Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il project financing negli enti locali

La seguente tesi di laurea in giurisprudenza approfondisce l'argomento del Project financing, ovvero della tecnica di finanziamento cui sovente ricorrono molte amministrazioni pubbliche nel corso di appalti di lavori pubblici.
L'analisi parte da una generale panoramica sulle origini dell'istituto, dalle applicazioni nel mondo anglosassone nel '500-'600 fino alla consolidata prassi dei commerci internazionali. Gli accordi GATT e l'organizzazione WTO assieme alla descrizione del diritto del commercio mondiale fanno da cornice per il progressivo inserimento della finanza di progetto - allora ancora allo stadio primordiale di Partenariato - nell'ambito dei lavori pubblici. Esempi topici come l'Eurotunnel sotto la Manica e numerose reti ferroviraie europee.
Viene successivamente preso in considerazione il dualismo fra appalto e concessione, la fattispecie contrattuale fra pubblico e privato, i risvolti dell'appalto dell'utilizzo del P.F.
La finalità di cassa di molti enti locali, spesso in situazione di stallo finanziario se non proprio di dissesto, spinge sempre più a finanziare un lavoro o servizio pubblico con capitali privati; banche, società finanzarie ecc. fanno da protagonisti del fenomeno.
Il promotore, la PA coinvolta e tutti i soggetti principali sono descritti singolarmente. La società veicolo o società di progetto è analizzata nel suo ruolo di garante del flusso di cassa - cash flow - con cui un soggetto erogatore del finanziamento si garantisce un tornaconto economico.
Infine è dedicato ampio spazio alla giurisprudenza amministrativa circa le modifiche avvenute negli anni 2006-2008 al Codice dei contratti pubblici, alla normativa comunitaria e nazionale, alla fattispecie mista o multicontrattuale dell'istituto del p.f.
Casi cocreti italiani in chiusura del lavoro sono passati in rassegna nell'ultimo capitolo, partendo dal caso del ponte di Messina fino ad alcune grandi opere come il Mose a Venezia e le reti metropolitane di trasporti di Roma e Milano, la portualità in Campania ecc.
Tutto per dimostrare le reali potenzialità della finanza di progetto e del partenariato pubblico-privato nel contesto di una situazione di crisi economica come quella attuale.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Capitolo 1 Introduzione al project financing : le origini dell’istituto SOMMARIO : 1. Le radici storiche del project financing e l‟esperienza anglosassone. 2. La prassi del commercio internazionale. 2.1. Il mercato internazionale e la globalizzazione. 2.2. La Lex mercatoria e i principi Unidroit. 2.3. La W.t.o. e gli accordi commerciali relativi. 1. Le radici storiche del project financing e l’esperienza anglosassone La formula “project financing” indica un fenomeno le cui origini risalgono ai sistemi giuridici di “common law” e, dunque, all‟area britannica e, solo successivamente, all‟intero Commonwealth. Fu infatti con l‟intensificarsi dei commerci fra la Corona britannica ed il resto delle colonie che le varie pratiche, fra cui quella in esame, si estesero al resto dei Paesi che tuttora hanno un sistema di diritto di stampo anglosassone 1 . Attraverso la prassi del commercio internazionale il fenomeno si sarebbe poi allargato agli ordinamenti di civil law. 1 La forma più antica di project financing risale al 1299 quando la Corona inglese negoziò una forma di prestito con i Frescobaldi per sviluppare una miniera d’argento nel Devon. Il prestito accordava al finanziatore il diritto di controllare le operazioni della miniera per un anno. Anche le spedizioni commerciali nel XVII e XVIII secolo furono finanziate sulla base del progetto: gli investitori fornivano i fondi alle Compagnie delle Indie Olandesi o Britannica per i viaggi che esse effettuavano in Asia ed erano ripagati tramite la liquidazione del carico di merci secondo la loro quota di partecipazione.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Francesco Pascuzzo Contatta »

Composta da 173 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2237 click dal 07/04/2011.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.