Skip to content

Assolutismo e libertà comunali alla periferia dello Stato Pontificio

Informazioni tesi

  Autore: Alessandro Ameli
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Storia
  Relatore: Valerio Marchetti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 173

L’elaborato esamina la posizione della città di Ripatransone nei confronti degli apparati amministrativi e fiscali di Roma, sede del governo Pontificio, e di Macerata, capoluogo della Marca d’Ancona, in special modo per quanto riguarda le cosiddette tasse dei cavalli vivi e morti, in un lasso di tempo compreso approssimativamente tra il 1520 e il 1620.
Il primo capitolo, intitolato “Tra Ascoli e Fermo”, tratta per l’appunto dei rapporti tra la Comunità di Ripatransone e le due città majores del sud della Marca, nemiche mortali e a capo di “Stati” formati da municipi di piccole e medie dimensioni. La posizione di Ripatransone è caratterizzata dallo sforzo continuo di svincolarsi dalla giurisdizione di Fermo. In tale contesto s’inseriscono dunque i rapporti amichevoli con Ascoli, interessata ad aumentare la propria influenza sul maggior numero di castelli all’interno del territorio rivale. Tale stato di cose giunge al parossismo alla fine del XV secolo, che vede la comunità ripana, dopo una lunga serie di conflitti armati tra le milizie dei tre Comuni, svincolarsi dall’influenza della dominante, e raggiungere un buon livello di sviluppo politico ed economico. Di qui l’ambizione della classe al governo, che si va progressivamente assestando secondo un modello patriziale, a vedere riconosciuta de iure la propria indipendenza. L’obiettivo diventa dunque che la Terra sia elevata a Città e quindi a centro di una diocesi, aggregando e assumendo la leadership dei quindici comuni situati tra il Fermano e l’Ascolano, e nominalmente sottoposti da secoli alla giurisdizione del Presidato Farfense. Due eventi incontrollabili, tuttavia, nel giro di pochi anni pongono il patriziato ripano da una situazione di crescita , ad una subitanea perdita di prestigio e ad un’impotenza pressoché totali. In primo luogo l’elezione a Pontefice di Felice Peretti, con il nome di Sisto V, causò per la dirigenza di Ripatransone la perdita di una cospicua porzione delle libertà tanto faticosamente acquisite: beneficiando le proprie “patrie”, con l’istituzione del Presidato di Montalto prima, e poi con l’elevazione della Sede di Fermo ad Arcidiocesi, Sisto V sottopose, di fatto, la città di Ripatransone a nuovi centri di potere, lasciando in pratica alla classe dirigente ripana soltanto la curatela dell’ordinaria amministrazione fiscale. A questa situazione si aggiunsero gli eventi drammatici degli anni a cavallo tra la fine del secolo XVI e l’inizio del XVII, che videro carestie e pestilenze falcidiare la popolazione, sprofondando la città, pochi decenni prima in buon momento economico, in una crisi irreversibile.
Nel secondo capitolo, intitolato “Tra Macerata e Roma”, la prima parte è dedicata ad una panoramica sui mutamenti occorsi nell’organizzazione amministrativa, fiscale e militare dello Stato pontificio, dalle Riforme sistine all’istituzione della Congregazione Cardinalizia del Buon Governo, al potenziamento del sistema e del prelievo tributario, ai tentativi di creazione di uno stabile esercito territoriale. Sono inoltre presi in considerazione i riflessi di tali mutamenti sulla particolare condizione della Marca Anconetana. Nella seconda parte sono invece analizzati i documenti, conservati nell’Archivio storico comunale di Ripatransone, riguardanti le tasse dei cavalli. Preso atto della scarsa bibliografia sull’argomento, si è dunque tentato di rintracciare l’origine delle due imposizioni in due contributi d’epoca feudale, il fodro (il dovere di foraggiare le cavalcature del re, dei suoi emissari e dei suoi soldati) e il restaur (il rimborso in caso di perdita del cavallo dovuto ai cavalieri, che in Italia assumeva il nome di mendum equorum). Si mostra come le tasse dei cavalli vivi e quelle dei cavalli morti appaiano per lungo tempo sentite come distinte e separate tanto all’interno dei brevi e delle costituzioni pontificie quanto nella corrispondenza fiscale degli Anziani di Ripatransone, e come gradualmente vengano svuotate dei caratteri originari formalizzandosi in un’unica composizione, non più pretesa dai soldati sul campo, ma riscossa regolarmente dai Tesorieri provinciali tramite loro emissari mandati da Macerata. Di fronte alla continuata opposizione delle magistrature cittadine a versare il contributo di cui vanta l’esenzione, è invece a Roma che vengono composte le dispute, dapprima dal Commissario della Camera e dal Camerlengo, in seguito dai Cardinali della Congregazione del Buon governo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione a. L’elaborato esamina la posizione della città di Ripatransone nei confronti degli apparati amministrativi e fiscali di Roma, sede del governo Pontificio, e di Macerata, capoluogo della Marca d’Ancona, in special modo per quanto riguarda le cosiddette tasse dei cavalli vivi e morti , in un lasso di tempo compreso approssimativamente tra il 1520 e il 1620. Queste due date individuano infatti i due estremi cronologici dei documenti inerenti l’esenzione dalle suddette tasse conservati all’interno dell’Archivio storico comunale di Ripatransone. È stato ovviamente necessario esaminare anche fonti e studi medievali, inerenti in particolare i secoli dal XIII al XV, al fine di determinare le linee di sviluppo della città, esporre la situazione di perenne rivalità e guerra tra municipi caratteristica del Piceno (le odierne province di Ascoli e Fermo) ancora all’inizio dell’età moderna, nonché tentare di individuare l’origine, pochissimo nota, delle due imposizioni, oggetto di ripetute controversie tra la comunità di Ripatransone, la Camera apostolica, e la Tesoreria della Marca. b. L’elaborato si articola in due capitoli. Il primo, intitolato “Tra Ascoli e Fermo” , tratta per l’appunto dei rapporti 5

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ascoli
cavalli morti
cavalli vivi
cavalli vivi e morti
comuni
fermo
libertà comunali
macerata
marca anconitana
marca d'ancona
piceno
ripatransone
roma
stato pontificio
tassa dei cavalli
tasse dei cavalli

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi