Skip to content

Genesi e gestione del senso urbano. Applicazioni allo spazio di Riccione

Informazioni tesi

  Autore: Antonio Rosati
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Semiotica
  Relatore: Giovanna Cosenza
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 172

La tesi di laurea si propone di sviluppare una metodologia d'analisi utile alla descrizione semiotica dei fenomeni urbani, attraverso il dialogo con discipline come il marketing territoriale, l'urbanistica, la sociologia, la scienza politica. In particolare si sono tradotte problematiche tipiche del marketing territoriale come le strategie di valorizzazione del territorio e si sono poste le basi per lo sviluppo del concetto di capitale semiotico. Per quanto riguarda il rapporto con l'urbanistica si è verificato il rapporto tra le morfologie urbane e le pratiche che suggeriscono. I risultati dell'indagine semiotica riguardano la proposta di un metodo di indagine urbana che faccia coesistere e renda intertraducibili strutture valoriali e osservazione etnosemiotica. Le conclusioni infine riguardano la proposta di applicare la struttura politica elaborata dal marchese di Condorcet al modello semiotico che percorre la trattazione. Riccione costituisce un utile riferimento per la conferma delle tesi esposte in quanto rappresenta insieme un caso di successo di promozione territoriale, di lavoro sugli effetti di senso della propria forma fisica, di ricerca di connotati di partecipazione, libertà e socialità, i quali la rendono un unicum da comprendere e, eventualmente, replicare.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
0. Introduzione Alma cittade, ove amor ten suo seggio, e te sopravolando sempra agira, qual nascosa cagion tanto me tira, che altro ch’esser in te giamaî non cheggio? Matteo Maria Boiardo, Amorum libri tres. 0.1. Che cosa è una città? La città è, secondo una tradizione che va da Aristotele al medioevo, il centro d’attrazione verso cui tendono le attività sociali umane, una forma d’organizzazione con l’obiettivo di far vivere bene l’uomo, di fargli raggiungere la felicità. È questo il senso prin- cipale della cittadinanza che la citazione in esergo ci ricorda. «Aristotele dice che la città è nata per preservare la vita, essa esiste per far vivere bene gli uomini, dunque in sostanza è una maniera d’organizzazione, un complesso di modelli di relazione, uno stile di congrega- zione» [Farinelli, 2006, p. 15] 1 . Per questo la città si fonda sulla natura umana, sulla tenden- za naturale dell’uomo a socializzare. Essa è quindi una funzione che convoca e attiva inte- ressi conflittuali e armonici, funzioni che la semiotica definisce rispettivamente struttura polemica e struttura contrattuale, caratterizzati dal perseguimento di un valore positivo re- lativo ai soggetti interessati. Più recentemente, ma già a partire dai lavori di Leon Battista Alberti del XV secolo, quindi con la cosiddetta modernità, la città è stata intesa come il complesso dei suoi edifici e dei percorsi volti a collegarli. Una precauzione che va immedia- tamente segnalata è che, come ha fatto notare Paolo Fabbri citando Bruno Latour [1991] in un intervento all’università di Palermo, forse moderni non siamo mai stati e quindi l’utilizzo dei termini “moderno” e “postmoderno” (che ricorreranno spesso) ha ora semplicemente funzione di riferimento alle scuole così denominate. Forse, come vuole Charles Baudelaire [1981, p. 288], la modernità è solo la parte fuggitiva e transitoria di una realtà il cui com- plementare è l’eterno e l’immutabile. Siamo allora forse davvero premoderni. Per questa ra- 1 Le date delle citazioni si riferiscono alla prima edizione in lingua originale, mentre i numeri di pagina si rife- riscono sempre all’edizione italiana, ove presente. I corsivi, a eccezione di indicazioni contrarie, sono sempre degli autori.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi