo, indipendentemente dalla posizione geografica, dalla cultura, dall’ideologia, dalla situazione economica e dallo sviluppo sociale; nessuno stato sembra esserne immune 2 . 1 Si veda per approfondimento l’articolo The Cost of Corruption ,8 aprile 2004, sul sito della Banca Mondiale, sezione News and Broadcast, feature stories: http://web.worldbank.org/ 2 RICK STAPENHURST,SAHR JOHN KPUNDEH, Curbing corruption, World Bank, Washnigton D.C., 1999.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Isabella Macchetti Contatta »

Composta da 119 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5733 click dal 12/04/2011.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.